Geraldina Colotti da Caracas - Iniziate le 72 ore decisive per il futuro della Rivoluzione

E-mail Stampa PDF

maduro operaidi Geraldina Colotti*, Caracas, 27 luglio

da lantidiplomatico.it

Nell'ascensore dalle porte capestro, un ragazzo dal sorriso aperto impedisce alla nuova venuta di rimetterci il naso. Scambio di battute. Dove sta andando, perché si trova qui? Quando si è da sole in Venezuela in un momento simile, un po' di prudenza nelle risposte non guasta. La sera prima ci siamo incappate in un esagitato portoghese che guidava il taxi imprecando contro Maduro come si brontola contro il cambio del tempo: dava per scontato che un'europea dovesse essere d'accordo con lui a prescindere. Perciò ora restiamo nel vago. 

Ribaltiamo la domanda: “Lei che fa?” “Operaio petrolifero – dice il ragazzo – vengo dal Zulia per presentare al presidente di Pdvsa un progetto di lavoro che la mia squadra ha messo a punto: si risparmia sui tempi, sui costi e con una miglior qualità di lavoro sulle piattaforme”.


CONTINUA A LEGGERE