La Cina - non l'Iran - la vera ragione per cui le truppe statunitensi non lasceranno mai l'Iraq

E-mail Stampa PDF

petrolio cinairanda lantidiplomatico.it

"I recenti sviluppi suggeriscono che gli Stati Uniti e i suoi alleati sono diventati sempre più diffidenti nei confronti dell'influenza crescente della Cina all'interno dell'Iraq, anche se Washington sottolinea continuamente la presunta minaccia rappresentata dall'Iran" secondo l'analista Darius Shahtahmasebi

Segue Articolo di Darius Shahtahmasebi analista politico e legale. Esercita la sua attività in Nuova Zelanda concentrandosi sulla politica estera degli Stati Uniti in Medio Oriente, Asia e Pacifico. Esercita la sua attività di avvocato in due giurisdizioni internazionali.


I recenti sviluppi suggeriscono che gli Stati Uniti e i suoi alleati sono diventati sempre più diffidenti nei confronti dell'influenza crescente della Cina all'interno dell'Iraq, anche se Washington sottolinea continuamente la presunta minaccia rappresentata dall'Iran.

Nelle ultime settimane, l'Iraq ha lentamente ma sicuramente iniziato la sua discesa nel caos. Secondo i rapporti, decine di migliaia di persone sono scese in strada per protestare contro l'attuale stato di governo dell'Iraq, con oltre 250 persone uccise negli scontri con le forze di sicurezza. Un manifestante è morto la scorsa settimana, dopo essere stato colpito al petto da una bomboletta di gas lacrimogeno a Baghdad. Al momento della stesura di questo articolo, i manifestanti iracheni hanno appena preso d'assalto il consolato iraniano nella città santa di Karbala, provocando altri quattro morti e almeno 19 feriti.

Non posso fare a meno di notare che, quando l'Iraq viene governato come stato colonia americano, gli scontri con le forze di sicurezza che vedono centinaia di morti civili non sono un grosso problema. Gli Stati Uniti potessero incoraggiare la comunità internazionale a legittimare un'altra invasione di un paese che è stato invaso due volte precedentemente. Sembra quindi abbastanza ipocrita quando l'unica base della richiesta di dimissioni del governo siriano da parte di Washington nel 2011 sembrava basarsi su accuse di uno scenario simile. Ma questo è un argomento per un articolo separato.

Poi di nuovo, sono stati gli Stati Uniti a far precipitare l'Iraq nel caos tanto per cominciare. Gli Stati Uniti, insieme al Regno Unito, hanno rovesciato Saddam Hussein nel 2003, hanno licenziato quasi 500.000 agenti di polizia e militari (che in una certa misura hanno contribuito all'ascesa dell'ISIS) e hanno facilitato la morte di oltre un milione di civili iracheni nel processo.

Dopo aver attivamente determinato le circostanze affinché un gruppo terroristico come l'ISIS si è poi cementato in una nazione dilaniata dalla guerra e prosperare, gli Stati Uniti hanno poi aiutato a radere al suolo intere città irachene nel tentativo di riconquistare il territorio che hanno permesso all'ISIS di afferrare senza domanda in primo luogo.

Ma dimentica tutta questa banale storia - una semplice coincidenza, qualcuno potrebbe dire. Ciò che dovrebbe davvero preoccuparci non è il coinvolgimento di Washington in Iraq. In effetti, questa volta abbiamo un nuovo nemico così potente - che scava bene con i suoi artigli a Baghdad - che non dovremmo preoccuparci della Russia, dell'Iran o della Corea del Nord.

Il nostro nuovo nemico, e per procura, il nuovo nemico dell'Iraq (dato che solo noi sappiamo cosa è meglio per l'Iraq), è la Cina.

La scorsa settimana, 23 paesi, tra cui Stati Uniti, Germania, Francia, Giappone, Canada, Australia e Nuova Zelanda, hanno condannato la Cina alle Nazioni Unite per il presunto maltrattamento della minoranza etnica uigura. Un gruppo di 54 stati, al contrario, ha elogiato i " notevoli risultati raggiunti dalla Cina nel campo dei diritti umani ".

