Internazionale

Opposizione a Bolsonaro e fronte per la democrazia

E-mail Stampa PDF

bolsonaro urlaRingraziamo Marica Guazzora per la segnalazione

di José Reinaldo Carvalho*
da falcerossa.com

Traduzione di Marica Guazzora
per ilpartitocomunistaitaliano.it

L’opposizione al governo di estrema destra e la costituzione di un ampio fronte per la democrazia sono le azioni indispensabili e urgenti per tutti coloro che sono impegnati nei destini della nazione. Ma i primi segnali del momento post-elettorale sembrano indicare che il cammino  da percorrere sarà tortuoso. L’istituzione  del governo di Bolsonaro dovrebbe essere intesa come una convocazione delle forze  democratiche, per resistere e lottare con schiettezza e convergenza  di posizioni, contro la minaccia fascista e neocolonialista.

Leggi tutto...

Tutti gli errori dell’Europa (su Trump) che ne annunciano la fine

E-mail Stampa PDF

trump manosulcuorePubblichiamo un'analisi sulla Presidenza Trump dopo le elezioni di midterm

di Gianluigi Da Rold | da ilsussidiario.net

Gli europei, più che pensare a ipotetici impeachment, avrebbero dovuto pensare a salvaguardare l’Europa dalla diffidenza americana. Adesso arriva la resa dei conti

Donald Trump mostra subito i denti e un sorriso da discutibile “simpatica canaglia”, dopo le elezioni di midterm. Liquida innanzitutto il suo ministro della Giustizia, troppo tenero nella battaglie istituzionali e nelle probabili inchieste future. Poi replica alle proposte di impeachment, che i giovani democratici eletti alla Camera dei rappresentanti stanno preparando e gli promettono, spiegando che farà indagini su tutti. Infine irride il partito della mancata “onda blu”, facendo aperte e imbarazzanti cortesie alla settantottenne Nancy Pelosi, una leader democratica che “spacca” notoriamente il suo partito, e invitando i suoi repubblicani a votare proprio per lei come speaker dei prossimi anni.

Leggi tutto...

I distruttori della Libia ora «per la Libia»

E-mail Stampa PDF

conferenzaperlalibiadi Manlio Dinucci

Una mezzaluna (simbolo dell’islamismo) raffigurata come uno stilizzato emisfero che, affiancato da una stella e le parole «for/with Libya» (per/con la Libia), rappresenta «un mondo che vuole porsi dalla parte della Libia»: è il logo della «Conferenza per la Libia» promossa dal governo italiano, come evidenzia il tricolore nella parte inferiore della mezzaluna/emisfero. La Conferenza internazionale si svolge il 12-13 novembre a Palermo, in quella Sicilia che sette anni fa è stata la principale base di lancio della guerra con cui la Nato sotto comando Usa ha demolito lo Stato libico. Essa veniva iniziata finanziando e armando in Libia settori tribali e gruppi islamici ostili al governo di Tripoli e infiltrando nel paese forze speciali, tra cui migliaia di commandos qatariani camuffati da «ribelli libici». Veniva quindi lanciato, nel marzo 2011, l’attacco aeronavale Usa/Nato durato 7 mesi.

Leggi tutto...

"Mar Baltico – Mare della Pace”

E-mail Stampa PDF

marbaltico maredellapaceDichiarazione dei partiti comunisti di Danimarca, Germania, Polonia e Svezia

da solidnet.org

Traduzione di Mauro Gemma per Marx21.it

Kiel, 3 novembre 2018

Noi, i partiti comunisti di Polonia, Svezia, Danimarca e Germania, abbiamo inviato un segnale per la pace e l'intesa internazionale con la nostra partecipazione alla conferenza "Mar Baltico - Mare della pace", alla quale anche i partiti comunisti della Federazione russa e della Finlandia hanno contribuito con i loro testi. Il Mar Baltico è un mare che ha servito il commercio e lo scambio tra diverse nazioni fin da quando da quando i popoli hanno vissuto sulle sue sponde. Questo mare non deve essere teatro di aggressioni ed esercitazioni militari.

Leggi tutto...

La via della seta e Israele

E-mail Stampa PDF

israele cina viadellasetadi Thierry Meyssan
da voltairenet.org

Pur non condividendo tutte le opinioni dell'autore pubblichiamo come contributo alla discussione

Beijing prosegue senza sosta lo sviluppo del progetto della via della seta. La missione della delegazione cinese in Medio Oriente ha portato il vicepresidente, Wang Qishan, quattro giorni in Israele. In forza degli accordi già firmati, cui dovrebbe seguire un accordo di libero scambio, tra due anni la Cina controllerà la maggior parte del settore agroalimentare israeliano, grazie all’alta tecnologia e agli scambi internazionali. Lo scacchiere geopolitico dell’intera regione ne sarà sconvolto.

