La nuova strategia economica cinese. Pechino si aspetta "lo scenario peggiore" e punta sulla domanda interna

E-mail Stampa PDF

china1da https://www.lantidiplomatico.it

Il gigante asiatico darà la priorità al suo mercato interno, sotto la spinta dell'effetto coronavirus e della guerra commerciale di Trump.

Il cambiamento della strategia economica annunciato da Xi Jinping ad alcuni analisti è un segnale che la Cina si stia "preparando per il peggio", come riporta il South China Morning Post. Secondo gli esperti citati, l'appello del leader cinese a porre l'accento sullo sviluppo del mercato interno, e non sulle esportazioni, riflette la profondità di questo cambiamento.


A tal proposito, l'economista indipendente Hu Xingdou ritiene che sia "una sorta di preparazione per lo scenario peggiore, che potrebbe portare anche ad un distacco economico dagli Stati Uniti". Citato da questo giornale di Hong Kong, l'esperto ritiene che uno scenario del genere potrebbe persino portare Pechino a "emarginarsi dal mondo occidentale". Hu ha detto che la Cina non ha altra scelta che affrontare le avversità della situazione con una nuova visione. Secondo la precedente strategia orientata all'esportazione, una politica del governo tradotta letteralmente dal cinese come "big in, big out", la Cina si posizionava come anello di produzione nelle catene del valore globali importando componenti e quindi riesportando i prodotti finiti per i mercati di consumo. Il sistema aveva funzionato bene dopo il suo ingresso all'Organizzazione mondiale del commercio nel 2001 e ha aiutato il paese a diventare la cosiddetta fabbrica del mondo; ma il modello ha iniziato a perdere il suo splendore negli ultimi anni, con la Cina che fa fatica ad aumentare la catena del valore.

Questo sviluppo, unito alla guerra commerciale e alla rivalità tecnologica con gli Stati Uniti, e alla prevista frammentazione dell'economia globale dopo la pandemia di coronavirus, hanno incoraggiato Pechino a cercare l'autosufficienza. Il presidente cinese ha dichiarato a importanti consulenti economici che la Cina sta avviando un nuovo piano di sviluppo in cui il mercato interno svolgerà il ruolo principale, prosegue il SCMP.

Raymond Yeung, capo economista per la Cina della ANZ Bank, ha affermato che il cambiamento strategico della Cina deriva dalla preoccupazione che la domanda esterna non si riprenderà nei prossimi due o tre anni. "È la direzione della trasformazione economica. La domanda è: come? ” Disse Yeung.

Il leader cinese sta dando la priorità alla domanda interna per creare un sistema di autosufficienza che possa rendere totalmente indipendente la sua economia dagli Stati Uniti e dal dollaro. "Per il futuro, dobbiamo considerare la domanda interna come il punto di partenza e il supporto, poiché acceleriamo la costruzione di un sistema completo di consumo interno e ci forniamo in larga misura innovazioni nella scienza, nella tecnologia e in altri settori", ha dichiarato Xi Jinping, citato dall'agenzia Xinhua.

Secondo Xi, la Cina affronta venti sfavorevoli nel mondo esterno, tra cui una profonda recessione nell'economia globale, interruzioni del commercio e degli investimenti internazionali, uniti al "protezionismo dilagante e all'unilateralismo" geopolitico.

"Ora dobbiamo cercare lo sviluppo in un mondo più instabile e incerto", ha detto Xi, che ha esortato la Cina a diventare più autosufficiente nella tecnologia e nel mercato, e in particolare ha invocato l'economia digitale, la produzione intelligente, la salute e le scienze della vita come i nuovi settori su cui la Cina doveva concentrarsi per guidare la crescita. La Cina, secondo Xi, starà dalla "parte giusta della storia" continuando ad insistere sul multilateralismo, mentre non si chiuderà al di fuori del mondo esterno, perché, ha ribadito il presidente, "senza sosta" Pechino avanzerà con la globalizzazione nella direzione di "apertura e inclusione".