Il prezzo del petrolio sale e ricomincia la guerra tra valute

E-mail Stampa PDF

di Demostenes Floros | da temi.repubblica.it/limes/

petrolio 500RUBRICA GEOPOLITICA DEL CAMBIO A gennaio è aumentato il prezzo del greggio a causa delle politiche monetarie speculative delle banche centrali e del rischio legato al conflitto in Mali. Dollaro e sterlina ai minimi nei confronti dell'euro, il tasso di cambio dello yen è "politicizzato".

Durante il primo mese del 2013, il prezzo del petrolio è significativamente cresciuto rispetto ai livelli registrati nel dicembre 2012: il Brent infatti ha sfiorato i 115 dollari al barile [$/b, una crescita di +5$/b] mentre il Wti ha raggiunto quota 98$/b (+7$/b).

Per quanto riguarda i fondamentali del mercato del greggio, dal lato dell’offerta l’Arabia Saudita ha tagliato l’output per un ammontare di 465 mila b/g, pari al 4,9% della produzione totale di dicembre 2012, che si è attestata a 9,025 milioni di b/g.


CONTINUA A LEGGERE