Ciò che potrebbe sorprendere molti è che l'Iraq, una nazione a maggioranza musulmana, non era tra i 23 stati che condannano la Cina. In effetti, un certo numero di nazioni a maggioranza musulmana si sono schierati dalla parte della Cina o sono rimasti stranamente silenziosi mentre il mondo occidentale condanna Pechino per presunta persecuzione della vita di quasi 2 milioni di musulmani.

La Cina potrebbe non aver contribuito pesantemente con il personale sul campo per aiutare il governo iracheno a sconfiggere l'ISIS, ma l'Iraq ha beneficiato di un crescente partenariato tra le due nazioni sotto altri aspetti. Vale la pena notare che i documenti ufficiali cinesi sembrano sottolineare il fatto che le intenzioni della Cina in Medio Oriente sono puramente economiche , poiché questi documenti ufficiali raramente mettono l'accento sulla cooperazione in materia di sicurezza. Ciò è in netto contrasto con gli Stati Uniti, che sembrano avvicinarsi alla regione dall'interno.

Il rafforzamento dei legami tra Iraq e Cina potrebbe finire per rendere il panico delle nazioni occidentali.

Alla fine del mese scorso, è stato quasi confermato che l'Iraq avrebbe aderito al progetto Silk Road- Via della Seta in Cina. A quel tempo, il primo ministro iracheno Adel Abdul Mahdi ha elogiato la Cina per il suo "prezioso sostegno" durante il periodo di guerra e conflitti civili in Iraq. Mentre era a Pechino lo scorso settembre per una visita ufficiale, Mahdi ha anche descritto il suo viaggio come l'inizio di un "salto di qualità" nelle relazioni bilaterali tra le due nazioni. La visita stessa ha inoltre portato alla firma di otto memorandum d'intesa (MoU) e un contratto quadro di credito.

Inutile dire che l'Iraq è una delle nazioni più ricche di petrolio del mondo. Negli anni 2003-2018, le sue entrate petrolifere hanno superato gli 850 miliardi di dollari, con una produzione di petrolio quasi il doppio rispetto a prima. L'Iraq è diventato la terza fonte di petrolio della Cina (o seconda fonte di petrolio, a seconda di chi si chiede ). La Cina è emersa come il principale partner commerciale dell'Iraq, sostituendo l'India. In effetti, la Cina è diventata il principale partner commerciale della regione del Medio Oriente e puoi scommettere che questo non è stato cancellato dalle nazioni occidentali senza preavviso.

Inoltre, gli investimenti cinesi in Iraq non sono interamente concentrati sul petrolio, ma anche su infrastrutture cruciali. Ciò segue un modello simile di investimenti cinesi in altre parti del mondo, in particolare l'Africa e le Isole del Pacifico, dove la Cina finanzia progetti infrastrutturali chiave. Mentre distrugge le attuali pratiche di aiuto della Cina, un politico australiano ha accusato la Cina di costruire "strade verso il nulla" nel Pacifico.

Negli ultimi anni l' Iraq ha anche acquistato attrezzature militari cinesi per miliardi di dollari , inclusi veicoli aerei senza pilota (UAV) armati, missili a guida di precisione e sistemi missilistici balistici. L'Iraq presumibilmente usa droni fabbricati in Cina per scopi antiterrorismo, suggerendo un'altra area di competizione per gli Stati Uniti.

Mentre a Baghdad all'inizio di quest'anno, il vice ministro cinese per le relazioni estere avrebbe riferito che Pechino era pronta a contribuire alla ricostruzione dell'Iraq.

Si potrebbe sostenere, d'altra parte, che tutta questa assistenza alla luce della crescente relazione tra i due stati impallidisce rispetto al contributo degli Stati Uniti. Gli Stati Uniti hanno gestito una coalizione sul terreno e fornito l'attrezzatura in cui una sconfitta dell'ISIS era inevitabile. Dal 2014, gli Stati Uniti hanno erogato oltre 2,5 miliardi di dollari in finanziamenti umanitari per programmi in Iraq e 5,8 miliardi di dollari in programmi di sicurezza.

