Perché anche una guerra commerciale non farà deragliare Made in China 2025

E-mail Stampa PDF

madeinchina2025di Pepe Escobar

“Asia Times”

Traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it 

Pechino ha tracciato la propria tabella di marcia per diventare una "superpotenza manifatturiera" all'avanguardia

Pensato per placare i timori di una minacciosa guerra commerciale USA-Cina, il discorso del Presidente Xi Jinping al Boao Forum, pieno di metafore cinesi, è stata la logica estensione dell'importante discorso tenuto a Davos all'inizio dello scorso anno - quando ha messo la Cina all'avanguardia della globalizzazione 2.0.


Al Forum di Boao Xi ha sottolineato una "nuova fase di apertura" dell'economia cinese, ha deplorato la "guerra fredda e la mentalità a somma zero" ed ha elogiato la lunga marcia di sviluppo economico della Cina - dall'adesione al WTO al più importante progetto di integrazione eurasiatica del 21 ° secolo su commercio/connettività, la Belt and Road Initiative (BRI).

Per il prossimo futuro l'economia cinese dovrebbe seguire uno dei due principali vettori. Pechino potrebbe scegliere di aprire la sua economia principalmente alle multinazionali statunitensi, una strategia che privilegia l'occidente. Questo sarebbe il piano B. Oppure, all'incirca per i prossimi sette anni, Pechino potrebbe mettere in scena un'altra svolta, solidificandosi come una Mecca dell'high-tech. Questo è il piano A.

Il piano A è totalmente integrato con la connettività della BRI - dalla Cina orientale all'Europa occidentale attraverso l'Asia centrale, il Sud-est asiatico, il Sud-ovest asiatico e persino il Caucaso. La Cina, attraverso la BRI, ha l'obiettivo di esportare non solo il capitale e le conoscenze aziendali ma anche i prodotti tecnologici ad alto valore aggiunto.

E questo ci porta allo scontro tra due roadmap - che dovrebbero essere lette in dettaglio - che sono al centro di una guerra commerciale molto dibattuta, possibile e certamente feroce: China 2030 e Made in China 2025.

2030 o 2025?

Cina 2030 fu pubblicato, in modo significativo, già nel 2013, dalla Banca mondiale in collaborazione con il Ministero delle Finanze cinese e del Consiglio di Stato. È ancora un prodotto dell'era Hu Jintao, che chiede le necessarie "riforme di mercato", con particolare attenzione alla "necessità" per la strategia della Cina "di essere governata da alcuni principi chiave: mercati aperti, giustizia ed equità, cooperazione reciprocamente vantaggiosa, inclusione globale e sviluppo sostenibile".

Xi Jinping, però, aveva idee più ampie. Nel 2013, ad Astana e Giacarta, è stato presentato anche il concetto, inizialmente lanciato dal Ministero del Commercio cinese, di One Belt, One Road (OBOR). Ci è voluto un po' perché le notizie spiegassero in modo approfondito il fatto che l'OBOR era nientemeno che un progetto, completo, per l'integrazione pan-euroasiatica.

Poi, nel 2015, Pechino ha presentato quella che è di fatto la strategia economica nazionale: Made in China 2025.

Si tratta - ancora una volta – per la Cina di spingere sull'acceleratore, questa volta per ridurre la dipendenza dalla tecnologia straniera ed il ruolo nella filiera delle aziende straniere, aumentando gli investimenti in ricerca e sviluppo, migliorando l'automazione nelle fabbriche cinesi e sviluppando settori strategici come la robotica.

C'è già un obiettivo per il 2020: arrivare al 70% della produzione con componenti fatti in Cina. Il fatto che il successo di Huawei abbia messo i brividi negli Stati Uniti - la patria della Apple - è solo una piccola illustrazione di ciò che potrebbe accadere.

Eppure Made in China 2025 è molto più ambizioso, mirando a portare il Regno di Mezzo ai primi tre posti tra i leader mondiali dell'industria high-tech prima del 2049, quando la Repubblica Popolare compierà 100 anni. È così che la Cina intende battere la trappola del reddito medio.

