Comunisti oggi

Brevi considerazioni sulle recenti proteste di massa in Romania

E-mail Stampa PDF

pc romania xxidi Partito Comunista Romeno - XXI Secolo (PCR-XXI) | pcr.info.ro

Traduzione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

Amici,

In Romania, sotto le vesti di una missione anti-corruzione, è stata creata una polizia politica il cui obiettivo era la neutralizzazione del sentimento nazionale rumeno.

Una situazione simile è avvenuta in Messico, paese che si stava avvicinando al fallimento ed è stata salvato dagli Stati Uniti. Ma i messicani non sapevano quale sarebbe stato il prezzo di questo aiuto.

Per molti giorni i messicani scesero nelle strade battendo con i cucchiai i piatti vuoti. Le manifestazioni non cessarono fino a quando il presidente non prese per lo Stato messicano lo sfruttamento del petrolio. Poi seguì un periodo di grande crisi economica in Messico. L'interesse bancario per i prestiti statali era salito alle stelle. Il governo fu costretto a ridurre drasticamente la spesa statale. Si pensò inoltre di stampare moneta senza copertura economica, per poter coprire le spese statali strettamente necessarie.

Leggi tutto...

Il Partito del Lavoro del Belgio: “Opporsi al militarismo e alla NATO”

E-mail Stampa PDF

mertens ptbda sinistra.ch

Il Belgio ospita la sede politica e militare della NATO. Per il governo di Bruxelles, la NATO è “centrale negli sforzi di pace del Belgio”, il quale è attivo in Siria, Iraq e Afghanistan e serve gli interessi dell’imperialismo atlantico, partecipando attivamente anche alla “Politica di sicurezza e di difesa comune” dell’Unione Europea, compresa  la creazione di gruppi di combattimento comunitari.

Il controllo delle forniture di energia, delle linee di trasporto e dei mercati in cui investire per mantenere alti i profitti, sono l’obiettivo principale della spesa militare. A tutto ciò si oppone con fermezza però il sempre più influente Partito del Lavoro del Belgio (PTB), formazione politica della sinistra di origine maoista.

Nelle scorse settimane il governo belga ha deciso di investire 9,4 miliardi di euro nei prossimi 14 anni in nuove attrezzature militari. Questa decisione – ha spiegato il portavoce del PTB – è in linea con la richiesta della NATO di destinare il 2% del prodotto nazionale lordo alle spese militari. La quota maggiore di tale importo sarà destinata al rinnovo degli F16 da combattimento, impegnando il Belgio nella macchina da guerra nucleare della NATO anche in futuro, oltre a compromettere il bilancio dello Stato che viene fatto pesare sui lavoratori e gli studenti con le misure di austerità.

Leggi tutto...

Comunisti in Svezia

E-mail Stampa PDF

svezia comunisti manifestiIl contributo del Partito Comunista di Svezia al 18° Incontro Internazionale dei Partiti Comunisti e Operai di Hanoi

da resistenze.org

Cari compagni,

Prima di tutto, da parte del Partito Comunista di Svezia vorrei ringraziare e congratularmi col Partito Comunista del Vietnam per aver ospitato la nostra conferenza. Nello stesso tempo vorremmo esprimere la nostra piena ammirazione per l'eroico Partito Comunista e il grande popolo del Vietnam per essere stati i primi a sconfiggere l'imperialismo USA. La vostra grande vittoria è una vittoria per i lavoratori di tutto il mondo.

Nel nostro ultimo contributo abbiamo sfatato la vulgata prevalente della Svezia quale paese pacifista e progressista, mettendo in evidenza il ruolo della Svezia nell'intervento militare in Afghanistan, Siria e Libia. Abbiamo anche parlato del tormentone delle privatizzazioni che ha attuato in precedenza e continuato con l'ingresso nell'UE.

Leggi tutto...

La via al socialismo nella prospettiva del Vietnam

E-mail Stampa PDF

italia vietnamdi Francesco Maringiò*
da francescomaringio.tumblr.com

Introduzione

È molto utile discutere del Vietnam oggi, perché questo contributo aiuta a sprovincializzare ed innovare il dibattito politico, anche in merito alla stessa concezione sulla natura di un processo socialista.

Durante la guerra, quando le pagine dei dei giornali ed i notiziari si riempivano di cronache epiche e vittoriose, era facile individuare nello slancio eroico di quel popolo la natura antimperialista della sua battaglia ed era evidente a tutti l’anelito ad edificare una società nuova, una società socialista. Oggi il Vietnam è un paese globalizzato e moderno e sono in molti a chiedersi se sia ancora un paese socialista.

A chi pone, legittimamente, questa domanda, l’invito che rivolgiamo è quello di approfondire la conoscenza del Vietnam, delle sue conquiste e delle acquisizioni teoriche del Partito Comunista.

Ma una piccola digressione teorica si rende necessaria.

Leggi tutto...

Un incontro di partiti comunisti su Unione Europea e Euro

E-mail Stampa PDF

di Bruno Steri per Marx21.it

Sabato 25 febbraio p. v. a Roma (dalle 10,30 alle 18,30) il Pci ha organizzato un incontro internazionale sull’Unione Europea, in cui saranno presenti, accanto ad alcuni politici ed economisti italiani marxisti e comunisti, esponenti di diversi Partiti Comunisti d’Europa: parteciperanno infatti all’iniziativa i Pc portoghese, spagnolo, cipriota, ucraino e del Donbass.