Tuttavia, come la maggior parte dei luoghi in tutto il mondo, il problema non è il fatto che la Cina stia superando gli Stati Uniti in termini di numeri; è il fatto che la Cina è persino al tavolo e sembra irritare i commentatori a Washington. Diventando sempre più diffidenti nei confronti di una presenza cinese in continua espansione, gli Stati Uniti hanno esaminato molteplici modi in cui può prepararsi per un mondo in cui la Cina è diventata un importante concorrente.

In questo contesto, dovremmo essere diffidenti nei confronti degli esperti dei media mainstream o dei rappresentanti dell'amministrazione Trump e dei suoi alleati che costantemente bloccano ogni singola minaccia in Medio Oriente proveniente dall'Iran. 

Non vi è dubbio che gli Stati Uniti e le sue coorti condividano disprezzo e profonda sfiducia nei confronti di Teheran, ma alla fine, anche la capacità di Teheran di sconvolgere gli Stati Uniti e la sua grande strategia per la scacchiera globale sono piuttosto limitate. In effetti, l'Iran è davvero solo una minaccia all'attuale ordine mondiale perché si allinea a paesi come la Russia e la Cina, che stanno lentamente ma sicuramente facilitando l'erosione dell'influenza globale di Washington.

Come spiega  The Diplomat , giustamente o erroneamente, ha avvertito, la Cina, non l'Iran, è il potere che le nazioni occidentali dovrebbero iniziare a temere per sollevare dalle macerie dell'Iraq dilaniato dalla guerra. Questo articolo è stato sorprendentemente preso in considerazione dal Consiglio Atlantico - fari di democrazia, libertà e diritti umani che sono - che lo hanno ripubblicato in parte.

Sconcerta che viviamo in un mondo in cui l'unico paese che ha invaso l'Iraq nel 2003 (dopo aver ucciso oltre un milione di civili attraverso un regime di sanzioni draconiano), facendo sprofondare la nazione in uno stato caotico di scompiglio, dovrebbe occuparsi della "minaccia"  che può colpire la stabilità dell'Iraq proveniente da qualcun altro. Che cosa significa stabilità in questo contesto, dato che gli Stati Uniti hanno destabilizzato attivamente l'Iraq e hanno tentato di destabilizzare i suoi vicini?

Vale anche la pena notare che la Cina e l'Iraq stavano rafforzando i legami e lavorando insieme su progetti di sviluppo, come quello al giacimento petrolifero di Al-Ahdab, molto prima che gli Stati Uniti sanzionassero e invadessero l'Iraq nel 2003.

 Fu l'invasione degli Stati Uniti e l'acquisizione del post- guerra dell'Iraq da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati che ha fermato gravemente i piani della Cina, escludendo inevitabilmente Pechino da un pezzo di torta irachena.

Ora, come sembra accadere in modo abbastanza spettacolare in molte parti del mondo, Washington rischia di essere cacciata da paesi in cui in precedenza aveva strangolato e perso la Cina. Sfortunatamente per gli Stati Uniti, l'Iraq sembra già aver trovato trovarsi in questa direzione. Proprio di recente, gli Stati Uniti hanno dichiarato che le truppe che si ritiravano dalla Siria sarebbero state di stanza in Iraq. L'Iraq ha risposto quasi immediatamente dicendo che le truppe statunitensi non avevano il permesso dall'Iraq di farlo. 

Ciò ha fatto eco a una precedente dichiarazione dell'Iraq secondo cui non sarebbe stato utilizzato come "trampolino di lancio per l'aggressione contro nessuno dei nostri paesi vicini." L'affermazione del presidente Trump all'inizio di quest'anno secondo cui avrebbe inviato le forze in Iraq per tenere d'occhio l'Iran è stata respinta allo stesso modo.

Faccio fatica a comprendere la logica nel coinvolgere le centinaia di migliaia (se non milioni) di civili iracheni morti, le migliaia di morti del personale USA, i decenni spesi e miliardi di dollari spesi in una nazione solo per guardare la nazione avvicinarsi ad un rivale economico e militare.

Per dirla senza mezzi termini, da tutte le angolazioni possibili, la decisione di invadere, occupare e distruggere l'Iraq deve essere vista come un completo fallimento.

E se gli Stati Uniti sono preoccupati per l'espansione della Cina all'interno dell'Iraq, a torto o a ragione, hanno solo se stessi da incolpare.