Africa: la nuova era delle ferrovie 'made in China'

E-mail Stampa PDF

da www.contropiano.org

Sono presenti i presidenti di Kenya, Uganda, Rwanda e Sud Sudan alla cerimonia oggi a Mombasa, per la posa della prima pietra della nuova linea ferroviaria che collegherà l’entroterra con l’Oceano Indiano. Uhuru Kenyatta, Yoweri Museveni, Paul Kagame e Salva Kiir hanno definito il progetto – che sarà realizzato dalla China Communication Construction Company – un’impresa di portata “storica” destinata a “cambiare il volto e gli equilibri economici dell’Africa Orientale”. Nell’obiettivo dei quattro ambiziosi capi di Stato, alla guida di economie propulsive o potenzialmente tali, c’è la creazione di una nuova rotta di comunicazione per il transito di merci e materiali che abbatta i costi del trasporto su ruota, dispendioso e complicato.

La ferrovia collegherà Mombasa a Malaba, al confine tra Kenya e Uganda, proseguendo verso Kampala e Kigali, in Rwanda, e successivamente a Juba, in Sud Sudan. La costruzione avverrà in tre fasi e dovrebbe essere ultimata nel 2016. Nel tratto che va fino alla capitale ugandese, la strada ferrata correrà in parallelo con quella che gli inglesi costruirono tra il 1896 e il 1901, in epoca coloniale, per trasportare verso la costa te e caffè da esportazione.


CONTINUA A LEGGERE