Testimonianze dalla Cina che combatte contro il coronavirus

E-mail Stampa PDF

china flag oct2013di Andre Vltchek*

da https://www.lantidiplomatico.it

La Cina è sotto attacco del coronovirus come un macigno piombato sulla testa, inaspettatamente e senza pietà. Invece di aiuti, Pechino sta ricevendo critiche, persino attacchi verbali.

Nonostante il lavoro straordinario delle autorità nella lotta contro l'epidemia, la Cina non sta ottenendo alcun tributo per le sue azioni.

Ora Bangkok, Giacarta e altre capitali regionali sono nel panico. Dopo aver cercato di nascondere le crisi sotto il tappeto per non scuotere le loro industrie turistiche, fortemente dipendenti dall'arrivo annuale di milioni di turisti cinesi, questi paesi stanno cercando di introdurre misure sanitarie coerenti. Lo hanno fatto tardivamente e facendo da scarica barile con i propri cittadini.

Tuttavia, l'Occidente non ha tempo per criticarli. Tutte le critiche sono riservate, come sempre, contro la Cina.


Nessuno sa esattamente da dove provenga il virus attuale. I medici cinesi (così come quelli russi) lavorano giorno e notte, cercando di trovare le risposte e la cura. Ma fino ad ora, le persone stanno ancora morendo. Il tasso di mortalità dei pazienti è alto. Mentre questo articolo viene scritto, circa 210 hanno già perso la vita, principalmente in Cina.

Nel 2013, The Guardian ha scritto che c'erano casi simili in Arabia Saudita, dove la ricerca è stata brutalmente censurata:

Un medico in un ospedale saudita è stato licenziato per aver segnalato un nuovo ceppo mortale del coronavirus. Ora, con la metà di tutti i casi confermati che si concludono con la morte, l'Organizzazione mondiale della sanità ha emesso un allarme globale e gli scienziati si stanno preparando per il peggio ... "

Questo esempio espone un approccio così comunemente adottato da diverse nazioni.

In molti paesi, emergenze simili non si affrontano direttamente. I governi sperano che se ne vadano, in silenzio, finché non è spesso troppo tardi per prevenire il disastro.

I miei amici dottori di Hong Kong hanno commentato il caso di cui sopra:

“Quello era il MERS, e il MERS è un virus corona, così come un raffreddore comune. L'attuale virus non ha ancora un nome, ma appartiene anche lui alla famiglia dei virus corona ”.

La Cina è cresciuta, con zelo e determinazione. Sta affrontando frontalmente una malattia mortale, come se stesse affrontando battaglioni militari nemici. Sta attuando chiaramente un approccio comunista, simile a quello che ha già salvato milioni di vite a Cuba.

Da Szechuan e altrove, ho iniziato a ricevere messaggi brevi ma potenti, scritti dai miei amici e colleghi; messaggi che riflettono l'eroica lotta della nazione cinese contro la malattia:

“La Cina ha introdotto il più alto livello di emergenza. Il trattamento e la prevenzione sono le missioni politiche più importanti. "

"Nessuno può ora trascurare i propri doveri ... Nel dipartimento dell'istruzione della mia città, hanno emesso un ordine per rinviare il giorno di apertura della scuola."

“A una fabbrica nella provincia di Zhejiang è stato detto di produrre 80 milioni di maschere in pochi giorni. Allo stesso tempo, il governo ha ordinato alle fabbriche e ai negozi di non aumentare il prezzo delle maschere. Ha inoltre stanziato miliardi di RMB per misure preventive e prodotti, compreso il pagamento di camion e treni che distribuiscono le attrezzature. "

"I pazienti infetti da questo virus ricevono assistenza medica gratuita."

