La Cina sta aspettando novembre

E-mail Stampa PDF

beijingdopo quello di Yang Sheng e Liu Xin  pubblichiamo un altro articolo sulla vicenda del consolato cinese di Houston

di David P. Goldman

da https://asiatimes.com

Traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it

Pechino potrebbe non reagire completamente alla chiusura del consolato di Houston fino a dopo le elezioni presidenziali statunitensi


Le risposte ufficiali e non ufficiali alla chiusura del consolato cinese di Houston da parte di Washington sono state notevolmente limitate, ciò suggerisce che la Cina non ritenga utile scontrarsi con gli Stati Uniti fino a quando i voti delle elezioni presidenziali americane di novembre non saranno contati. Con il presidente Donald Trump in ritardo di circa 10 punti percentuali rispetto all'ex vicepresidente Joe Biden nella maggior parte dei sondaggi, la Cina aspetta piuttosto che intensificare lo scontro.

Il commento del Global Times, il giornale ufficiale cinese in lingua inglese, ha descritto la chiusura del consolato come uno stratagemma negoziale nella disputa in corso tra Stati Uniti e Cina sui test e le misure di quarantena per i diplomatici statunitensi che tornano in Cina. Ciò è in netto contrasto con la dichiarazione del Dipartimento di Stato, che collegava la misura alle presunte pratiche economiche predatorie della Cina e allo spionaggio industriale .Il Global Times cita Wu Xinbo, preside della facoltà di relazioni internazionali della Fudan University di Shanghai, sulla chiusura del consolato: secondo me si tratta di una mossa per fare pressione su Pechino affinché un maggior numero di diplomatici statunitensi ritornino in Cina. Dopo lo scoppio del Covid-19, gli Stati Uniti hanno fatto evacuare in fretta e furia un gran numero di diplomatici e cittadini americani dalla Cina. Ora Washington ritiene che sia giunto il momento per loro di riprendere la loro missione in Cina. Eppure le trattative per il loro ritorno non vanno molto bene.

Gli Stati Uniti hanno posticipato i voli di decine di diplomatici che avevano pianificato di tornare in Cina "dopo il mancato accordo con Pechino su questioni come i test del Covid-19 e la quarantena", secondo un rapporto della Reuters del 1° luglio.

Tuttavia il portavoce del Ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian il 2 luglio ha detto che le misure di quarantena della Cina "si applicano allo stesso modo a tutte le missioni diplomatiche straniere".

Questo tono piuttosto mite ed analitico differisce da quello del portavoce del Dipartimento di Stato Morgan Ortagus, che ha collegato la chiusura del consolato alle violazioni cinesi della "sovranità e all'intimidazione del nostro popolo, così come non abbiamo tollerato le pratiche commerciali sleali della Cina, il furto di posti di lavoro americani e altri 'deliziosi' comportamenti".

Sul sito di notizie cinesi guancha.cn, il professor Jin Canrong dell'Università di Remnin ha sostenuto che gli Stati Uniti hanno giocato la maggior parte delle carte possibili contro la Cina e che il governo cinese "si sta ora occupando delle questioni una ad una secondo un principio della cortesia". In altre parole la Cina non ha alcuna intenzione avviare un'escalation e sta semplicemente rispondendo in modo reciproco alle misure americane.

Il professor Jin ha detto: "gli Stati Uniti stanno ora attuando una "politica onnicomprensiva verso la Cina". Si noti che non si tratta di "discussione", ma di "attuazione". Hanno giocato molte carte di recente, ma credo che la maggior parte delle carte che potevano giocare siano già state giocate. Naturalmente, gli Stati Uniti stanno valutando una nuova carta, ma stanno ancora valutando se questa nuova carta può essere inventata".

Jin ha aggiunto che la Cina sta rispondendo con misure limitate: "Anche il nostro governo fa sul serio, quindi potete stare tranquilli. Dopo che gli Stati Uniti hanno sanzionato i nostri funzionari sulla questione di Hong Kong, abbiamo sanzionato anche i loro funzionari; gli Stati Uniti hanno espulso quattro media cinesi e noi ne abbiamo espulsi quattro dei loro. Lo stesso vale per la gestione della questione dello Xinjiang... Credo che il governo stia ora affrontando le questioni una per una, secondo il principio di cortesia per cortesia. Voglio dire un altra cosa, cioè che il comportamento attuale degli Stati Uniti mostra in realtà la sua ansia".