Consiglio di sicurezza, vittoria storica del Venezuela. Maggioranza dei membri condanna l'ultimo crimine targato Usa

E-mail Stampa PDF

venezuela socialista image 600x399da https://www.lantidiplomatico.it

RT - teleSUR - Alba Ciudad

Diversi paesi, tra cui due di peso come Cina e Russia, hanno difeso con forza la posizione del Venezuela davanti al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, dove è stata denunciata la pianificazione, il finanziamento e la formazione dei mercenari che hanno provato a compiere un assalto golpista nel paese sudamericano con il sostegno dei governi degli Stati Uniti e della Colombia.

«Operazione Gedeone», il nome in codice dell’azione golpista sventata dall’azione combinata delle forze di sicurezza di Caracas e del popolo. A simboleggiare l’unità d’azione e d’intenti riassunta nella dottrina dell’unione civico-militare. 


Una proposta di risoluzione avanzata dalla Russia ha ricevuto il veto degli Stati Uniti. 

Dmitri Polianski, inviato russo presso le Nazioni Unite, ha dichiarato mercoledì durante una riunione del Consiglio di sicurezza dell’organismo internazionale sul Venezuela che la recente violazione della sovranità del paese latinoamericano "costituisce una minaccia diretta alla pace”.

"È un crimine contro l'umanità, commesso in circostanze aggravanti, poiché ha usato come vantaggio militare la presenza di una pandemia mortale che colpisce tutta l'umanità”, denuncia la Russia. 

Il rappresentante della Cina presso il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, Ma Zhaoxu, ha condannato durante il suo discorso "la violazione della sovranità del Venezuela", nonché qualsiasi interferenza negli affari interni della nazione sudamericana. "Sollecitiamo gli Stati Uniti fermare l'interferenza negli affari interni del Venezuela e porre fine alle sanzioni, poiché violano la Carta delle Nazioni Unite", ha affermato il diplomatico cinese.

Ha anche sottolineato che i problemi nel paese devono essere risolti dalla sua popolazione in modo pacifico.

Diversi paesi hanno palesato solidarietà al Venezuela. 

La rappresentante di Saint Vincent e Grenadine in seno al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, Inga Rhonda King, ha dichiarato che la sua delegazione mantiene la solidarietà con il Venezuela e ha esortato tutti gli Stati membri a soddisfare gli scopi e i principi della Carta delle Nazioni Unite. Allo stesso modo, King ha affermato che le controversie interne non costituiscono una minaccia per la pace e la sicurezza nel mondo, poiché non minacciano l'indipendenza o la sovranità dei paesi esterni. Ha avvertito, inoltre, che gli atti di aggressione perpetrati contro il Venezuela sono illegali "violazioni del diritto internazionale". "Riteniamo che l'unica soluzione sia il dialogo inclusivo e nazionale", ha affermato la rappresentante e ha ribadito la richiesta di ritirare le misure coercitive illegali contro la nazione sudamericana e che i membri della comunità internazionale desistano da qualsiasi aggressione, soprattutto di fronte alla pandemia di Covid-19.

La Francia ha ribadito che la soluzione in Venezuela deve essere pacifica, attraverso "un dialogo inclusivo e in buona fede" e che "l'uso della forza deve essere condannato senza condizioni”. 

Il Sudafrica ha ribadito che la situazione politica venezuelana riguarda solo la sua popolazione. "Dobbiamo sostenere il processo interno di pace e risoluzione senza precondizioni per i venezuelani", ha detto il suo rappresentante al Consiglio di Sicurezza, Jerry Matthews Matjila.

L'Indonesia ha anche aderito all'appello del Sudafrica respingendo qualsiasi tentativo di interferire in Venezuela e sottolineando che il dialogo tra attori politici venezuelani è la strada migliore. 

Il rappresentante del Vietnam, Dang Dinh Quy, ha assicurato di seguire da vicino la situazione in Venezuela. Il Vietnam rifiuta l'uso della forza e le interferenze contro l'indipendenza dei paesi, poiché queste azioni violano la Carta del Nazioni Unite e principi del diritto internazionale. Il funzionario ha avvertito che, in mezzo alla pandemia del nuovo coronavirus, combattere la situazione sanitaria è il compito principale degli Stati. Nel frattempo, a nome della sua delegazione, chiede la sospensione delle sanzioni che minano la possibilità per i paesi di rispondere efficacemente al Covid-19.

La rappresentante degli Stati Uniti Kelly Craft ha affermato nel suo discorso che gli argomenti del Venezuela sull'incursione armata sono "una raccolta di accuse inventate e false”. 

La funzionaria ha affermato che il suo governo non era coinvolto in ciò che è accaduto e ha respinto le prove presentate dalle autorità venezuelane, che collegano l'amministrazione Trump in questo e altri tentativi denunciati dal Venezuela per promuovere un cambiamento di potere in base a meccanismi non costituzionali.

