I comunisti russi contro la criminale ingerenza USA negli affari interni del Venezuela

E-mail Stampa PDF

venezuela ingerenza kprfDichiarazione del Presidium del Comitato Centrale del Partito Comunista della Federazione Russa

da kprf.ru

Traduzione dal russo di Mauro Gemma per Marx21.it

Le forze imperialiste guidate dagli Stati Uniti hanno perpetrato un altro crimine efferato. Il 23 gennaio, in Venezuela, è stato attuato un tentativo di colpo di stato ispirato da potenze straniere che fanno leva sull'opposizione interna liberale di destra.


Il corso indipendente e le riforme progressiste che sono state attuate nel paese da quando Hugo Chavez salì al potere hanno sempre irritato l'oligarchia mondiale. I grandi affari hanno ripetutamente cercato di rovesciare il governo legittimo del Venezuela. Questi tentativi sono continuati con il successore del comandante di Chavez, Nicolas Maduro. Sono state imposte sanzioni contro Caracas, accompagnate da pressioni diplomatiche e da una campagna di informazione martellante. I militanti di destra hanno scatenato il terrore contro i sostenitori del governo.

Ma tutte le ingerenze hanno provocato un deciso rifiuto da parte dei lavoratori del Venezuela. Nonostante le difficoltà causate dalla guerra economica scatenata, milioni di cittadini si sono mobilitati in difesa del governo legittimo. Ciò è dimostrato dalla vittoria convincente di Nicolas Maduro nelle elezioni presidenziali dello scorso maggio. Gli Stati Uniti, l'Unione Europea e i regimi di destra dell'America Latina si sono rifiutati di riconoscere la scelta del popolo venezuelano. Tuttavia, la loro strategia non ha avuto successo. Il 10 gennaio, Maduro si è ufficialmente insediato.

Ciò ha spinto le forze esterne ad intervenire apertamente. Il 23 gennaio, il cosiddetto presidente dell'Assemblea nazionale, che ha perso la sua legittimità, Juan Guaidò, si è dichiarato presidente in carica del Venezuela. Assolutamente illegale secondo la Costituzione del paese, il passo è stato sostenuto dalle potenze imperialiste. Il presidente americano Donald Trump ha immediatamente riconosciuto Guaidò e ha promesso di adottare "ogni misura" nel caso il governo legittimo si rifiuti di dimettersi. È estremamente indicativo che l'autoproclamato "capo dello stato" abbia eletto l'Ambasciata della Colombia come sede del suo quartier generale. Le autorità di questo paese sono tra i promotori più convinti dell'influenza statunitense nella regione.

Ma i piani dei cospiratori hanno dovuto fare i conti con la volontà delle masse. Per le strade e le piazze del Venezuela sono scesi centinaia di migliaia di sostenitori di Nicolas Maduro. Il sostegno alle autorità legittime è stato dichiarato dalle forze armate. Il ministro della Difesa Vladimir Padrino Lopez ha detto che l'esercito non riconosce il "presidente" imposto dagli interessi esterni e continuerà a difendere la Costituzione e la sovranità nazionale. A sua volta, Nicolas Maduro ha sottolineato che si sarebbe rifiutato di continuare a parlare con i predatori imperialisti e che sarebbe rimasto a fianco del popolo del suo paese. I tentativi di isolamento internazionale sono falliti. Le autorità del Messico, della Bolivia, di Cuba, della Turchia, della Russia e di molti altri paesi hanno rifiutato di sostenere il presidente degli impostori.

I comunisti e le forze popolari-patriottiche del nostro paese condannano fermamente il tentativo di colpo di stato in Venezuela. Né gli Stati Uniti né nessun altro è autorizzato a imporre la propria volontà al popolo di uno stato sovrano. Sappiamo perfettamente cosa si nasconde dietro tutte queste parole su "diritti umani" e "violazioni della democrazia". Le autorità delle potenze occidentali e i monopoli capitalisti che stanno dietro di loro cercano di soggiogare i paesi del mondo e di impadronirsi delle loro risorse. Russia, Cina, Iran, Siria, Cuba, Nicaragua e altri stati oggi sono sottoposti ad attacchi simili. Ciò dimostra l'importanza di riunire tutte le forze antimperialiste del pianeta per contrastare i gendarmi del mondo guidati dagli Stati Uniti.

Il Partito Comunista della Federazione Russa esprime solidarietà al governo legittimo del Venezuela e al suo popolo. Ci aspettiamo dalla leadership della Russia un sostegno vigoroso ed efficace ad un paese amico in questo momento per esso difficile. Le conquiste della rivoluzione bolivariana devono essere protette con fermezza!

Viva il Venezuela!

Viva il governo di Nicolas Maduro!

Viva la resistenza alle azioni distruttive del capitale globale!