Leggi tutto...

La via italiana all’Iran

E-mail Stampa PDF

iran expodi Guido Salerno Aletta

Pubblichiamo l'editoriale di Guido Salerno Aletta uscito su Milano Finanza il 10 novembre 2018

Tic, tac, tic, tac: inesorabile, ma non per l’Italia ed altri sette Paesi, l’orologio che scandisce le pressioni americane sull’Iran ha segnato un nuovo aggravamento. Il 4 novembre scorso, a 180 giorni dal ritiro unilaterale dall’Accordo raggiunto con l’Iran sull’arricchimento di uranio dal Gruppo dei 5+1 (JCPOA - Joint Comprehensive Plan of Action), ponendo fine al quarantennale regime di embargo petrolifero, gli Usa hanno reintrodotto le sanzioni sull’export di petrolio che erano state sospese o rimosse a seguito dell’Accordo.

Leggi tutto...

Due militanti del Partito Comunista del Venezuela (PCV) sono stati assassinati

E-mail Stampa PDF

luis fajardo asesinado 31 10 2018International Communist Press | icp.sol.org.tr

Traduzione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

Il PC del Venezuela ha annunciato che Luis Fajardo, membro del Comitato Centrale del PCV e leader del movimento contadino e un altro membro del PCV sono stati assassinati a colpi d'arma da fuoco.

Secondo quando comunicato dal Partito Comunista del Venezuela (PCV), Luis Fajardo membro del Comitato Centrale del PCV e leader del movimento contadino e un altro membro del PCV, Javier Aldana, sono stati assassinati con colpi d'arma da fuoco.

Leggi tutto...

La Germania post-Merkel potrebbe essere più aperta a Russia, Cina

E-mail Stampa PDF

merkel russiacinadi Fabio Massimo Parenti*

Articolo uscito in inglese sul Global Times il 5-11-2018

La leadership della signora Merkel sta per finire, ma probabilmente rimarrà una figura chiave nelle istituzioni europee. Il suo mandato è già durato troppo tempo secondo i parametri della democrazia rappresentativa occidentale, considerando che è a capo del governo da 15 anni e di più all'interno della CDU. In ogni caso, la transizione dopo le ultime elezioni, che ha ridotto la base di voto per la CDU, si verifica in un periodo in cui anche la leadership francese e britannica stanno affrontato simili debolezze all'interno dello spazio europeo. La progressiva estinzione dei partiti tradizionali, probabilmente da confermare nelle prossime elezioni parlamentari europee di maggio, è il risultato del fallimento delle riforme del lavoro, delle crisi migratorie, della crescente disuguaglianza economica e così via.

Leggi tutto...

Il samba brasiliano domato dagli USA

E-mail Stampa PDF

Lula Pernambuco115935di Alessandro Pascale

Propongo al pubblico di Marx21 alcuni elementi che, specie per le parti iniziali (tratte da In Difesa del Socialismo Reale [1] ) mi sembrano poco noti. Seguono alcuni materiali e riflessioni sugli eventi più recenti, ad integrazione di un quadro storico che mi sembra utile avere chiaro per comprendere il Brasile attuale e la vittoria elettorale del reazionario Bolsonaro. Si rammenta che è in corso una raccolta fondi [2] per sostenere il progetto editoriale della collana Storia del Socialismo e della Lotta di Classe, con cui si darà pubblicazione cartacea dei materiali, rielaborati e ampliati, di In Difesa del Socialismo Reale.

Leggi tutto...

La fake news del Muos «maxi radar»

E-mail Stampa PDF

radar muosdi Manlio Dinucci

«M5S diviso sul maxi radar siciliano», titola il Corriere della Sera, diffondendo una maxi fake news: non sul fatto che la dirigenza del M5S, dopo aver guadagnato in Sicilia consensi elettorali tra i No Muos, ora fa marcia indietro, ma sullo stesso oggetto del contendere. 

Definendo la stazione Muos di Niscemi  «maxi radar», si inganna l’opinione pubblica facendo credere che sia un apparato elettronico terrestre di avvistamento, quindi difensivo. 

Al contrario, il Muos (Mobile User Objective System) è un nuovo sistema di comunicazioni satellitari che potenzia la capacità offensiva statunitense su scala planetaria. 

Leggi tutto...

Pagina 1 di 288