Il rappresentante della Colombia, Guillermo Fernández de Soto, si è accodato agli Stati Uniti e negato le prove prove presentate dalle autorità venezuelane sulla partecipazione del suo governo all'incursione armata, nonostante le dichiarazioni delle persone detenute, che hanno affermato di essere state addestrate proprio in Colombia. 

Il funzionario ha fatto riferimento alla "crisi" che il Venezuela sta vivendo e ha ribadito le intenzioni di un cambio di governo, ma non ha menzionato le sanzioni illegali imposte dagli Stati Uniti, che hanno reso difficile per le autorità acquisire medicinali e cibo nel bel mezzo della pandemia. 

"Il Consiglio di Sicurezza può essere sicuro che la Colombia non andrà contro la pace internazionale", ha concluso il rappresentante. Il funzionario ha avvertito che, nel mentre c’è la pandemia del nuovo coronavirus, combattere la situazione sanitaria è il compito principale del Stato. Nel frattempo, a nome della sua delegazione, ha sostenuto la sospensione delle sanzioni che minano la possibilità per i paesi di rispondere al Covid-19.

Il rappresentante del Venezuela presso le Nazioni Unite, Samuel Moncada, ha invitato il Consiglio di Sicurezza a chiedere una "fine immediata" alle pratiche criminali degli Stati Uniti e dei suoi alleati contro il paese. "Compreso l'uso o la minaccia dell'uso della forza e la realizzazione di nuovi attacchi armati".

Oltre a sollecitare il Consiglio di Sicurezza a conformarsi alla Carta dell'organizzazione, Moncada ha chiesto "di determinare una volta per tutte non solo la minaccia che le politiche di guerra dei governi di Colombia e Stati Uniti d'America rivolgono alla pace sia il Venezuela che l'intera regione, ma che vengano riconosciuti gli atti di aggressione che sono stati commessi".

Mostriamo al mondo le azioni armate contro il mio paese, il governo degli Stati Uniti. e la Colombia ha facilitato la pianificazione, il finanziamento, l'addestramento e oggi stanno proteggendo gruppi di mercenari e terroristi che hanno commesso un attacco per realizzare assassinii della popolazione civile, commettere omicidi selettivi di membri del governo e assassinare il presidente Maduro”. 

Il rappresentante alle Nazioni Unite per il Venezuela ha ribadito che la Carta delle Nazioni Unite dei paesi membri viene sistematicamente violata. “Stati Uniti d’America e Colombia hanno violato le norme del diritto internazionale, in particolare la risoluzione 4 e il Consiglio di sicurezza 239, che condannano che uno Stato consenta o tolleri il reclutamento di mercenari o la fornitura di strutture per effettuare il rovesciamento di uno Stato membro”.

Stati Uniti e Colombia - continua Moncada - hanno violato la risoluzione 1279 secondo cui gli Stati devono impedire che le azioni terroristiche vengano preparate o finanziate nei loro territori; la risoluzione 1373 che implica che gli Stati devono evitare di fornire supporto alle entità, alle persone coinvolte in azioni terroristiche, compreso il contributo di armi a terroristi; la risoluzione 1456, che esorta gli Stati ad aiutarsi a vicenda per indagare e punire gli atti di terrorismo, affermando che coloro che aiutano o perpetrano un atto terroristico devono essere perseguiti”. 

Moncada ha ribadito che la Casa Bianca e la Colombia si rifiutano di contattare le autorità venezuelane per evitare l'impunità e punire i responsabili dell'incursione marittima. 

Di fronte al blocco economico, finanziario e commerciale illegale imposto al Venezuela da Washington, Moncada ha ribadito che la misura illegale viola la Carta delle Nazioni Unite, “il governo degli Stati Uniti. Ha ammesso di esercitare pressioni sulle compagnie affinché non spediscano benzina nel Paese. E se, nel bel mezzo della crisi pandemica, New York non avesse benzina? Questo sarebbe un crimine contro l'umanità, è quello che gli Stati Uniti fanno contro 30 milioni di venezuelani”. 

Il presidente venezuelano, Nicolás Maduro, ha ringraziato per il sostegno la Russia, la Cina e la comunità internazionale durante l'incontro virtuale del Consiglio di Sicurezza dell'Organizzazione delle Nazioni Unite tenutosi mercoledì. "Abbiamo ottenuto una grande vittoria nel Consiglio di Sicurezza dell'Organizzazione delle Nazioni Unite, grazie alla Russia, alla Cina, a tutti i membri non permanenti", ha affermato il Capo dello Stato.

Allo stesso modo, ha esteso un messaggio di congratulazioni al rappresentante permanente del Venezuela alle Nazioni Unite, Samuel Moncada, per la sua straordinaria partecipazione.

Il presidente ha anche ringraziato il Segretario Generale delle Nazioni Unite, António Gutérres, per le dichiarazioni rilasciate dal segretario generale delle Nazioni Unite (ONU) per gli affari politici e il consolidamento della pace, Rosemary DiCarlo, che ha condannato le sanzioni statunitensi contro il Venezuela, sottolineando che esacerbano una situazione già critica nel mezzo della pandemia di coronavirus.