Così Pechino ha disegnato la propria roadmap indigena per diventare uno stato high-tech "superpotenza di produzione" esportando Made in China, alta velocità ferroviaria, aerea, veicoli elettrici, robotica, tecnologie AI e gli standard 5G che alimenteranno l'Internet of thing.

Tra i precedenti modelli economici figura sicuramente la Corea del Sud, il cui processo di graduale modernizzazione dei chaebol* è stato guidato dallo Stato. E un'ispirazione fondamentale viene anche da industria 4.0, l'iniziativa strategica nazionale tedesca lanciata nel 2011 con l'obiettivo di consolidare la leadership tecnologica del Paese nell'ingegneria meccanica.

L'Europa guarda

Il fatto che Pechino non accetti un ruolo subalterno in un ambiente economico ad alta tecnologia  dominato dagli Stati Uniti e gestito da una piccola élite aziendale spiega cosa sia inimmaginabile per questa élite; un definitivo passaggio dell'economia mondiale entro il 2025, dall'Occidente all'Oriente.

Pechino non tornerà indietro. L'intera situazione è lontana dall'unilateralismo e si dirige verso un mondo multipolare, dove il partenariato con la Russia gioca un ruolo chiave, poiché i due paesi coordinano i loro sforzi su tutto, dallo yuan e dal rublo supportato dall'oro, ad un'alternativa al meccanismo di pagamento SWIFT, culminando con il progetto più vasto della storia del mondo in termini di connettività economica in oltre 60 nazioni e culture: il BRI, che è destinato ad essere integrato con l'Eurasia Economic Union (EEU), ed è essenzialmente una politica industriale concertata e guidata dallo stato.

Come sottolineato in un editoriale del Global Times una guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti non risolverà nulla, tanto meno lo scontro tra China 2030 e Made in China 2025. Gli industriali statunitensi sono in una posizione molto delicata poiché hanno investito massicciamente in Cina, trasferito la tecnologia e persino usato la tecnologia cinese, poiché le linee di rifornimento sono globali. Se mai venisse eretto un muro tecnologico tra le imprese americane e cinesi, gli europei sostituirebbero volentieri gli americani.

Nel frattempo, Pechino farà da battistrada, ad esempio, aprendo il suo settore finanziario agli investimenti esteri, compresa l'abolizione dei limiti massimi per la proprietà straniera delle banche.

La parte inferiore della forma

Yi Gang, il nuovo governatore della Banca popolare cinese, ha promesso al Forum di Boao che Pechino consentirà agli investitori stranieri di raggiungere una quota massima del 51% in società di brokeraggio, società a termine, società di gestione di fondi e rimuoverà i limiti azionari esteri in tutti questi settori entro il 2021.

Con una formidabile diplomazia Yi ha dichiarato: "Direi che con l'apertura delle industrie finanziarie e dei servizi, gli Stati Uniti in futuro avrebbero un vantaggio comparativamente maggiore nel commercio dei servizi. In questo modo, quando avremo scambi di beni e di servizi e questi due aspetti si equilibreranno ".

Poi c'è sempre la difficile strada per "risolvere" il deficit commerciale degli Stati Uniti. In una nota di ricerca, questo è quello che gli analisti di Goldman Sachs - guidati dal capo economista Jan Hatzius - hanno suggerito: "Per un paese deficitario come gli Stati Uniti è possibile aumentare le restrizioni commerciali in misura sufficiente per raggiungere anche un ambizioso obiettivo di riduzione del disavanzo. Ma questo ha un costo pesante in termini di crescita più debole. In parole povere l'unico modo sicuro per ridurre drasticamente il deficit per rappresaglia è una recessione ".

Guerra commerciale o recessione solo una cosa è chiara, la Cina farà tutto il necessario per implementare il Made in China 2025 - la sua roadmap verso la preminenza nell'alta tecnologia.

