Cina: sempre più "rosso" nelle imprese private

E-mail Stampa PDF

newsdalmondo banner

di Diego Bertozzi

Dopo quelli sul rinnovamento generazionale all'interno del Partito comunista cinese in vista del XVIII congresso nazionale, altri dati testimoniano la sulla capacità di rinnovamento e adattamento alle nuove fasi dello sviluppo del socialismo con caratteristiche cinesi. Secondo i dati diffusi nel maggio scorso dall'Amministrazione Statale dell'Industria e del Commercio, nel settore privato dell'economia cinese i comitati di base del Partito comunista sono passati dai 100 mila del 2001 ai 300 mila del 2011, coprendo tutte le 210.000 grandi aziende private nel Paese e reclutando più di 3,5 milioni di membri del partito.


Le autorità cinesi non si accontentano certo, ma sottolineano come la presenza sia ancora troppo debole nelle piccole e medie imprese. Le organizzazioni comuniste hanno come scopi quelli di garantire i diritti e gli interessi dei lavoratori e di formarli politicamente e tecnicamente in vista della copertura di ruoli di primo piano nelle aziende stesse. A questo si aggiunge la capacità dei comitati stessi di fungere da consulenti per le aziende straniere che vogliono investire in Cina, aiutandole a conseguire, attraverso la conoscenza del contesto locale, i loro obiettivi imprenditoriali. Altre attività sono svolte nell'ambito di progetti di tutela ambientale, nell'organizzazione di corsi di formazione, nella informazione politica e nello studio.

Risulta così in crescita, dispetto di pregiudizi e timori ancora presenti, è il riconoscimento del loro ruolo di difesa e garanzia da parte delle aziende straniere che operano in Cina e assumono manodopera locale. A Shanghai - per fare un esempio - sono ormai 486 gli sportelli del partito presenti nelle aziende straniere.

L'importanza dei comitati di base - tra i quali vengono eletti anche rappresentati per il prossimo congresso del PCC - era stata sottolineata proprio nel 2011 dal presidente Jiang Zemin che, in occasione dell'80°anniversario della fondazione del PCC, aveva definito, in linea con la teoria della "Triplice Rappresentatività", come "collaboratori alla costruzione socialista" tutti i lavoratori impegnati nelle aziende di Stato come in quelle private.

Da ricordare, per una lettura completa di questa linea di sviluppo, che il settore privato nell'economia cinese contribuisce a oltre il 60% del Pil e ha creato il 90% dei nuovi posti di lavoro.