Pregiudizio infame

E-mail Stampa PDF

cina bandiera connessionidi Pedro Guerreiro, Segreteria del Partito Comunista Portoghese

da http://www.avante.pt

Traduzione di Mauro Gemma per Marx21.it

Negli ultimi quattro mesi, più precisamente dal 1 ° ottobre 2019 al 1 ° febbraio 2020, a causa di influenza o cause correlate, circa 210.000 persone sono state ricoverate in ospedale negli Stati Uniti e si sono verificati circa 12.000 decessi. Queste sono le stime più ottimistiche rilasciate di recente dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) del Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti, in merito all'epidemia di influenza che si sta verificando attualmente in questo paese. La stessa istituzione americana stima che, dal 2010, i decessi associati a focolai di influenza hanno causato in media 37.000 decessi all'anno negli Stati Uniti, un paese la cui popolazione è stimata in 330 milioni.


Ovviamente, con questo riferimento, non cerchiamo di sottovalutare la gravità, l'impatto o la minaccia che rappresenta l'attuale epidemia di un nuovo coronavirus - chiamato Covid-1 dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) -, ma solo per avere un scala comparativa nel valutare questa nuova epidemia e gli sforzi che la Cina ha fatto per combatterla e prevenirne la diffusione.

In effetti, basterebbe prestare attenzione alle parole del direttore generale dell'OMS – un’organizzazione accreditata dalle Nazioni Unite - per attestare il significato e l'importanza delle misure attuate fino ad ora: “il governo cinese dovrebbe essere elogiato per le misure straordinarie che ha adottato per contenere l'epidemia, nonostante il grave impatto economico e sociale che queste misure stanno avendo sul popolo cinese. Avremmo visto molti altri casi al di fuori della Cina - e probabilmente molti morti - se non fosse stato per gli sforzi del governo cinese e i progressi da questo fatti per proteggere il suo popolo e i popoli di tutto il mondo.

E, aggiunge, “la velocità con cui la Cina ha rilevato l'epidemia, ha isolato il virus, sequenziato il genoma e condiviso con l'OMS e il mondo è molto impressionante e va al di là delle parole. Lo stesso vale per l'impegno della Cina nei confronti della trasparenza e del sostegno ad altri paesi. In molti modi, la Cina sta davvero fissando un nuovo standard per rispondere alle epidemie. Non è un'esagerazione ».

Il direttore generale dell'OMS chiarisce inoltre che il motivo principale della dichiarazione internazionale di emergenza in materia di sanità pubblica "non è ciò che sta accadendo in Cina, ma ciò che sta accadendo in altri paesi. La nostra più grande preoccupazione è il potenziale del virus di diffondersi nei paesi con sistemi sanitari più deboli e non preparati a gestirlo ”, aggiungendo, tra le altre raccomandazioni, che“ non vi è motivo di misure che interferiscano inutilmente con i viaggi e il commercio internazionale "e che è necessario" combattere la diffusione di voci e disinformazione”.

Solo il pregiudizio anticomunista, il condizionamento "animalesco", l'arroganza xenofoba di alcuni possono spiegare il tentativo di sfruttare l'attuale situazione per attaccare la Cina e - indipendentemente dalle lacune che le autorità cinesi cercano di superare - sminuire gli sforzi significativi compiuti da questo paese per superare l'epidemia - contribuendo a contenere la sua diffusione a livello internazionale - e per superare le sue conseguenze sociali ed economiche, continuando ad avanzare nel dare una risposta alle sfide del suo sviluppo e progresso sociale.