Il CPC crea pace e stabilità per la crescita

E-mail Stampa PDF

Kishore Mahbubanida globaltimes.cn

Nota dell'editore:

Rivolgendosi, martedì, a un grande consesso per celebrare il 40° anniversario della riforma e dell'apertura della Cina, il presidente cinese Xi Jinping l'ha descritto come "una grande rivoluzione nella storia del popolo cinese e della nazione cinese" e ha promesso di portarla in fondo. Che ruolo ha svolto la riforma e l'apertura nello sviluppo della Cina? In che modo ha influenzato il rapporto Cina-USA negli ultimi 40 anni? Il giornalista del Global Times (GT) Yu Jincui ha parlato con Kishore Mahbubani (Mahbubani), rappresentante permanente di Singapore presso le Nazioni Unite, su questi temi a margine della terza Understanding China Conference.


GT: Secondo lei, in che modo la riforma e l'apertura hanno contribuito ai cambiamenti che la Cina ha apportato negli ultimi 40 anni?

Mahbubani: La decisione di avviare la riforma e l'apertura nel 1978 ha avuto un effetto spettacolare. Mai prima d'ora nella storia dell'umanità vi è stato un miglioramento così massiccio delle condizioni di vita di un popolo, così rapido e completo come ha fatto la Cina negli ultimi 40 anni su così vasta scala. I paesi più piccoli sono cresciuti rapidamente. Ma per un grande paese crescere così velocemente è spettacolare e insolito, quindi i risultati sono stati sorprendenti e positivi.

GT: Come commenta la leadership del Partito Comunista Cinese in questo percorso?

Mahbubani: Penso che, perché la riforma economica abbia successo, sia necessaria la stabilità politica. Perché, come sapete, in cent'anni, prima che il Partito Comunista Cinese (PCC) prendesse il sopravvento nel 1949, quando la Cina fu invasa, quando la Cina fu occupata dal Giappone e così via, in quelle condizioni di guerre civili, guerre straniere, non si può avere successo e prosperare. Quindi la pace è un requisito essenziale. Pace e stabilità politica - il PCC ha fornito entrambi negli ultimi 40 anni.

GT: La riforma e l'apertura e lo sviluppo delle relazioni Cina-USA hanno avuto luogo simultaneamente. In che modo la prima influenza la seconda?

Mahbubani: Se volete sapere perché le riforme economiche cinesi hanno ottenuto così tanto è perché, quando la Cina ha deciso di aderire al sistema commerciale globale aperto, gli Stati Uniti l'hanno accolta nel sistema commerciale globale aperto. Quando gli storici si guardano indietro, sono perplessi. Come hanno accolto generosamente un potenziale concorrente nel sistema? In parte perché la guerra fredda era in corso e gli Stati Uniti hanno cercato la Cina come partner contro l'Unione Sovietica. Così è stato in un certo senso un incidente geopolitico che ha portato gli Stati Uniti a introdurre la Cina nel sistema commerciale globale aperto. Ma con benefici per la Cina.

GT: Alcuni negli Stati Uniti definiscono un errore aver permesso alla Cina di entrare nel WTO

Mahbubani: Io sostengo che gli americani e gli europei non dovrebbero incolpare la Cina per la perdita di posti di lavoro, dovrebbero incolpare i propri leader per non aver preparato il popolo alla nuova concorrenza.

Purtroppo, le élite in America e in Europa non hanno prestato attenzione al fatto che i loro lavoratori non avrebbero beneficiato della globalizzazione, anche se essi stessi sono diventati molto ricchi. Infatti il reddito mediano dei lavoratori americani non è aumentato in 40 anni, durante il periodo delle riforme della Cina. Questo è scioccante. Questo è il risultato del fallimento dei leader e delle élite americane. Loro vanno biasimati.

GT: Lei ha detto che la Cina sostituirà gli Stati Uniti tra 20 anni. Con l'ascesa della Cina i due paesi sono destinati al conflitto?

Mahbubani: Il mio obiettivo nel 2019 è scrivere un libro sulle relazioni Cina-USA. Non ho alcun dubbio che la concorrenza strategica tra Stati Uniti e Cina aumenterà. Ma non deve necessariamente condurre a una guerra. Inoltre penso che dopo alcuni periodi iniziali difficili, sia possibile per i paesi convivere. Ma ci serve molta saggezza politica.

GT: Mentre la Cina promette di espandersi, gli Stati Uniti si ritirano da una serie di organizzazioni internazionali, come lvede tutto ciò?

Mahbubani: E' estremamente poco saggio da parte degli Stati Uniti ritirarsi dalle organizzazioni internazionali. Sono state create essenzialmente dalla leadership statunitense, con i leader americani e con le idee dei pensatori americani. In questo momento particolare per gli Stati Uniti per supportare queste istituzioni perché forniranno ponti per la cooperazione e la comprensione tra Stati Uniti e Cina. Proprio ora, sotto la presidenza Trump, abbiamo l'unilateralismo invece del multilateralismo, ma credo che gli Stati Uniti alla fine decideranno che il multilateralismo è la strada migliore da seguire.

GT: Che ne pensa dell'arresto di Meng Wanzhou, direttorice finanziaria di Huawei?

Mahbubani: Dobbiamo aspettare e vedere. È un po' triste. Mi è piaciuta la rubrica di Jeffery Sachs, il quale dice che la tradizione occidentale è usata per punire le aziende, non gli individui. È molto insolito che gli Stati Uniti perseguano un individuo, dopo la grande crisi finanziaria nessuno dei banchieri americani è andato in prigione.

GT: Può offrire qualche suggerimento alla Cina per approfondire la riforma e l'apertura?

Mahbubani: La Cina dovrebbe riconoscere che ora è diventata la seconda economia e presto diventerà la più grande economia del mondo. La Cina dovrà svolgere un ruolo di leadership nella protezione di molte delle organizzazioni internazionali che hanno facilitato la sua ascesa.

Vi darò due esempi: in primo luogo le Nazioni Unite, che sono un'organizzazione molto importante. Di tutti i paesi e membri dell'ONU,la Cina dovrebbe diventare il suo difensore numero 1.

Allo stesso modo, la Cina è la potenza commerciale numero 1 al mondo, quindi deve diventare il difensore numero 1 del WTO. Ma per difendere efficacemente il WTO la Cina deve lavorare con altri sostenitori come l'ASEAN, il Giappone, la Corea del Sud e l'Europa.