Cina: motore chiave dell'economia globale dopo la pandemia

E-mail Stampa PDF

cina coronavirusdi teleSUR/SM

da https://www.telesurenglish.net

traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it

Il più recente rapporto del Fondo Monetario Internazionale (FMI) contiene un'informazione sorprendente. Ci si aspetta che l'economia globale si contragga del -4,4% e che l'anno prossimo la crescita salga a circa il 5,2%, ciò che è monumentale è che circa il 60% di tale crescita globale avrà luogo in un paese: la Cina. Il FMI dice che quest'anno la Cina crescerà dell'1,9%, al di sopra del tasso di crescita dello 0,9 per cento previsto nel rapporto di giugno del FMI. L'anno prossimo l'economia cinese crescerà dell'8,2 per cento, dice il FMI. Questo è molto più alto del 3,1% stimato come crescita negli Stati Uniti il prossimo anno. Annota il FMI che "mentre la ripresa in Cina è stata più rapida del previsto, la lunga ascesa dell'economia globale è tornata ai livelli di attività precedenti alla pandemia, ma è ancora soggetta a battute d'arresto". La strada del ritorno alla normalità, suggerisce il FMI, "sarà probabilmente lunga, irregolare e incerta". Infatti, con una seconda ondata di infezioni e blocchi in Europa e con una curva di infezioni e decessi in continua ascesa negli Stati Uniti, non c'è modo di prevedere i livelli di attività economica per il resto di quest'anno, figuriamoci il prossimo anno.


La difficoltà di mettere insieme un vaccino per il COVID-19 significa che non c'è una reale prospettiva di ritorno ad una crescita significativa in Europa, Giappone o Nord America. In Europa, alla fine di ottobre, le voci su un eventuale pacchetto per la ripresa si erano arenate e l'incertezza intorno alla Brexit aveva creato il caos sui mercati commerciali e finanziari. Maggiori stimoli e un ulteriore acquisto di obbligazioni da parte della Banca Centrale Europea, quasi una certezza, manterranno certamente a galla la barca, ma non le permetterà di navigare con fiducia. La Banca del Giappone, nel frattempo, non è ottimista per il resto dell'anno e per il prossimo anno. Il governo del Primo Ministro Yoshihide Suga non è entusiasta di un pacchetto di stimoli aggiuntivi anche se in questo momento potrebbe essere necessario. Nel frattempo, gli Stati Uniti lottano a causa di una contrazione del 9% tra aprile e giugno con poche speranze di un massiccio rimbalzo. Le elezioni presidenziali del 2020 forniscono incertezza e speranza, ma tutta l'aspettativa per il modesto miglioramento della situazione si basa su un controllo impossibile della pandemia.

Industria dei chip

Nel frattempo, la notizia monumentale è che la vita in Cina è tornata alla normalità con il turismo interno in crescita e con l'attività commerciale a livelli normali. La guerra commerciale degli Stati Uniti, che nei primi mesi aveva portato qualche guadagno contro la Cina, sembra ora un ostacolo agli interessi commerciali degli Stati Uniti. L'Organizzazione Mondiale del Commercio ha eliminato alcune disposizioni nella guerra commerciale. Il governo degli Stati Uniti ha cercato di rompere la sua dipendenza dalla catena di approvvigionamento che include la Cina e di colpire le imprese cinesi ad alta tecnologia. Uno strumento utilizzato è stato quello di impedire ai produttori di chip statunitensi - come Intel - di vendere chip per computer a imprese cinesi come Huawei. La pressione di Washington ha impedito alle aziende statunitensi di fornire alla società cinese Semiconductor Manufacturing International Corporation (SMIC) le macchine per la produzione di chip. Negli ultimi tre decenni Pechino aveva cercato di avviare un'industria di produzione di chip; negli ultimi tempi, a causa delle restrizioni del presidente americano Donald Trump, il governo cinese si è impegnato a fondo nella costruzione di aziende produttrici di chip come HiSilicon. Più queste restrizioni si abbattono sulla Cina, più lo stato cinese e la comunità imprenditoriale cinese lavorano duramente per creare capacità produttive originarie. Questo è quello che aumenterà il tasso di crescita della Cina e vedendo l'ulteriore declino dell'economia statunitense.

Negli ultimi due decenni, il governo cinese ha speso circa 50 miliardi di dollari per sovvenzionare la sua industria di produzione di chip. Aziende come Tsinghua Unigroup e SMIC hanno ricevuto ingenti esborsi dal governo per creare un settore cinese dei chip. Finora, solo il 27% dei chip utilizzati nelle aziende cinesi proviene dalla Cina; il divario da colmare è significativo se le aziende americane sono del tutto riluttanti a vendere i loro chip alle aziende cinesi. La Commissione Nazionale per lo Sviluppo e la Riforma in Cina ha detto che le imprese non dovrebbero incorrere in sprechi, ma dovrebbero concentrarsi sullo sviluppo di nuove tecnologie. Data la storia dell'industria cinese, in particolare la sua esperienza nel diventare il leader mondiale dell'energia solare, è probabile che la Cina sarà presto quasi autosufficiente nella produzione di chip. Ciò inciderà profondamente sul quasi monopolista della produzione di chip, gli Stati Uniti. La crescita del settore dei chip non farà altro che accrescere le fortune economiche della Cina. Poche persone in Cina accettano che il loro futuro non sia più luminoso di quello di altri paesi ..