Una giovane diplomatica cinese, una mia amica che identificherò solo col suo nome - Langqi – mi ha scritto dalla sua città natale nel nord della Cina, vicino a Pechino:

“Nonostante la risposta inefficace del governo di Wuhan nella fase iniziale, tutti i governi, dal centro al locale, hanno fatto tutto il possibile per contenere la diffusione del virus. Non è un compito facile, considerando la "più grande migrazione umana" in corso durante il capodanno cinese. È con immenso impegno e contributi volontari, da medici, infermieri, persone che lavorano nel settore dei servizi e delle consegne, nonché dalle stesse persone di Wuhan, che la Cina è in grado di gestire la diffusione del virus alla sua situazione attuale. Le misure reattive sono inoltre ampiamente supportate da esperti, compresi quelli che hanno contribuito durante l'epidemia di SARS. Si può dire che ora l'intero paese sta lavorando nel suo complesso per affrontare la nostra sfida comune: il coronavirus. La solidarietà non deriva solo dalla fiducia nel governo, ma anche dall'identità come parte della comunità ".

Un medico con cui lavoro ad Hong Kong, ha riconfermato, in sintesi:

“A Wuhan, alcuni funzionari hanno cercato di nascondere le informazioni all'inizio. Ma le autorità superiori hanno chiarito tutto e il mondo apprezza il lavoro del governo, in seguito."

Non tutti lo fanno, ovviamente; purtroppo non tutti.

Attaccare la Cina (così come la Russia, l'Iran e altre nazioni indipendenti) è ora uno sport, una professione ben pagata, o entrambi insieme, per molti individui, in particolare quelli che vivono in Occidente.

*

Ma molte persone, in particolare quelle con esperienza diretta, hanno deciso di schierarsi per il loro sostegno alla Cina.

Una studentessa indonesiana, Yessy Liana, che vive a Wuhan, ha recentemente inviato un appello appassionato al suo paese natale, che, per conto dei suoi padroni occidentali, tende a insultare tutto quello che viene dalla Cina:

“Oggi sono nella città di Wuhan e voglio condividere la situazione in cui mi trovo adesso. Tutti abbiamo sentito parlare del coronavirus e per quelli di voi che sono preoccupati o curiosi, si spera che questo video possa far luce sulla situazione.

Questa è la mia mensa scolastica, di solito chiusa durante le vacanze invernali. Ma a causa del coronavirus, la scuola ha riaperto la mensa anche se solo al 1 ° piano ... Perché la scuola vuole che gli studenti rimangano nella scuola e riducano l'interazione con l'esterno.

Questa è la strada di fronte al campus. Ora a Wuhan, i trasporti pubblici non sono in funzione da un po '. Ma i veicoli privati ??possono girare senza problemi. Puoi vedere di persona che... è più silenzioso del solito. 

Ora siamo in uno dei Chaoshi (mercato) che è ancora aperto. Potete vedere lo stock di cibo e bevande in questo caoshi sono abbondanti, e di solito quelli di noi che dormono in un dormitorio a Wuhan acquistano cibo e bevande qui.

Ora siamo nell'area del campus e di fronte a noi c'è un ospedale del campus ed è ancora aperto.

L'edificio di fronte a noi è un dormitorio per studenti internazionali. Ci sono campi da basket e anche un posto per giocare a ping-pong ...

Ora siamo nel mio dormitorio. Accanto all'ingresso, c'è una guardia di sicurezza che è in servizio e controllerà la temperatura di tutte le persone che entrano ed escono dal dormitorio.

Per genitori e amici che sono preoccupati per gli amici o la famiglia in Cina, non preoccuparti perché il governo qui e la scuola si prendono cura di noi ... "

Storie simili circolano su tutti i social media, caricati da studenti e lavoratori stranieri che hanno sede in Cina. Parlano della determinazione e della forza dello stato, del Partito comunista e dei cittadini.

A tutte le fabbriche viene ordinato di produrre dispositivi di protezione, i laboratori stanno lavorando allo sviluppo di vaccini e medicine, per combattere questo ultimo tipo di coronavirus. Gli ospedali vengono costruiti letteralmente dall'oggi al domani.

