Quali possibilità ha l’Ucraina di entrare a pieno titolo nella NATO?

E-mail Stampa PDF

ukraine flag maidandi Leonid Kalashnikov, membro del Presidium del Comitato centrale del Partito comunista, Segretario per le relazioni internazionali

da https://kprf.ru

Traduzione dal russo di Mauro Gemma per Marx21.it

Leonid Kalashnikov: le prospettive di Kiev di entrare nella NATO sono più che illusorie, dato che il paese si trova nello stato di guerra civile


La direzione dell'Alleanza del Nord Atlantico (NATO) si sta conducendo le più grandi esercitazioni nell'ultimo quarto di secolo. La sede delle manovre è la Polonia, l'obiettivo principale è quello di sviluppare uno scenario per proteggere l'Europa da un presunto inevitabile attacco della Russia. In questo contesto, l'acquisizione da parte dell'Ucraina dello status di partner "con opportunità estese" nella NATO sembra una provocazione.

Negli studi del programma “Nel frattempo”, le prospettive per l'adesione dell'Ucraina all'alleanza sono state commentate dal presidente della Commissione della Duma di Stato per gli affari della CSI, l'integrazione eurasiatica e le relazioni con i compatrioti Leonid Kalashnikov. A suo avviso, lo status di partenariato tanto ambito da Kiev ufficiale non garantisce nulla in pratica.

Formalmente e secondo i regolamenti della NATO, non viene concesso nulla. Significa solo che l'alleanza imporrà i suoi armamenti, le sue uniformi all'Ucraina, in modo che Kiev li prenda a credito o li compri ", ha detto Kalashnikov.

L'esperto fa notare uno schema significativo. Non appena l'alleanza inizia a mostrare interesse per un determinato paese, la società in esso si divide in due campi e sorgono controversie territoriali.

"Tali problemi si manifestano in molti paesi. Molto spesso sono creati artificialmente. Qual è il senso dello svolgimento di un referendum sull'adesione all'alleanza quando, secondo tutti i regolamenti della NATO, non possono essere convalidati? Se hai problemi territoriali fino a quando non saranno risolti, non diventerai un membro dell'alleanza ”, spiega il Presidente della Commissione della Duma di Stato per gli affari della CSI.

Pertanto, le porte per entrare nell’Alleanza del Nord Atlantico per l'Ucraina rimarranno chiuse a lungo, Kalashnikov ne è sicuro.

L'assegnazione all'Ucraina del nuovo status di partner “con opportunità estese” è stata resa nota il 12 giugno. Commentando questo evento, l’addetto stampa del presidente russo Dmitry Peskov ha affermato che Mosca sta osservando con sempre maggiore attenzione questi processi e "nel momento in cui la NATO incorpora sempre più paesi nei più vari formati" e ha dichiarato che la Russia sta adottando le misure necessarie per garantire la propria sicurezza.