Il presidente del Messico, Lopez Obrador, respinge il colpo di stato del Venezuela

E-mail Stampa PDF

lopezobrador messicodi José Luis Granados Ceja

da civg.it

Il presidente del Messico, Lopez Obrador, respinge il colpo di stato del Venezuela e diventa un baluardo contro l'imperialismo statunitense rivendicando la sua sovranità nazionale

«AMLO sta cercando di ritagliarsi uno spazio autonomo per la politica estera che segnali agli Stati Uniti l'intenzione del Messico di non seguire assiduamente Washington, ma che cercherà di avanzare affermazioni su quale sia la legittimità democratica in America Latina». ChristyThornton, Johns Hopkins University, 31 gennaio 2019


La notte prima che il leader dell'opposizione venezuelana Juan Guaidó si dichiarasse presidente ad interim, il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, lo ha chiamato personalmente e ha promesso il pieno sostegno del governo degli Stati Uniti nel suo tentativo di prendere il potere.

Abbastanza sicuro di sé, il 23 gennaio, prima di una grande manifestazione di opposizione, Guaidó si è dichiarato presidente ad interim del paese sudamericano e ha messo in moto un complotto che è stato preparato per settimane. Gli Stati Uniti ancora una volta si sono impegnati per il cambio di regime in Venezuela.

Tuttavia, non sono solo gli Stati Uniti coinvolti nella cospirazione atta a scacciare il governo democraticamente eletto di Nicolas Maduro. Poco dopo le parole di Guaidó, in quello che suggeriva un certo grado di coordinamento, una serie di paesi  hanno rilasciato immediatamente dichiarazioni di pieno sostegno.

Uno dopo l'altro i governi di destra nella regione - tra cui la Colombia, il Cile e il Brasile - hanno affermato il loro sostegno a Guaidó. L'ondata di sostegno nelle ore successive alla proclamazione di Guaidó ha suggerito che la trama del colpo di stato avesse avuto un preciso impulso.Poi, in una pausa in quello che sembrava essere un fronte unito, un portavoce del governo messicano di Andres Manuel Lopez Obrador ha detto che non
avrebbe riconosciuto Juan Guaidó e avrebbe mantenuto le relazioni diplomatiche con il governo di Nicolas Maduro.

Con la dichiarazione del Messico, la narrazione propinata al pubblico - che questa era una transizione legittima e non un colpo di stato - si è sgretolata. Numerosi altri paesi, tra cui la Russia e la Cina, si sono schierati contro il tentativo incostituzionale di Guaidó di prendere il potere, interrompendo il regime change di Washington.

AMLO, il presidente messicano, è stato oggetto di pesanti critiche da parte del dispensatore di stupefacenti, molti dei quali hanno affermato di non essere al passo con gli alleati messicani nella regione e che il suo governo sarebbe stato trattato di conseguenza come un paria. L'amministrazione di sinistra di Lopez Obrador è già piuttosto isolata, con le elezioni nella regione degli ultimi anni che hanno portato al potere governi di destra e filo-americani.

L'elezione di AMLO nel 2018 ha contraddetto questa tendenza, ma il Messico è uno dei pochi paesi dell'America Latina con una politica estera indipendente che rimane disposta ad andare contro la volontà di Washington. Tuttavia, AMLO presiede la seconda più grande economia dell'America Latina ed è tradizionalmente considerata un punto di riferimento a livello diplomatico, rendendo così difficile ignorare le posizioni del suo governo.

Una linea di principio in politica estera

Lopez Obrador ha difeso la sua decisione di continuare a riconoscere Maduro come legittimo presidente del Venezuela, indicando i principi della costituzione messicana, la quale invita il paese a perseguire una posizione non interventista negli affari esteri.

Secondo Christy Thornton, assistente alla Johns Hopkins University, le cui ricerche riguardano la storia e la sociologia del Messico e dell'America Latina, la posizione di AMLO rappresenta  «una posizione di principio nella politica estera»  e  «un importante baluardo».