Si tratta di forze politiche che, ciascuna nel proprio specifico contesto, sul tema in questione hanno comunque maturato una posizione affine, essendo oggi convinte che gli orientamenti di questa Europa - le sue politiche di austerità, le sue prescrizioni antipopolari, prioritariamente tese alla tutela degli interessi del grande capitale finanziario - sono incompatibili con le necessità, le urgenze sociali dei loro Paesi. L’Europa dei popoli e del lavoro esige la sconfitta del processo europeo di integrazione capitalistica: per questo occorre operare in vista di una rottura con l’Ue e i suoi Trattati e per il superamento dell’euro.

Leggi tutto...

NKPJ: La nostra tradizione poggia sull'internazionalismo proletario

E-mail Stampa PDF

International Communist Press (ICP) | sol.org.tr

Traduzione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

Speciale intervista della International Communist Press con Aleksandar Banjanac, Segretario Generale del Nuovo Partito Comunista della Jugoslavia (NKPJ)

ICP: Di recente assistiamo alla riproduzione di forme di nazionalismo serbo. Il Partito Radicale Serbo del criminale di guerra Vojislav Seselj ha ottenuto 22 seggi alle ultime elezioni parlamentari. Dall'altra parte, il governo della Serbia ha cercato di ripristinare l'onorabilità di collaboratori nazisti quali Milan Nedic. Il Nuovo Partito Comunista della Jugoslavia (NKPJ) ha avviato una serie di proteste per resistere a questi tentativi e per contrastare l'esistenza di organizzazioni fasciste nelle università. In che modo il vostro Partito intende continuare l'azione anti-nazionalista?

Leggi tutto...

Perché non c’è un congresso unitario del Prc

E-mail Stampa PDF

da lacittafutura.it

Senza autocritica non c’è proposta (anche elettorale) credibile

Si sta chiudendo la prima fase del X Congresso del Partito della Rifondazione Comunista. Nei Comitati Politici Federali, abbiamo spesso assistito al tentativo di delegittimare la presentazione del secondo documento congressuale.

Perché non c’è un congresso unitario?

Alcuni degli argomenti sono ormai dei “classici”, ripetuti a ogni congresso: in un momento di così grande crisi servirebbe un segnale di unità, non la frammentazione, non la contrapposizione di linee politiche. E ancora, le compagne e i compagni che poi hanno firmato il secondo documento hanno chiesto il congresso a tesi, ma non hanno fornito la formula matematica per calcolare i delegati con le tesi emendabili.

Queste critiche ci appaiono strane. Una proposta tecnica per la ripartizione dei delegati è stata effettivamente portata alla Commissione Regolamento, ma è evidente che il problema non è tecnico, il problema è politico. 

Leggi tutto...

Un nuovo processo per annientare il Partito Comunista di Ucraina

E-mail Stampa PDF

pc ucraina 500pxAppello dei Partiti Comunisti e Operai di tutto il mondo | da solidnet.org

Traduzione di Marx21.it

“Denunciamo ogni tentativo di mettere fuori legge il Partito Comunista di Ucraina”

7 febbraio 2017

I partiti firmatari denunciano ancora una volta con la massima fermezza i tentativi di mettere al bando il Partito Comunista di Ucraina in vista dell'importante processo che si dovrebbe svolgere domani (8 febbraio 2017) a Kiev. Il processo farsa si propone di annientare il PC di Ucraina mediante una procedura che è contraria ai principi del Diritto Internazionale, la Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo e ad altri principi e convenzioni internazionali.

Il nuovo tentativo di proibire il PC di Ucraina arriva al culmine di una persecuzione continua e violenta del Partito che vede l'ultra-destra fascista in primo piano. L'Unione Europea, gli Stati Uniti e la NATO, che hanno alimentato e sostenuto queste forze, portano gravi responsabilità. Il tentativo di imporre la cosiddetta “decomunistizzazione” del paese, di falsificare e distorcere la sua storia e la memoria collettiva, che sta cercando di servire le posizioni politiche e ideologiche e gli interessi dell'ordine attualmente esistente in Ucraina, si sviluppa in questo contesto. Anche gli sforzi per trasformare gli ex collaboratori nazisti in eroi sono parte di questa campagna.

Leggi tutto...

Quando la sinistra fa la destra e la destra fa la sinistra

E-mail Stampa PDF

bandiera rossa brandellidi Bruno Steri*

Riceviamo dal compagno Bruno Steri e volentieri pubblichiamo

In questi giorni può capitare di imbattersi, sul web e non solo, in tirate polemiche nei confronti di chi a sinistra - scivolando in “estremistici”  No alla Ue, all’euro e alla Nato - finirebbe per trovarsi a braccetto con la signora Le Pen, la quale ha appena inaugurato la sua campagna elettorale annunciando appunto il proposito di uscire dal comando integrato della Nato e di indire un referendum in cui perorare l’uscita dall’Unione europea. Certo,  purtroppo non è da oggi che nel nostro Paese i soggetti sociali cui un tempo si rivolgeva la sinistra faticano a distinguere - parafrasando una canzone di Gaber - tra quel che fa la destra e quel che fa la sinistra. Da ultimo, l’eclatante rovesciamento di posizioni evidenziato dal referendum istituzionale: con il Pd teso a stravolgere la Costituzione nata dalla Resistenza e le destre schierate in sua difesa (una difesa furbesca e temporanea, cioè in vista di uno stravolgimento ancor peggiore).

Leggi tutto...

Pagina 18 di 85