L'Iran dice addio al dollaro: Teheran intende fatturare le esportazioni di petrolio in euro

E-mail Stampa PDF

da www.lantidiplomatico.it

L'Iran ama sempre prendersi gioco degli Stati Uniti. In realtà, è quasi un hobby per l'ayatollah, che ha mantenuto "morte all'America" come lo slogan semi-ufficiale del paese, anche mentre il Presidente Rouhani gioca al poliziotto buono con Obama e Kerry. Lo scrive Zero Hedge.

L'inchiostro era ancora fresco sull'accordo nucleare, quando Teheran ha condotto nuovi test missilistici, una mossa che certamente ha violato lo spirito della transazione, se non la sostanza. Due mesi più tardi, alcune navi iraniane si sono avvicinate a poche miglia dalla portaerei americana Truman che viaggiava in acque internazionali e hanno sparato alcuni razz e poi, alla vigilia dell'ultimo discorso sullo stato dell'unione del presidente Obama, "l'Iran ha sostanzialmente rapito 10 marinai americani in quello che è risultata essere una trovata pubblicitaria epica", prosegue il blog statunitense.

Tutto questo solleva seri interrogativi su quanto Teheran sia intenzionata a riprendere il rapporto con l'America, uno stato che per anni ha cercato di impoverire l'Iran come "punizione" per quello che l'Occidente riteneva essere il tentativo illegittimo di Teheran di costruire un'arma nucleare.


CONTINUA A LEGGERE