La posizione non interventista di Lopez Obrador non rappresenta un punto di partenza nella politica estera messicana, come hanno sostenuto alcuni commentatori, ma ha segnato un ritorno alla posizione tradizionale messicana negli affari esteri, che affonda le sue radici nella rivoluzione messicana del 20esimo secolo.

Questa posizione non interventista alla fine divenne nota come Dottrina Estrada - dopo Genaro Estrada, segretario degli esteri durante la presidenza di Pascual Ortiz Rubio - che fece del rispetto della sovranità la principale linea guida della politica estera messicana per decenni prima che una serie di governi neoliberali allineassero la loro politica estera a quella di Washington.

Tuttavia, il governo di Lopez Obrador ha lavorato per evitare di provocare uno scontro diretto con il governo Trump, nonostante una serie di problemi latenti e le differenze ideologiche tra i due leader.

Ciononostante, nel caso del Venezuela, Lopez Obrador si è rifiutato di assecondare la linea di Washington. Thornton a tal proposito ha dichiarato a MintPress:

«AMLO sta cercando di ritagliarsi uno spazio autonomo in politica estera che segnali, in particolare, agli Stati Uniti che il Messico non seguirà assiduamente la linea di Washington, ma cercherà anche di fare affermazioni su quale sia la legittimità democratica in America Latina ».

Invece di estromettere il Messico dagli affari internazionali, la posizione di AMLO ha alzato il profilo del suo paese, visto che Maduro ha accettato la proposta messicana di dialogo tra il governo e l'opposizione.

Più che un suggerimento di  «Prima sono venuti per. . .»

Con un vicino ostile al nord che si è mostrato disposto a perseguire il cambio di regime, il presidente messicano sta cercando di garantire che i principi del non intervento e del rispetto della sovranità siano mantenuti quando si tratta del suo governo.

«…C'è una lunga storia del Messico che usa i suoi interventi in ambito internazionale per segnalare non solo la sua posizione nella regione, ma anche per segnalare qualcosa ai suoi  elettori nazionali…», ha detto Thornton. Rifiutando di abbandonare Maduro, AMLO ha anche chiarito al Messico e alla comunità internazionale che il suo governo non tollererebbe interferenze negli affari interni del Messico.

Durante una dimostrazione a sostegno di Maduro di fronte all'ambasciata statunitense a Città del Messico, i presenti con i loro interventi non solo hanno respinto gli sforzi di Washington per estromettere il presidente del Venezuela, ma hanno anche elogiato la posizione di AMLO.

«Questo è solo un altro anello nella catena degli interventi degli Stati Uniti e la storia ha dimostrato che quando le persone non impediscono l'aggressione contro altre persone questo diventa un effetto domino», ha detto a MintPress Jesus Escamilla, che ha parlato alla manifestazione.

Per Escamilla la difesa del Venezuela è anche la difesa del Messico.

«Ciò che è in gioco qui è il diritto di un paese a decidere il proprio destino per se stesso, questo è ciò che vogliamo per il Messico, nient'altro», ha detto Escamilla.

Il complotto si è fermato ma non è stato sconfitto

Nonostante le battute d'arresto, gli Stati Uniti e gli alleati di destra non hanno abbandonato i loro tentativi di estromettere il governo Maduro in Venezuela.

I funzionari degli Stati Uniti hanno annunciato un'altra serie di dure sanzioni, molte delle quali riguardano l'industria petrolifera venezuelana, la principale fonte di reddito del Paese. È probabile che queste sanzioni puniscano ulteriormente l'economia già maltrattata del Venezuela, portando ulteriori sofferenze alla popolazione.

L'amministrazione Trump ha anche portato personaggi noti con passato oscuro, come Elliot Abrams come inviato speciale in Venezuela. Abrams era l'uomo di punta di Washington in America Centrale quando gli Stati Uniti erano coinvolti nel sostenere lì regimi brutali, fornendo copertura diplomatica agli squadroni della morte che operavano con il consenso degli Stati Uniti; Abrams si è persino dichiarato colpevole per aver mentito al Congresso in relazione allo scandalo Iran-Contras.

