Segui i soldi dietro le proteste di Hong Kong

E-mail Stampa PDF

hong kong usa trumpdi Sara Flounders | da workers.org

Traduzione di Marco Pondrelli

Le manifestazioni a Hong Kong, divenute un aperto confronto con la Repubblica popolare cinese, hanno un impatto globale. Quali sono le forze dietro a questo movimento? Come vengono reperiti i fondi e chi ne beneficia?

Le manifestazioni sempre più violente a Hong Kong sono accolte e sostenute con entusiasmo dai media statunitensi e da tutti i partiti politici imperialisti negli Stati Uniti e in Gran Bretagna. Questo dovrebbe essere un segnale di pericolo per tutti coloro che lottano per il cambiamento e per il progresso sociale. L'imperialismo americano non è mai disinteressato o neutrale. 


Le azioni dirompenti coinvolgono manifestanti con maschere ed elmetti che usano bombe molotov, mattoni ardenti, barre d'acciaio, appiccano incendi, attaccano gli autobus e chiudono l'aeroporto e i trasporti di massa. Tra gli atti più provocatori c'è stata un'irruzione organizzata alla legislatura di Hong Kong, dove gli "attivisti" hanno vandalizzato l'edificio e appeso la bandiera britannica.

Le bandiere coloniali di Stati Uniti, Gran Bretagna e Hong Kong sono prominenti in questi scontri, insieme alle bandiere e altri simboli deturpati della Cina popolare. 

Il New York Times ha descritto la chiusura dell'aeroporto: "Le proteste all'aeroporto sono state profondamente tattiche, in quanto il movimento, in gran parte senza leader, colpisce un'arteria economica vitale. L'aeroporto internazionale di Hong Kong inaugurato nel 1998, l'anno dopo che la Cina ha recuperato il territorio dalla Gran Bretagna, funge da porta d'accesso al resto dell'Asia. Elegante e ben gestito, l'aeroporto ospita quasi 75 milioni di passeggeri all'anno e gestisce più di 5,1 milioni di tonnellate di merci". (14 agosto) 

I media statunitensi hanno costantemente etichettato queste azioni violente come "pro-democrazia". Ma lo sono?

Anche se i leader di queste azioni reazionarie decidessero di ritirarsi dall'orlo del baratro e ricalibrare le loro tattiche, sulla base dei forti avvertimenti del governo cinese, è ugualmente importante capire un movimento che ha un sostegno così forte dagli Stati Uniti.

La Cina ha il diritto di intervenire

Va detto con forza che la Cina non sta invaderebbe Hong Kong se si muovesse contro questi violenti boicottaggi. Hong Kong fa parte della Cina. Si tratta di una questione interna e la richiesta di indipendenza per Hong Kong è un attacco aperto alla sovranità nazionale cinese.

Ai sensi della Legge fondamentale di Hong Kong, la costituzione della città, il governo è legalmente autorizzato a chiedere aiuto all'Esercito di Liberazione Popolare Cinese.

Il governo cinese ha annunciato che interverrà militarmente per difendere la sovranità cinese. Alti funzionari governativi hanno etichettato gli atti più estremi come "terrorismo" e denunciato il sostegno degli Stati Uniti. Più volte i funzionari hanno sollevato l'analogia con le "rivoluzioni colorate" occidentali che hanno violentemente ribaltato i governi di Serbia, Ucraina, Libia e Haiti e che sono stati tentate in Venezuela e Siria.

"Gli ideologi dei governi occidentali non cessano mai nei loro sforzi per creare disordini contro governi che non sono di loro gradimento, anche se le loro azioni hanno causato miseria e caos in paesi dell'America Latina, dell'Africa, del Medio Oriente e dell'Asia. Ora stanno provando lo stesso trucco in Cina", ha spiegato China Daily il 3 luglio.

Liu Xiaoming, ambasciatore cinese in Gran Bretagna, ha detto ai giornalisti che il loro paese agisce ancora come il padrone coloniale di Hong Kong. (nbcnews.com, 4 luglio)

"Una portavoce del Ministero degli Esteri cinese ha affermato martedì che i recenti commenti dei deputati americani Pelosi (D-Ca.) e McConnell (R-Ky.) dimostrano che il vero obiettivo di Washington è incitare il caos in città, secondo la CNBC. "Trascurando e distorcendo la verità, hanno imbiancato i crimini violenti come una lotta per i diritti umani e la libertà" (14 agosto).

Dov'è il supporto degli Stati Uniti per le altre resistenze?

La polizia di Hong Kong viene denunciata dai media statunitensi per la violenza, ma in realtà ha dato prova di grande moderazione. Nonostante mesi di scontri violenti, con bottiglie molotov costantemente gettate, nessuno è stato ucciso.

