La Cina punta a diventare un'economia ad alto reddito

E-mail Stampa PDF

cina 141015081732 bigun interessante intervento che presenta il percorso del prossimo piano quinquennale in Cina

di John Ross

da http://www.china.org.cn

Traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it

La conferenza stampa che ha fatto seguito alla quinta sessione plenaria del 19° Comitato Centrale del PCC ha presentato le linee guida non solo per il prossimo piano quinquennale della Cina, per il 2021-2025, ma anche per un maggiore sviluppo a medio termine della Cina fino al 2035. Le due cose sono correlate perché il prossimo piano quinquennale inaugurerà un periodo qualitativamente nuovo nello sviluppo economico della Cina che è di importanza globale. Ciò va oltre il fatto che le prospettive economiche a breve termine della Cina sono migliori rispetto a qualsiasi altro grande paese, con il Fondo monetario internazionale che stima che la crescita cinese rappresenterà il 60% di quella globale nel 2020-2021.


Nel 2020 la Cina è diventata un'economia "moderatamente prospera" secondo la propria classificazione nazionale - raggiungendo anche l'obiettivo di eliminare la povertà assoluta. Ma la maggior parte dei paesi utilizza le classificazioni della Banca mondiale per effettuare confronti internazionali, dividendo le economie in gruppi a basso, medio e alto reddito. In base a questo criterio, la Cina entrerà nei ranghi delle "economie ad alto reddito" globali a metà del prossimo piano quinquennale intorno agli anni 2022-2023. Pertanto, come affermato nella conferenza stampa, "inizierà un nuovo viaggio verso la costruzione di un moderno paese socialista a tutto tondo".

L'obiettivo di raggiungere questo nuovo livello di sviluppo determina la natura del prossimo piano quinquennale. In precedenza, la Cina prevedeva di uscire dal sottosviluppo, mentre questo piano è incentrato sul compito di costruire un'economia ad alto reddito. Inoltre, a causa delle azioni degli Stati Uniti, lo farà in un contesto internazionale diverso e in cui l'umanità deve affrontare gravi sfide, in particolare i cambiamenti climatici e la ripresa economica dalla pandemia.

Per comprendere il ruolo di questo piano quinquennale nello sviluppo nazionale della Cina, è necessario comprendere la natura quasi incredibile di ciò che è stato realizzato. Nel 1949, la Cina era uno dei paese più poveri del mondo: solo 10 paesi avevano un PIL pro capite più basso. Solo 73 anni dopo, nell'arco di una singola vita, la Cina sarà annoverata tra le economie mondiali ad alto reddito.

A livello internazionale la scala di ciò che rappresentata il nuovo piano è chiaramente compresa dalla comparazione storica. Oggi, secondo la classificazione della Banca Mondiale, solo il 16% della popolazione mondiale vive in economie ad alto reddito. Ma con il 18% della popolazione mondiale, la Cina più che raddoppierebbe la percentuale di coloro che vivono nelle economie ad alto reddito. In tutta la storia non si è mai verificato un unico miglioramento economico paragonabile.

Questo incredibile risultato porta con sé nuove sfide. Alcune sono interne, un'economia ad alto reddito è molto più complessa di un'economia a basso o medio reddito. Ma alcune sono anche esterne. Gli Stati Uniti hanno intrapreso un tentativo di bloccare lo sviluppo della Cina. Questo percorso è stato lanciato dal presidente Donald Trump con tariffe e divieti tecnologici e non vi è alcuna indicazione che la politica degli Stati Uniti cambierà radicalmente nel breve periodo.

Questo è ciò che rende il tanto discusso concetto di economia a "doppia circolazione" così cruciale nel nuovo piano. Molti analisti statunitensi ritengono che il presidente Trump abbia commesso un errore tattico attaccando la Cina: le tariffe sono state pagate dalla popolazione statunitense e gli Stati Uniti hanno attaccato la Cina su un terreno in cui è forte: una produzione di media tecnologia di buona qualità. Invece, si è sostenuto, gli Stati Uniti dovrebbero concentrarsi sui loro punti di forza - alta tecnologia - indebolendo aziende cinesi come Huawei e TikTok, in modo da creare un "blocco tecnologico" per la Cina.

Certamente ci sono dubbi sul fatto che gli Stati Uniti possano raggiungere questo obiettivo, è contro gli interessi di altri paesi e delle proprie aziende ad alta tecnologia che in precedenza avevano forti mercati in Cina. Ma sarebbe una strategia ingenua e irrealistica per la Cina basare la propria politica sul presupposto che la politica statunitense crollerà a causa delle proprie contraddizioni. Pertanto, per progredire come economia ad alto reddito, la Cina dovrà sempre più affidarsi alla propria tecnologia.

La Cina rimane impegnata nella globalizzazione, che è la migliore via di sviluppo per il mondo, e sfrutta ogni opportunità per l'internazionalizzazione, ma nella nuova situazione a dominare sarà la sua economia domestica.

Ovviamente, questo richiede un grande sforzo nazionale, poiché il denaro deve essere riversato nella ricerca e sviluppo, nella ricerca scientifica e nella produzione di nuove tecnologie. Fortunatamente, la Cina ha le risorse finanziarie per fare questo.

Questo problema si sovrappone ai problemi internazionali che non sono solo dovuti alla politica degli Stati Uniti, ma sono anche problemi comuni dell'umanità e in particolare al cambiamento climatico. A questo proposito, è l'abilità della Cina nel campo della tecnologia di produzione di energia rinnovabile che rende possibile l'incontro, e il potenziale superamento, degli obiettivi degli accordi di Parigi sul cambiamento climatico.

La Cina aveva delineato concettualmente il suo obiettivo di "civiltà ecologica" in precedenza, ma l'attenzione globale si è concentrata sulla sua recente promessa di raggiungere il picco di emissioni di anidride carbonica prima del 2030 e di raggiungere la neutralità del carbonio prima del 2060. Ad esempio, Adam Tooze, uno dei più eminenti analisti e storici dell'economia occidentale, ha scritto sulla rivista Foreign Policy: "con queste due brevi frasi il leader della Cina potrebbe aver ridefinito le prospettive future dell'umanità".

Per essere raggiunti questi obiettivi dovranno cominciare ad essere incorporati nel nuovo Piano quinquennale e globalmente questi saranno tra gli obiettivi notati con maggiore attenzione.