Multilateralismo possibile senza un potere egemonico

E-mail Stampa PDF

bandiere astedi Fabio Massimo Parenti

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Pubblicato sul Global Times del 24-06-2018

Qualche giorno fa, un editoriale del Financial Times, "Multilateralismo senza leadership americana", ha offerto un'interessante discussione sui cambiamenti dell'attuale ordine mondiale. Anche se un pezzo di opinione tende a semplificare eccessivamente la realtà, ancor più quando si tratta di tutto il mondo, può sollevare domande pertinenti per un nuovo dibattito.


L'editoriale ha ragione nel rilevare l'emergere di un sistema multilaterale senza leadership americana che si è palesato ben prima che Trump prendesse il potere. Il punto di svolta è rintracciabile negli anni della crisi finanziaria globale del 2007-08, che è stata, tuttavia, l'apice di un processo più lungo degno di sintesi. Dopo il crollo del sistema di Bretton Woods nel 1971, il dibattito internazionale all'interno delle Nazioni Unite ha messo in evidenza l'insufficienza dell'ordine USA-G7. Mi riferisco al dibattito sul cosiddetto New Economic Order (NEO) degli anni '70. L'inadeguatezza e l'insostenibilità della governance globale possono essere ricondotte alla sotto-rappresentazione istituzionale del nuovo ordine emergente guidato da tre blocchi (paesi occidentali, sovietici e non allineati): pochi paesi (G7) hanno preso decisioni per tutti e un paese (Stati Uniti) ha fornito la valuta per il mondo intero. Inoltre, dopo alcuni interessanti tentativi di riforma (ad es. SDR e finanza per lo sviluppo) per rispondere alle critiche legittime dei paesi del terzo mondo, USA-Regno Unito-Europa insieme hanno promosso quella che è nota come la "controrivoluzione monetarista", ispirata dalle politiche neoliberiste. Di fatto, la cosiddetta tendenza neoliberista, nata da Stati Uniti, Regno Unito ed Europa, ha creato decenni di gravi crisi finanziarie, prima nei paesi periferici e poi nelle nazioni emergenti e in transizione. Questi decenni, dagli anni '80 fino ad oggi, hanno registrato oltre 120 crisi finanziarie che hanno coinvolto ogni continente. Da ciò è emersa la necessità di formare un G20 e trasformare il Financial Stability Forum in un più ampio Board per la stabilità finanziaria (2009). Inoltre, il G20 e l'FSB sono solo pezzi di un puzzle più ampio di cambiamento costante e graduale della governance economica globale. Negli ultimi anni abbiamo visto il lancio di nuove banche multilaterali (NDB e soprattutto AIIB), il lancio della Belt and Road Initiative e la sua portata globale, la nuova cooperazione tra SCO e BRICS e molti altri movimenti guidati da Cina e Russia. Invece di chiamarli poteri antagonisti (contro-egemonici), dovremmo vedere i loro passi e le loro risposte alle crisi globali come un processo di contro-bilanciamento, risalente a due decenni fa. In una certa misura, il G20 e i progetti guidati da forze non occidentali rappresentano una risposta necessaria al fallimento dell'ordine mondiale neoliberale, tradizionalmente sostenuto dal militarismo statunitense e dalla loro egemonia monetaria.

Dopo aver riconosciuto il ruolo declinante dell'egemonia USA-G7, l'editoriale FT pone una domanda sbagliata - chi sarà il nuovo egemone? Questa è una domanda distorta che proviene dall'esperienza occidentale di dominazione dell'ordine mondiale, di solito basata sulla sostituzione di un centro di potere con un altro. Domande più appropriate potrebbero essere: abbiamo davvero bisogno di un nuovo egemone? Possiamo riorganizzare le relazioni internazionali in modo diverso? La mia risposta è che non abbiamo bisogno di un nuovo egemone come concepito fino ad ora. Abbiamo bisogno di poteri in grado di riformare la governance globale in armonia con metodi cooperativi e democratici, riformando l'ordine esistente con progetti di coesistenza pacifica. Questo è il valore aggiunto di una Cina in crescita: un mondo multipolare, in cui nessuna piccola area è esclusa dai nuovi potenziali benefici del multilateralismo, basati su una concezione tradizionale, reale, dell'economia. Inoltre, l'approccio cinese agli affari globali è incentrato su una serie di principi derivati ​​dal concetto di rispetto reciproco, il cuore della politica estera cinese. Il rispetto reciproco è alla base dei principi di non interferenza, non imposizione, rifiuto dell'uso della forza, cooperazione vantaggiosa per tutti e uguaglianza tra i paesi. Comunicazione e dialogo tra pari, non confronto militare; partnership non alleanze; scambio e apprendimento reciproco, non ignoranza. Questi e altri riferimenti di valore metodologico sono necessari per superare la mentalità della Guerra Fredda.

L’editoriale del FT sottolinea infine che il Giappone, il Canada, il Messico e la reazione dell'Europa alle misure protezionistiche di Trump dovrebbero portare a una maggiore cooperazione tra le nazioni. Questo approccio potrebbe in seguito marginalizzare il nazionalismo economico - si aggiunge - quando l'era di Trump terminerà. Tuttavia, per definizione, il nazionalismo economico non è contrario alla cooperazione internazionale. Il bilanciamento di entrambe le prospettive, l'integrazione e la cooperazione, nel rispetto delle diversità e delle priorità nazionali, richiederebbe una governance istituzionale più complessa, rappresentativa ed efficiente, basata su nuovi principi chiave per gestire le relazioni internazionali. Su questo, l'Occidente può imparare molto dall'esperienza cinese e collaborare con la Cina per costruire una "comunità di futuro condiviso per l'umanità". Perché no?

L'autore è professore associato di studi internazionali presso l’International Institute Lorenzo de’ Medici, Firenze, membro del CCERRI, think tank, Zhengzhou, e membro di EURISPES, Laboratorio BRICS, Roma.