Non c'è una copertura mediatica così favorevole o il sostegno da parte dei politici statunitensi per le manifestazioni di lavoratori e contadini disperati in Honduras, Haiti o nelle Filippine, o per il movimento dei gillet gialli in Francia. Non c'è mai una condanna ufficiale quando i manifestanti vengono uccisi in Yemen o Kashmir o nelle manifestazioni settimanali a Gaza contro l'occupazione israeliana.

Queste lotte ricevono appena una menzione, anche se in ogni caso decine di persone vengono uccise dalla polizia, prese di mira per essere uccise o scompaiono.

Mentre le proteste di Hong Kong ricevono un'attenzione diffusa, non c'è una copertura o un sostegno politico simile per le manifestazioni di Black Lives Matter negli Stati Uniti o per le masse che protestano contro le incursioni razziste dell'Immigrazione e delle Dogane e le retate dei migranti. 

La pressione degli Stati Uniti continua

Nonostante gli avvertimenti della Cina per una possibile applicazione della legge marziale, il rigoroso al coprifuoco e l'intervento militare per ristabilire l'ordine, i manifestanti non hanno mostrato segni di ritirata. Gli Stati Uniti e la Gran Bretagna sono determinati a spingere in avanti le forze politiche ostili che hanno coltivato negli ultimi due decenni. 

L'escalation delle dimostrazioni è legata alla guerra commerciale statunitense, alle tariffe e all'accerchiamento militare della Cina. Quattrocento - la metà - delle 800 basi militari americane all'estero circondano la Cina. Vettori aerei, cacciatorpediniere, sottomarini nucleari, aerei a reazione, batterie missilistiche del Terminal High Altitude Area Defense e infrastrutture di sorveglianza satellitare sono posizionate nel Mar Cinese Meridionale, vicino a Hong Kong. La demonizzazione dei media è necessaria per giustificare e intensificare questa presenza militare.

L'incoraggiamento delle dimostrazioni va di pari passo con gli sforzi internazionali per bloccare la tecnologia Huawei 5G, l'annullamento di uno studio congiunto sul cancro e l'arresto degli ufficiali cinesi. Tutti questi atti belligeranti sono progettati per esercitare la massima pressione sulla Cina, dividere la leadership, destabilizzare lo sviluppo economico e indebolire la volontà della Cina di mantenere qualsiasi pianificazione socialista.

La legge marziale ad Hong Kong, un importante centro finanziario, soprattutto per i fondi di investimento internazionali che arrivano in Cina, avrebbe un impatto sullo sviluppo della Cina. 

La "libertà" economica capitalista

L'imperialismo britannico, nei 155 anni in cui ha governato Hong Kong, ha negato i diritti a milioni di lavoratori. Non c'era un governo eletto, nessun diritto a un salario minimo, sindacati, alloggi o assistenza sanitaria dignitosi, e certamente nessuna libertà di stampa o di parola. Questi diritti democratici fondamentali non erano sui libri contabili della Hong Kong coloniale.

Negli ultimi 25 anni, compreso quest'anno, Hong Kong è stata classificata al primo posto nella lista della fondazione di destra Heritage fra i paesi con la "più grande libertà economica" - vale a dire con le minori limitazioni al profitto capitalistico. La classifica di Hong Kong si basa su tasse basse e normative leggere, i più forti diritti di proprietà e libertà commerciale e "l'apertura al commercio globale e un clima imprenditoriale vivace .... nessuna restrizione per le banche straniere". Per questo Hong Kong è la "società più libera del mondo". 

Questa "libertà" significa i più alti affitti del mondo e il più grande divario tra i super-ricchi e i disperatamente poveri e i senza tetto. Questo è ciò che i giovani di Hong Kong affrontano oggi. Ma i giovani vengono consapevolmente disorientati per incolpare l'amministrazione cittadina delle condizioni in cui Hong Kong è bloccata dall'accordo "One Country, Two Systems".

Un trattato coloniale iniquo

Hong Kong è una terra rubata. Questo spettacolare porto di acque profonde nel Mar Cinese Meridionale alla foce del fiume Pearl, una delle principali vie navigabili della Cina meridionale, fu presa dalla Gran Bretagna durante le guerre dell'oppio del 1842. Dopo che i negoziati con la Gran Bretagna si erano trascinati fino agli anni '80, gli inglesi imposero un altro trattato ineguale alla Repubblica Popolare Cinese.

Con l'accordo "One Country, Two Systems" del 1997, che restituisce ufficialmente Hong Kong, Kowloon e i nuovi territori alla RPC, la Gran Bretagna e la Cina hanno accettato di lasciare "il precedente sistema capitalistico" in vigore per 50 anni. 