Diventare verdi

A settembre, il presidente cinese Xi Jinping ha promesso che il suo Paese sarà neutrale dal punto di vista delle emissioni di carbonio entro il 2060. Xi ha detto all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite: "miriamo ad avere un picco di emissioni di CO2 prima del 2030 e a raggiungere la neutralità del carbonio prima del 2060...". Se la Cina sarà in grado di farlo, riporterà in vita il quasi moribondo accordo di Parigi del 2015 sui cambiamenti climatici. Il professor Zhang Xiliang dell'Università Tsinghua di Pechino afferma che il Paese dovrà raddoppiare la produzione di energia elettrica entro il 2060, ma attraverso fonti energetiche non fossili, tra cui il solare, l'eolico, il nucleare e l'idroelettrico. Il governo si è impegnato a spendere grandi quantità di denaro per la transizione, in particolare per allontanare le centrali a carbone.

Evocare l'agenda verde per Xi non è una novità. Quando era segretario del Comitato provinciale dello Zhejiang del Partito comunista cinese, disse che "le acque lucide e le montagne lussureggianti sono beni inestimabili". Si trattava di un chiaro appello alla tutela dell'ambiente. Le emissioni di CO2 della Cina per unità di prodotto interno lordo (PIL) si sono dimezzate rispetto al 2005; è probabile che ci sarà un ulteriore calo nel prossimo decennio. Già gli osservatori affermano che se la Cina sarà in grado di essere neutrale dal punto di vista del carbonio entro il 2060, allora i vari impegni a mantenere la linea sui gas serra potrebbero essere rispettati. Sia in termini di contributo alla crescita globale che di impegno a ridurre le emissioni di gas serra, la Cina diventa una sorta di salvatore dei problemi del mondo in questo momento.

Alla fine di ottobre, il Partito comunista cinese si è riunito per la quinta sessione plenaria del 19° Comitato centrale. L'ordine del giorno era come ampliare il 14° Piano quinquennale (2021-25), in particolare per sviluppare obiettivi a lungo termine per lo sviluppo economico. Il 13° Piano quinquennale (2016-20) ha soddisfatto le sue aspettative, come l'aumento del PIL a 100 trilioni di yuan (15 trilioni di dollari) nel 2019 e l'aumento del PIL pro capite a 10.000 dollari. In questo periodo, la crescita del PIL si è basa sull'emergere di settori ad alta tecnologia come la rete 5G, il sistema di navigazione satellitare BeiDou, la produzione di chip e l'industria degli aerei passeggeri (che ha lanciato l'aereo C919). Tutto ciò è di buon auspicio per la Cina. Il problema è come gli Stati Uniti, che stanno vivendo una forte contrazione economica, affronteranno l'alto tasso di crescita della Cina e i suoi progressi tecnologici. Il governo cinese ha detto che continuerà ad investire in alta tecnologia, compresa la tecnologia verde. Questa spesa governativa garantirà alla Cina lo sviluppo di nuove tecnologie, anche nella robotica e nell'alta velocità ferroviaria. La combinazione di questi finanziamenti governativi con le barriere della guerra commerciale statunitense permetterà alla Cina di concentrarsi sulla propria progettazione e produzione, anche nel settore delle comunicazioni e della tecnologia verde.

Parte del processo di pianificazione è stato quello di discutere gli investimenti in tecnologia, ma anche di promuovere l'approccio cinese nelle questioni mondialii. La Cina si è impegnata a sostenere un vaccino popolare e ad evitare il nazionalismo vaccinale (praticato dall'Occidente) e si è impegnata a fornire fondi di sviluppo a basso o nullo interesse per assistere le nazioni altamente indebitate. Dal punto di vista delle ambasciate occidentali, questo sembra assecondare la popolazione occidentale, ma se visto dal punto di vista del gabinetto di Xi, sembra denaro speso per migliorare il benessere della popolazione cinese. È questo atteggiamento - proteggere le idee dello sviluppo socialista - che ha portato al fatto che il prossimo anno la Cina salverà il mondo. Quando la Cina condona i debiti che le sono dovuti, quando produce reti di trasporto attraverso l'Asia e verso l'Europa e quando mette fondi per la creazione di infrastrutture in tutta l'Asia, allora, senza dubbio, la Cina salverà il mondo.

Gli Stati Uniti, d'altra parte, sembrano essere determinati a perseguire una sorta di guerra contro la Cina. Ma una guerra di qualsiasi tipo non sarà popolare nemmeno negli Stati Uniti, soprattutto se la Cina dovesse sparare uno dei suoi missili Dong Feng contro una nave da guerra statunitense persa nelle sue acque. Sarebbe meglio se gli Stati Uniti si concentrassero su ciò che la Cina sta facendo bene e realizzassero un riavvicinamento tra i due paesi per garantire che i frutti dell'attività economica diano alla gente comune il diritto di determinare la propria vita piuttosto che farla semplicemente lavorare per migliorare la vita dei più ricchi.