* grande conglomerato industriale gestito da un proprietario o da una famiglia

Perché anche una guerra commerciale non farà deragliare Made in China 2025

di Pepe Escobar

“Asia Times”

http://www.atimes.com/article/even-trade-war-wont-derail-made-china-2025/

 

Traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it

Pechino ha tracciato la propria tabella di marcia per diventare una "superpotenza manifatturiera" all'avanguardia

 

Pensato per placare i timori di una minacciosa guerra commerciale USA-Cina, il discorso del Presidente Xi Jinping al Boao Forum, pieno di metafore cinesi, è stata la logica estensione dell'importante discorso tenuto a Davos all'inizio dello scorso anno - quando ha messo la Cina all'avanguardia della globalizzazione 2.0.

 

Al Forum di Boao Xi ha sottolineato una "nuova fase di apertura" dell'economia cinese, ha deplorato la "guerra fredda e la mentalità a somma zero" ed ha elogiato la lunga marcia di sviluppo economico della Cina - dall'adesione al WTO al più importante progetto di integrazione eurasiatica del 21 ° secolo su commercio/connettività, la Belt and Road Initiative (BRI).

 

Per il prossimo futuro l'economia cinese dovrebbe seguire uno dei due principali vettori. Pechino potrebbe scegliere di aprire la sua economia principalmente alle multinazionali statunitensi, una strategia che privilegia l'occidente. Questo sarebbe il piano B. Oppure, all'incirca per i prossimi sette anni, Pechino potrebbe mettere in scena un'altra svolta, solidificandosi come una Mecca dell'high-tech. Questo è il piano A.

 

Il piano A è totalmente integrato con la connettività della BRI - dalla Cina orientale all'Europa occidentale attraverso l'Asia centrale, il Sud-est asiatico, il Sud-ovest asiatico e persino il Caucaso. La Cina, attraverso la BRI, ha l'obiettivo di esportare non solo il capitale e le conoscenze aziendali ma anche i prodotti tecnologici ad alto valore aggiunto.

 

E questo ci porta allo scontro tra due roadmap - che dovrebbero essere lette in dettaglio - che sono al centro di una guerra commerciale molto dibattuta, possibile e certamente feroce: China 2030 e Made in China 2025.

 

2030 o 2025?

 

Cina 2030 https://www.worldbank.org/content/dam/Worldbank/document/China-2030-complete.pdf fu pubblicato, in modo significativo, già nel 2013, dalla Banca mondiale in collaborazione con il Ministero delle Finanze cinese e del Consiglio di Stato. È ancora un prodotto dell'era Hu Jintao, che chiede le necessarie "riforme di mercato", con particolare attenzione alla "necessità" per la strategia della Cina "di essere governata da alcuni principi chiave: mercati aperti, giustizia ed equità, cooperazione reciprocamente vantaggiosa, inclusione globale e sviluppo sostenibile".

 

Xi Jinping, però, aveva idee più ampie. Nel 2013, ad Astana e Giacarta, è stato presentato anche il concetto, inizialmente lanciato dal Ministero del Commercio cinese, di One Belt, One Road (OBOR). Ci è voluto un po' perché le notizie spiegassero in modo approfondito il fatto che l'OBOR era nientemeno che un progetto, completo, per l'integrazione pan-euroasiatica.

 

Poi, nel 2015, Pechino ha presentato quella che è di fatto la strategia economica nazionale: Made in China 2025 https://www.merics.org/sites/default/files/2017-09/MPOC_No.2_MadeinChina2025.pdf.

 

Si tratta - ancora una volta – per la Cina di spingere sull'acceleratore, questa volta per ridurre la dipendenza dalla tecnologia straniera ed il ruolo nella filiera delle aziende straniere, aumentando gli investimenti in ricerca e sviluppo, migliorando l'automazione nelle fabbriche cinesi e sviluppando settori strategici come la robotica.

C'è già un obiettivo per il 2020: arrivare al 70% della produzione con componenti fatti in Cina. Il fatto che il successo di Huawei abbia messo i brividi negli Stati Uniti - la patria della Apple - è solo una piccola illustrazione di ciò che potrebbe accadere.

Eppure Made in China 2025 è molto più ambizioso, mirando a portare il Regno di Mezzo ai primi tre posti tra i leader mondiali dell'industria high-tech prima del 2049, quando la Repubblica Popolare compierà 100 anni. È così che la Cina intende battere la trappola del reddito medio.