La Cina, decisa a riaffermare la propria sovranità sulle terre rubate dall'invasione imperialista, aveva bisogno anche di fondi per lo sviluppo. La maggior parte del denaro in Asia passava attraverso il sistema bancario di Hong Kong. Così nel 1997 la Cina era ansiosa di raggiungere una transizione senza intoppi che non destabilizzasse il trasferimento di fondi di investimento, nel 99,5% dei casi alla Cina in precedenza erano stati negati i fondi per lo sviluppo. Dalla vittoriosa rivoluzione cinese del 1949, la Cina era stata sanzionata e bloccata nell'accesso agli investimenti e alla tecnologia occidentali.

L'imperialismo americano e britannico approfittò appieno della concessione del 1997 per mantenere il controllo economico dell'ex colonia. La loro speranza era che Hong Kong potesse servire, come in passato, come un ariete economico in Cina.

Le loro speranze non si sono realizzate. Nel 1997 il prodotto interno lordo di Hong Kong era pari al 27% del prodotto interno lordo cinese. Ora è solo il 3 per cento ed è in calo. Con grande frustrazione degli Stati Uniti e degli inglesi le banche più grandi del mondo sono ora in Cina e sono banche statali.

Ciò che confonde la classe capitalista, molto più dell'incredibile crescita della Cina, è che le prime 12 società cinesi nella lista Fortune 500 degli Stati Uniti sono tutte di proprietà statale e sovvenzionate dallo Stato. Essi includono il petrolio, l'energia solare, le telecomunicazioni, le società di ingegneria, di costruzione, le banche e l'industria automobilistica. (Fortune.com, 22 luglio 2015)

Il potere aziendale statunitense è profondamente minacciato dal livello di sviluppo della Cina attraverso la Belt and Road Initiative e dalla sua crescente posizione nel commercio internazionale e negli investimenti. 

Stati Uniti, la Gran Bretagna ha costruito una rete di collaboratori

Quando Gran Bretagna e Cina hanno firmato l'accordo One Country, Two Systems, tutti gli interventi stranieri e le rivendicazioni coloniali su Hong Kong avrebbero dovuto finire. La piena sovranità doveva tornare in Cina. 

Tuttavia, gli sforzi degli Stati Uniti e della Gran Bretagna per colpire il ritorno di Hong Kong iniziarono prima della firma. Poco prima del trasferimento di sovranità la Gran Bretagna ha istituito frettolosamente, dopo 150 anni di funzionari nominati, un governo parzialmente eletto, anche se principalmente nominato. Hanno rapidamente costituito e finanziato partiti politici composti dai loro leali collaboratori.

Milioni di dollari sono stati incanalati apertamente e segretamente in un'intera rete di organizzazioni di servizi sociali protetti, partiti politici, media e social media, organizzazioni studentesche e giovanili e sindacati creati per colpire il sostegno alla Cina e al Partito Comunista Cinese.

La Confederazione dei sindacati di Hong Kong riceve finanziamenti del National Endowment for Democracy (NED) degli Stati Uniti, oltre al sostegno britannico. Promuove "sindacati indipendenti e democratici" in tutta la Cina. L'HKCTU è stata fondata nel 1990 per contrastare e colpire la Hong Kong Federation of Trade Unions fondata nel 1948, che è ancora oggi la più grande organizzazione sindacale con 410.000 iscritti.

L'HKFTU ha sofferto anni di brutale repressione sotto il dominio coloniale britannico, lottando per la protezione fondamentale dei diritti dei lavoratori. Uno sciopero organizzato dall'HKFTU scosse il dominio coloniale britannico nel 1967. Lo sciopero divenne una ribellione in tutta la città scatenata dai licenziamenti di massa dei lavoratori della fabbrica di fiori di plastica. Le autorità coloniali britanniche repressero duramente la rivolta, causando 51 morti e centinaia di feriti e scomparsi. L'HKFTU sostiene la Cina e si oppone alle manifestazioni reazionarie.

Finanziamenti NED = sostegno della CIA

Allen Weinstein, uno dei fondatori del NED, disse al Washington Post nel 1991: "Molto di quello che facciamo oggi è stato fatto di nascosto 25 anni fa dalla CIA". (21 settembre 1991) Il NED finanzia, coordina e arma organizzazioni non governative e organizzazioni sociali con la capacità di mettere in strada decine di migliaia di giovani disorientati, idealisti e alienati. 

I finanziamenti della NED, della Ford, del Rockefeller center, di Soros e di numerose altre fondazioni aziendali, chiese cristiane di ogni confessione e generosi finanziatori britannici, sono alla base di questa rete ostile e sovversiva che ha orchestrano le proteste di Hong Kong.

