Il Partito Comunista dell'Argentina fa appello alla mobilitazione popolare contro il “macrismo”

E-mail Stampa PDF

pc argentina 500pxda pca.org.ar

Traduzione di Mauro Gemma per Marx21.it

Di fronte alla crisi economica, sociale e politica che il governo ha portato nel nostro paese, conseguenza logica di un progetto economico finanziario basato sull'apertura indiscriminata dell'economia, un massiccio indebitamento esterno, la deregolamentazione finanziaria, la fuga di capitali, la demolizione dello stato e della distruzione del mercato interno, chiamiamo il popolo a mobilitarsi e a organizzarsi per affrontare le politiche neocoloniali che ci stanno portando al disastro, alla distruzione produttiva e alla perdita della sovranità.


Tutte le forze politiche, sindacali e sociali oggi hanno il dovere di essere all'altezza delle rivendicazioni del nostro popolo. È necessario accordarsi allo scopo di lottare per imporre un piano di emergenza che la faccia finita con le ricette del FMI e per dare la priorità al valore del salario, dell'occupazione e delle pensioni con una tassa sulle grandi fortune e altre misure che garantiscano che non sia il popolo a pagare una tale crisi, ma coloro che si sono arricchiti con le politiche del macrismo.

Parteciperemo alle manifestazioni e facciamo appello a dare corso alle lotte programmate, nello stesso momento in cui si sta costruendo un centro di coordinamento delle iniziative e delle forze popolari. Allo stesso modo, dobbiamo imprimere un'accelerazione ai compiti della costruzione di un'alternativa politica popolare di opposizione all'oligarchia e all'imperialismo che ci governano oggi, e recuperare la sovranità politica, economica e scientifica del paese.

SEGRETERIA NAZIONALE DEL PARTITO COMUNISTA

Buenos Aires, 30 agosto 2018