All'Organizzazione degli Stati americani (OAS) - attualmente guidata da Luis Almagro, un feroce avversario di Maduro - gli Stati Uniti non sono stati in grado di ottenere voti sufficienti per convincere l'OAS a riconoscere Guaidó come presidente del Venezuela.

Secondo Thornton, gli Stati Uniti «usano queste istituzioni multilaterali quando sono funzionali alle loro esigenze e le ignora quando bloccano l'azione che gli Stati Uniti vogliono intraprendere».

Invece, le pressioni internazionali sul governo di Maduro vengono dal gruppo di Lima, un organismo ad hoc che non ha una posizione legale nel diritto internazionale, creato dai governi di destra nella regione dopo ripetuti fallimenti nell'ottenere dall'OAS  il sostegno al loro regime-change.

Il governo di Andres Manuel Lopez Obrador ha ereditato il posto nel gruppo di Lima dopo la cessione del potere a dicembre e ha spinto la sua posizione non interventista anche lì, rifiutando di firmare dichiarazioni anti-Maduro emesse dall'organismo.

«La rottura che il Messico ha fatto con il gruppo di Lima ... è una dimostrazione importante che ogni paese ha la propria voce e il proprio voto in queste istituzioni multilaterali», ha detto Thornton a MintPress.

Thornton ha sostenuto che il governo messicano sta rischiando scommettendo su una risoluzione diplomatica alla crisi venezuelana, ma che rafforzerà le istituzioni multilaterali nella regione in caso di successo:

«Il Messico chiede una negoziazione diplomatica, è una mossa davvero importante e attraverso ciò l'amministrazione AMLO sta cogliendo questa opportunità per dimostrare la sua fiducia nella democrazia e nel sistema internazionale. C'è il pericolo che, man mano che questa situazione si deteriori ulteriormente, la decisione del Messico di non andare d'accordo con il Gruppo di Lima e con gli Stati Uniti nel non riconoscere Guaidó verrà vista come un'anomalia nella regione ».

Funzionari degli Stati Uniti, incluso lo stesso presidente Donald Trump, hanno insistito sul fatto che l'opzione militare rimane sul tavolo. In effetti, il Consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton è stato recentemente visto con alcune note che suggerivano che gli Stati Uniti stiano considerando la possibilità di piazzare 5.000 soldati al confine in Colombia.

L'intervento militare straniero rappresenterebbe una battuta d'arresto significativa nelle relazioni internazionali in America Latina; segnerebbe un ritorno a un'era oscura in cui colpi di stato e invasioni erano all'ordine del giorno; ciò costituirebbe un pericoloso precedente che minaccerebbe ogni governo della regione che rifiuta di inchinarsi ai diktak degli Stati Uniti.

Come in Venezuela, tuttavia, quel tipo di interferenza sarebbe stata affrontata con una forte resistenza in Messico. Come Jesus Escamilla ha detto a Mint Press:

«In Messico c'è un popolo con una memoria storica, attraverso la sua storia ha ricevuto vari interventi e il popolo del Messico ha sempre risposto correttamente, in modo patriottico, e risponderebbe allo stesso modo se gli Stati Uniti o qualsiasi altro paese cercasse di intervenire negli affari interni del Messico».

José Luis Granados Ceja è uno scrittore e fotoreporter con sede a Città del Messico. Ha scritto in precedenza per punti vendita come teleSUR e il Two Row Times e ha anche lavorato in radio come presentatore e produttore. Si è specializzato nell'analisi politica contemporanea e nel ruolo dei media nell'influenzare il pubblico. È particolarmente interessato a coprire il lavoro dei movimenti sociali e dei sindacati in tutta l'America Latina.

Da mintpress - Traduzione di Andrea C. per civg.it