Il NED finanzia il Movimento per i diritti umani di Hong Kong, l'Associazione dei giornalisti di Hong Kong, il Civic Party, il Labor Party e il Democratic Party. Sono membri del Fronte dei diritti umani civili che coordina le manifestazioni.

Questo ruolo del NED in Cina è sempre più difficile da oscurare. Alexander Rubinstein ha riportato in "American Gov't, ONG Fuel and Fund Hong Kong Anti-Extradition Protests" (mintpressnews.com, 13 giugno): "E' inconcepibile che gli organizzatori delle proteste non siano a conoscenza dei legami del NED con alcuni dei suoi membri". (tinyurl.com/y6nhmapz) 

L'obiettivo è quello di promuovere un atteggiamento ostile e sospettoso nei confronti della Cina e del comunismo e di promuovere il falso concetto di Hong Kong democratica del passato con un'identità distinta. China Daily avverte: "Negli ultimi anni, ci sono stati degli avvertimenti che le rivoluzioni colorate stanno emergendo come una nuova forma di guerra utilizzata dall'Occidente per destabilizzare alcuni paesi". (12 agosto)

Quale sistema funziona meglio?

Il New York Times del 13 agosto si riferisce a Hong Kong come "bastione delle libertà civili" per contrastare "il marchio autoritario di Pechino".

Il passato coloniale britannico è profondamente mitologizzato. Ventidue anni di costante nostalgia per questo passato, presumibilmente glorioso, hanno influenzato i giovani sempre più poveri.

Nonostante decenni di finanziamenti occidentali multimilionari, Hong Kong ha un tasso di povertà del 20% (23,1% per i bambini) rispetto a meno dell'1% nella Cina continentale. Negli ultimi 20 anni, la Cina continentale ha tolto innumerevoli milioni di persone dalla povertà.

Appena oltre il fiume di Hong Kong si trova la città di Shenzhen. Si tratta di una delle Zone Economiche Speciali istituite per attirare la tecnologia occidentale. Queste zone originariamente con migliaia di fabbriche ad alta intensità di manodopera e milioni di lavoratori che guadagnano salari bassi, erano centri di sfruttamento capitalistico e profitti enormi per gli Stati Uniti e altri capitalisti globali.

Shenzhen è cresciuta da una città di 30.000 abitanti nel 1979 a una megalopoli di 20 milioni, con la più grande popolazione migrante in Cina. Shenzhen ha una popolazione tre volte superiore a quella di Hong Kong. Con gli investimenti provenienti da Hong Kong questa città divenne una grande città industriale inquinata, con le fabbriche che sprigionavano nubi di fumo tossico scuro.

Negli ultimi cinque anni, attraverso la pianificazione urbana e nazionale, Shenzhen è oggi una delle città più vivibili della Cina, con ampi parchi, strade alberate e la più grande flotta di autobus elettrici al mondo (16.000), insieme a cabine interamente elettriche. Shenzhen punta ad avere l'80% dei suoi nuovi edifici certificati verdi entro il 2020. È piena di condomini, torri per uffici e fabbriche moderne con produzione di attrezzature avanzate, robotica, automazione e gigantesche start-up tecnologiche.

Negli ultimi 10 anni i salari sono rimasti stagnanti a Hong Kong, mentre gli affitti sono aumentati del 300%; è la città più costosa del mondo. A Shenzhen, i salari sono aumentati dell'8% ogni anno e più di 1 milione di nuove unità abitative verdi pubbliche a basso costo sono in fase di completamento.

Gli Stati Uniti chiedono che la Cina abbandoni il sostegno statale delle sue industrie, la proprietà delle sue banche e la pianificazione nazionale. Ma il contrasto tra la decadenza, la crescente povertà e l'intensa alienazione di Hong Kong e la verde e vibrante città di Shenzhen dall'altra parte del fiume dimostra che ci sono due scelte per la Cina di oggi ed anche per le forze arrabbiate mobilitate ad Hong Kong: una pianificazione socialista moderna o un ritorno al supersfruttamento e alla dominazione imperialista del passato coloniale.

Per decenni la Gran Bretagna e gli Stati Uniti hanno usato il popolo di Hong Kong per la manodopera a basso costo. Ora usano la stessa popolazione per la propaganda politica a basso costo. Questa cinica manovra è solo un'arma in più in uno sforzo disperato per sconvolgere l'ulteriore sviluppo della Cina.

Il potere delle corporate statunitensi è incapace di soddisfare una qualsiasi delle disperate necessità di alloggio, assistenza sanitaria, istruzione ed ambientali per la propria gente. Invece, in un'incessante corsa al profitto, enormi risorse vengono sprecate nel militarismo per minacciare i paesi di tutto il mondo.

Dobbiamo esigere: U.S.A. Giù le mani dalla Cina! U.S.A. Fuori da Hong Kong!