L'Occidente vuole trasformare l'Ucraina in una "Russia alternativa" e la Federazione Russa in una “Moscovia”

E-mail Stampa PDF

obukhov sergheyIntervista a Serghey P. Obukhov*

da kprf.ru

Traduzione dal russo di Mauro Gemma

Pubblichiamo come contributo alla conoscenza del dibattito in corso nella Federazione Russa in merito alla sua politica internazionale.

Cinque anni fa, a conclusione del colpo di stato in Ucraina, i leader del Maidan promettevano la prospettiva dell'adesione all'UE e della qualità della vita europea ai residenti del paese. Ma oggi possono solo vantare un crollo del PIL e un aumento vertiginoso dei prezzi.


Che cosa ha insegnato alle autorità russe il Maidan, quali conclusioni ne dovremmo trarre oggi?

“La separazione dell'Ucraina dalla Russia è stata originariamente generata dal tradimento delle élite russe ", ha dichiarato il Segretario del Comitato centrale del Partito Comunista della Federazione Russa, dottore in Scienze politiche Serghey Obukhov. “Negli anni '90, per un lungo periodo questa élite ha incoraggiato la Georgia anti-russa, negli anni 2000, con i soldi di Gazprom, ha alimentato l'élite anti-russa in Ucraina. Oggi sta attaccando in modo simile la Moldavia e persino la Bielorussia. Infatti, invece di operare a proprio vantaggio, il Cremlino ha contribuito a formare una cintura anti-russa.

Ciò accade, secondo me, a causa del fatto che le élite russe sono guidate dai propri interessi e dalla corruzione. Una conferma eclatante di ciò è la storia del clan Arashukov, che ha progettato con i soldi di Gazprom, come è stato ripetutamente scritto nei media e nei social network, la destabilizzazione in Karachay-Cherkessia.

Rilevo che la situazione con l'Ucraina è aggravata dal fatto che storicamente è più complessa. Permettetemi di ricordare che in passato esistevano due centri di potere: lo stato russo della Moscovia e quello lituano-russo. Il territorio della Russia Bianca e Piccola era parte di quest'ultimo, e tra i due centri vi era una seria competizione geopolitica - ricordate la corrispondenza di Kurbsky con Ivan il Terribile.

Ora, possiamo dire che stiamo assistendo a un ritorno a quei tempi. L'attuale Ucraina non è solo un avamposto dell'Occidente, anche se, ovviamente, il regime di Kiev è fortemente sostenuto dai partner occidentali. L'elemento principale è un altro: l'Occidente, io credo, cerca di costruire una Russia alternativa a partire dall'Ucraina. In modo che questa Seconda Russia agisca da catalizzatore di tutte le forze che si oppongono all'attuale Federazione Russa, considerata dall'Occidente alla stregua della Moscovia.

Oggi, l'Occidente sta rianimando tutte le divisioni e le fratture storiche nel confronto russo-ucraino. Da questo punto di vista, l'attuale Ucraina è solo uno strumento dell'Occidente.

Lei pensa che se avessimo usato “soft power”, non si sarebbe giunti allo scontro con Kiev?

La responsabile della collaborazione con i paesi della CSI, Eleonora Mitrofanovana, si è giustificata col fatto che gli americani avevano distribuito $ 1,5 miliardi a varie organizzazioni in Ucraina, mentre la Russia non si era impegnata nella destabilizzazione.

In realtà, il governo di Dmitrij Medvedev fu avaro nello stanziare fondi persino per lo sviluppo dei legami culturali con l'Ucraina, mentre il Dipartimento di Stato si impadroniva letteralmente di tutti i giornali regionali ucraini e svolgeva un lavoro su vasta scala per manipolare la coscienza di massa.

Ora, noto che qualcosa di simile sta accadendo in Bielorussia, ma semplicemente non ci piace parlarne.

Cosa significano per noi i cinque anni di Maidan ucraino?

Penso che siano stati cinque anni di grande arretramento geopolitico della Russia. Inoltre, tutti gli errori commessi prima e durante gli eventi del secondo Maidan sono ora replicati dal Cremlino.

Tutto ciò, faccio notare, è avvenuto sullo sfondo delle dichiarazioni di sostegno al mondo russo da parte delle nostre autorità. Quindi voglio chiedere: quale mondo russo? Mostrate per prima cosa un esempio di sviluppo, un modo giusto di vivere, l'introduzione di tecnologie avanzate, un esempio di democrazia, finalmente! Solo in questo caso, penso, altri paesi saranno attratti dalla Russia.

Cosa dovrebbe fare il Cremlino per correggere la situazione?

Il problema è rappresentato da noi stessi. Il problema è che non riusciamo a presentare un'alternativa al mondo. L'immagine della Russia è troppo poco attraente - ed è ingenuo pensare di poter aggiustare qualcosa corrompendo l'élite dei paesi vicini.

Dobbiamo, credo, fare ordine a casa e dimostrare che siamo migliori, più puliti, più giusti. Si può dire che, oltre alle questioni tecnologiche, c'è una domanda fondamentale. Come si presenta la Federazione Russa: come un sottosviluppato principato di Mosca o come uno dei centri geopolitici del mondo, a cui possano aggregarsi le ex periferie? Questo è ciò a cui dobbiamo rispondere.

* Serghey P. Obukhov è Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista della Federazione Russa e vice direttore del Centro per gli studi di cultura politica della Russia