Il mio amico, un medico di Hong Kong, non ha dubbi sul perché l'Occidente ignori questa lotta dedicata alla Cina, contro la malattia mortale:

“Le persone accusano la Cina, da ogni parte. Ciò significa che la Cina è davvero forte! ”

Ha condiviso con me un'immagine, con un commento:

"Guarda questo. Un giornale danese insulta la Cina usando il coronavirus come le stelle della bandiera nazionale. Questo ha molti feedback da parte dei cittadini cinesi. Il primo ministro si è rifiutato di scusarsi perché "in Danimarca c'è libertà di espressione".

Le cose stanno diventando sempre più selvagge. Gli attacchi si stanno intensificando.

A Hong Kong, i rivoltosi stanno bruciando rifugi destinati ad ospitare future vittime del coronavirus. Stanno anche costringendo il governo locale a chiudere tutti i posti di frontiera con la Cina continentale: terminal dei traghetti, ponti. I collegamenti ferroviari sono già stati sospesi.

Alcuni ad Hong Kong lamentano che i rivoltosi hanno già perso la loro umanità e compassione. È il capodanno lunare cinese, dopo tutto; inizio dell'anno propizio del ratto. Tempo in cui si dovrebbe mostrare solidarietà e gentilezza. Ma non è quello che i rivoltosi pagano per fare dai rivoltosi occidentali.

La Cina ora sta combattendo con successo, ma da sola. I cinesi sono chiaramente consapevoli del fatto che la loro intera nazione è "messa in quarantena" politicamente dall'Occidente. Anche durante tempi così difficili di emergenza medica, vi è un sarcasmo malizioso proveniente da Washington, Londra e Parigi, mai una mano tesa.

Alcune pubblicazioni, tra cui Global Research in Canada, non escludono la possibilità che ciò a cui stiamo assistendo potrebbe essere una guerra biologica occidentale contro la Cina.

Se hanno ragione, le probabilità che la Cina venga sconfitta sono davvero scarse. Il 31 gennaio 2020, RT ha riferito che gli scienziati cinesi hanno fatto il primo passo da gigante nella loro epica battaglia:

"Secondo quanto riferito, gli scienziati in Cina hanno sviluppato un test espresso in grado di rilevare il romanzo coronavirus 2019-nCoV in meno di quindici minuti, in una svolta importante che si spera contribuirà a arginare la marea dell'infezione.

Esperti di un'azienda tecnologica con sede a Wuxi, nella provincia orientale del Jiangsu, in Cina, in collaborazione con l'Istituto nazionale per il controllo e la prevenzione delle malattie virali, hanno sviluppato il kit di test rapidi nucleici in soli dieci giorni, secondo l'agenzia di stampa Xinhua. ”

La Cina vincerà la battaglia contro questo virus letale, presto, ma la situazione sarà ricordata per molti anni a venire. Ha già rotto la fiducia e presto influenzerà negativamente il modo in cui questo mondo sta funzionando. Per anni e decenni, la Cina è rimasta sola, sorridente e con la mano estesa, offrendo pace e amicizia. Molti si chiedono ora se tale gentilezza unilaterale sia in grado di migliorare il mondo

*[First published by NEO – New Eastern Outlook - a journal of the Russian Academy of Sciences]

* Andre Vltchek is a philosopher, novelist, filmmaker and investigative journalist. He has covered wars and conflicts in dozens of countries. Five of his latest books are “China Belt and Road Initiative: Connecting Countries, Saving Millions of Lives”, China and Ecological Cavillation with John B. Cobb, Jr., Revolutionary Optimism, Western Nihilism, a revolutionary novel “Aurora” and a bestselling work of political non-fiction: “Exposing Lies Of The Empire”. View his other books here. Watch Rwanda Gambit, his groundbreaking documentary about Rwanda and DRCongo and his film/dialogue with Noam Chomsky “On Western Terrorism”. Vltchek presently resides in East Asia and the Middle East, and continues to work around the world. He can be reached through his website and his Twitter. His Patreon

Traduzione de l'AntiDiplomatico