La propaganda nazista di Trump sul Covid-19 - I Parte

E-mail Stampa PDF

trump usa iwantyoudi George Koo

da https://asiatimes.com

Parte 1: Il "ministro della propaganda" dell'amministrazione, Mike Pompeo, ha un bravo corpo di aiutanti anti-Cina

traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it

"Ripetete una bugia molte volte e diventerà la verità" era una legge di propaganda attribuita al nazista Joseph Goebbels. Egli fu ministro della propaganda di Adolf Hitler dal 1933 alla fine della Seconda guerra mondiale. Che Goebbels l'abbia detto o meno non ha più importanza. È stato attribuito a lui così tante volte e per così tanto tempo da diventare vero.


La stessa regola vale oggi. La stessa regola si applica oggi. Il segretario di Stato americano Mike Pompeo si è impegnato ad agire come primo ministro della propaganda del presidente Donald Trump, incolpando la Cina per ogni azione e non azione, concepibile e inconcepibile in relazione al nuovo coronavirus che causa il Covid-19.

Anche se Pompeo è arrivato al suo attuale lavoro con notevoli qualifiche per fabbricare tutto ciò, attinge infatti al suo incarico di ex capo della Central Intelligence Agency, non sta mentendo solo per divertimento. Deve orchestrare il gioco della massima colpa della Cina per coprire la completa incompetenza dell'amministrazione Trump nel trattare il Covid-19.

Proprio come annunciato dall'ultimo bilancio le vittime da Covid-19 negli Stati Uniti hanno superato il 26% del totale mondiale, Jared Kushner, il genero di Trump, aveva proclamato trionfalmente che la lotta all'epidemia sarebbe stata una "storia di successo americana". Dal momento che gli Stati Uniti rappresentano meno del 5% della popolazione totale del mondo, è difficile immaginare come sarebbe stata una storia non di successo.

Ma il vanto di Kushner non dovrebbe essere considerato come il tentativo di un dilettante della propaganda. È stata semplicemente una palese e sfacciata sciocchezza. Pompeo ha un corpo di aiutanti molto più capace nel condurre tattiche di disinformazione di stampo nazista.

Un esempio eclatante che mi viene in mente è lo storico e professore di Harvard Niall Ferguson. Egli ha messo la sua considerevole reputazione accademica dietro l' affermazione che la Cina ha deliberatamente contaminato il mondo permettendo i viaggi aerei internazionali da Wuhan quando i viaggi interni per la Cina erano bloccati. Inutile dire che questa rivelazione ha fatto scalpore, perfetto per il gioco delle colpe di Pompeo.

Per quanto riguarda la propaganda, Pompeo non avrebbe potuto scagliare un colpo più potente contro la Cina. Purtroppo non era vero.

Un altro studioso di Harvard, il professor Daniel Bell, ha fatto un controllo sull'affermazione di Ferguson. Per salvare Ferguson dall'imbarazzo pubblico, Bell lo ha contattato privatamente per dirgli che i dati della FlightStats dall'aeroporto di Wuhan mostravano che tutti i suoi voli, nazionali e internazionali, erano stati chiusi a mezzogiorno del 23 gennaio. Pertanto l'accusa che la Cina abbia deliberatamente lasciato che i passeggeri degli aerei contaminassero il mondo era falsa.

Ferguson avrebbe potuto ammettere di aver commesso un errore e ritrattare, ma non è così che funziona la propaganda in stile nazista. Non si è tirato indietro, ma ha reso pubblica la sua risposta. 

Nel suo blog ha detto: "anche se, come sembra, nessun volo è partito da Wuhan per destinazioni nazionali o estere dopo il 23 gennaio..." ha proseguito sostenendo che era stato permesso a un numero sufficiente di persone di lasciare Wuhan a causa del Capodanno cinese prima del 23 gennaio, e quindi la sua affermazione non era sbagliata. Quanto è patetico?

Sia Bell che Ferguson possiedono credenziali accademiche di prim'ordine e hanno pubblicato molti libri. Bell insegna in Cina mentre Ferguson è attualmente ricercatore presso la Hoover Institution dell'Università di Stanford. L'unico difetto nel curriculum di Ferguson è la collaborazione con un gruppo di studenti repubblicani per scoprire qualcosa di sporco su un attivista studentesco progressista le cui critiche puntuali lo infastidivano. A seguito dello scandalo, ha dovuto dimettersi dalla presidenza di una conferenza.

L'appartenenza di Ferguson con la Hoover ha avuto un effetto moltiplicatore. La sua notorietà derivante dall'avere attaccato la Cina ha creato un precedente per altri colleghi di destra della Hoover che si sono uniti al coro di castigatori della Cina. 

Lanhee Chen, un tempo giovane membro dello staff di Mitt Romney e ora anche della Hoover, è stato particolarmente energico, facendo il giro dei media e aggiungendo la sua voce alle menzogne scritte dal capo ministro della propaganda. Non è certo che sappia molto della Cina, ma sa come prendere spunto da Pompeo, Ferguson e altri.

Questo è il primo articolo di un servizio in due parti. Prossima puntata: il profilo di un altro ministro della propaganda aggiunto, il senatore statunitense Tom Cotton.

Il dottor George Koo si è recentemente ritirato da una società di servizi di consulenza globale, dove ha fornito consulenza ai clienti sulle loro strategie e operazioni commerciali in Cina. Ha studiato al MIT, allo Stevens Institute e all'Università di Santa Clara, è il fondatore ed ex amministratore delegato di Alleanze strategiche internazionali. Attualmente è membro del consiglio di amministrazione di Freschfield, una nuova piattaforma di bioedilizia.