«Il neoliberismo è stato una calamità», Lopez Obrador è il nuovo presidente del Messico

E-mail Stampa PDF

obrador messicoda lantidiplomatico.it
fonte teleSUR

Dopo aver ricevuto la fascia presidenziale nel Congresso messicano sabato, il presidente Andres Manuel Lopez Obrador (AMLO) si è rivolto alla nazione, offrendo una forte condanna della politica economica neoliberista. Ha inoltre annunciato che annullerà la controversa riforma dell'istruzione, perseguirà gli abusi del potere statale e vieterà il fracking.

Durante il suo discorso, AMLO ha criticato l'accumulo di ricchezza che "ha impoverito le persone". "Il neoliberismo è stato una calamità: ad esempio, la riforma energetica che doveva salvarci ha significato solo un calo della produzione di petrolio e l'aumento dei prezzi della benzina, del diesel e dell'elettricità".


"Prima del neoliberismo producevamo ed eravamo autosufficienti nel gas, nel diesel... adesso ne compriamo più della metà, in questo periodo il potere d'acquisto degli stipendi è stato ridotto", ha denunciato AMLO.

"Il neoliberismo è corruzione, può sembrare forte, ma la privatizzazione in Messico ha significato corruzione", ha spiegato AMLO. Il furto della ricchezza della nazione è diventato un modus operandi secondo il presidente messicano.

Il nostro obiettivo principale è "porre fine alla corruzione e all'impunità", ha dichiarato AMLO a un pubblico entusiasta. Non sostengo la vendetta, ha detto, sottolineando che si concentrerà sulla prevenzione dei crimini futuri invece di perseguire gli ex funzionari statali. Tuttavia, ha avvertito che gli abusi di potere saranno perseguiti per affrontare casi come la sparizione forzata dei 43 studenti di Ayotzinapa.

Ha anche promesso che sotto la sua amministrazione il presidente non ordinerà mai la repressione del popolo, né "copriremo le violazioni dei diritti umani".

Un altro elemento principale del nostro governo sarà la separazione del potere politico ed economico, ha sottolineato AMLO. "Lo Stato smetterà di facilitare il saccheggio".

"Un'austerità repubblicana e la lotta contro la corruzione libereranno abbastanza risorse per lo sviluppo ... non avremo bisogno di aumentare le tasse, e questo è un impegno. Il prezzo della benzina non aumenterà oltre l'inflazione", ha dichiarato Lopez Obrador. Durante la sua campagna, AMLO ha proposto una riduzione del 50 percento dei salari per i legislatori e l'eliminazione di "spese inutili" come l'assicurazione sanitaria privata per i funzionari governativi.

"Gli stipendi per quelli in alto saranno ridotti affinché i salari di quelli in basso possano aumentare”.

È certo che la costruzione di almeno due raffinerie durante la sua amministrazione consentirà una diminuzione dei prezzi della benzina e del diesel.

Mentre AMLO si recava al Congresso con la sua auto privata, una Volkswagen Jetta bianca, i legislatori hanno tenuto brevi interventi.

I membri del Congresso del National Action Party (PAN) hanno paventato che AMLO "trasformasse il Messico in Venezuela", un'accusa regolarmente lanciata da politici di destra contro i politici progressisti.

Anche Mario Delgado Carrillo, legislatore del Movimento di rRgenerazione Nazionale (Morena), interviene prima dell'arrivo di AMLO.

Questo è più che un semplice passaggio di potere, "è la fine di un governo corrotto e ingiusto e l'inaugurazione di un governo del popolo per il popolo", ha detto Carrillo.

"Non mentire, non rubare, non tradire, non vi deluderemo", ha concluso.

Dopo la cerimonia al Congresso, AMLO si è diretto al Palazzo Nazionale, dove ha pranzato in forma privata con oltre 50 leader stranieri, tra cui il presidente boliviano Evo Morales, arrivato giovedì a Città del Messico e il presidente cubano Miguel Diaz-Canel.

Lopez Obrador ha vinto le elezioni presidenziali a luglio con il 53% dei voti.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Notizia del: 02/12/2018