 

Così Pechino ha disegnato la propria roadmap indigena per diventare uno stato high-tech "superpotenza di produzione" esportando Made in China, alta velocità ferroviaria, aerea, veicoli elettrici, robotica, tecnologie AI e gli standard 5G che alimenteranno l'Internet of thing.

 

Tra i precedenti modelli economici figura sicuramente la Corea del Sud, il cui processo di graduale modernizzazione dei chaebol* è stato guidato dallo Stato. E un'ispirazione fondamentale viene anche da industria 4.0 https://ec.europa.eu/growth/tools-databases/dem/monitor/sites/default/files/DTM_Industrie%204.0.pdf, l'iniziativa strategica nazionale tedesca lanciata nel 2011 con l'obiettivo di consolidare la leadership tecnologica del Paese nell'ingegneria meccanica.

 

L'Europa guarda

 

Il fatto che Pechino non accetti un ruolo subalterno in un ambiente economico ad alta tecnologia  dominato dagli Stati Uniti e gestito da una piccola élite aziendale spiega cosa sia inimmaginabile per questa élite; un definitivo passaggio dell'economia mondiale entro il 2025, dall'Occidente all'Oriente.

 

Pechino non tornerà indietro. L'intera situazione è lontana dall'unilateralismo e si dirige verso un mondo multipolare, dove il partenariato con la Russia gioca un ruolo chiave, poiché i due paesi coordinano i loro sforzi su tutto, dallo yuan e dal rublo supportato dall'oro, ad un'alternativa al meccanismo di pagamento SWIFT, culminando con il progetto più vasto della storia del mondo in termini di connettività economica in oltre 60 nazioni e culture: il BRI, che è destinato ad essere integrato con l'Eurasia Economic Union (EEU), ed è essenzialmente una politica industriale concertata e guidata dallo stato.

 

Come sottolineato in un editoriale del Global Times http://www.globaltimes.cn/content/1096648.shtml una guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti non risolverà nulla, tanto meno lo scontro tra China 2030 e Made in China 2025. Gli industriali statunitensi sono in una posizione molto delicata poiché hanno investito massicciamente in Cina, trasferito la tecnologia e persino usato la tecnologia cinese, poiché le linee di rifornimento sono globali. Se mai venisse eretto un muro tecnologico tra le imprese americane e cinesi, gli europei sostituirebbero volentieri gli americani.

 

Nel frattempo, Pechino farà da battistrada, ad esempio, aprendo il suo settore finanziario agli investimenti esteri, compresa l'abolizione dei limiti massimi per la proprietà straniera delle banche.

 

La parte inferiore della forma

 

Yi Gang, il nuovo governatore della Banca popolare cinese, ha promesso al Forum di Boao che Pechino consentirà agli investitori stranieri di raggiungere una quota massima del 51% in società di brokeraggio, società a termine, società di gestione di fondi e rimuoverà i limiti azionari esteri in tutti questi settori entro il 2021.

 

Con una formidabile diplomazia Yi ha dichiarato: "Direi che con l'apertura delle industrie finanziarie e dei servizi, gli Stati Uniti in futuro avrebbero un vantaggio comparativamente maggiore nel commercio dei servizi. In questo modo, quando avremo scambi di beni e di servizi e questi due aspetti si equilibreranno ".

 

Poi c'è sempre la difficile strada per "risolvere" il deficit commerciale degli Stati Uniti. In una nota di ricerca, questo è quello che gli analisti di Goldman Sachs - guidati dal capo economista Jan Hatzius - hanno suggerito: "Per un paese deficitario come gli Stati Uniti è possibile aumentare le restrizioni commerciali in misura sufficiente per raggiungere anche un ambizioso obiettivo di riduzione del disavanzo. Ma questo ha un costo pesante in termini di crescita più debole. In parole povere l'unico modo sicuro per ridurre drasticamente il deficit per rappresaglia è una recessione ".

 

Guerra commerciale o recessione solo una cosa è chiara, la Cina farà tutto il necessario per implementare il Made in China 2025 - la sua roadmap verso la preminenza nell'alta tecnologia.



*              grande conglomerato industriale gestito da un proprietario o da una famiglia