I comunisti venezuelani: il 7 ottobre il nostro popolo ha deciso

E-mail Stampa PDF

di Carolus Wimmer, responsabile internazionale del Partito Comunista del Venezuela
Traduzione a cura di Marx21.it | da solidnet.org

chavez folla balconeMessaggio di fine anno del gruppo comunista al Parlamento Latinoamericano (Parlatino)

Il popolo venezuelano ha deciso il 7 ottobre, e lo ha ratificato il 16 dicembre, che quest'anno ha inizio la fase dell'accelerazione verso il socialismo con la Classe Operaia e il Comandante Hugo Chavez alla guida della nostra Rivoluzione.

La militanza rivoluzionaria che in questo momento trova la sua coesione nel sentimento di unione e solidarietà con il presidente Chavez, trasmettendole il suo affetto e il suo augurio di pronta guarigione, deve utilizzare questa data per riflettere sulle due recenti vittorie elettorali ottenute, perché tutti siamo corresponsabili per la posta in gioco con il Secondo Piano Socialista della Nazione 2013-2019, in merito al quale abbiamo fatto proposte e abbiamo partecipato alla discussione.


In questo 2013, in cui ha inizio la nuova gestione, continueremo ad appoggiare il governo del presidente Chavez per dare ulteriore impulso ai piani sulla salute, la casa, l'educazione, per nuovi successi in materia economica, ma fondamentalmente per il consolidamento del potere e dell'organizzazione popolare.

E' necessario preservare l'unità per rafforzare il Grande Polo Patriottico e mantenere la calma ma vigilando. Dobbiamo essere preparati alla mobilitazione dei settori popolari per difendere la Patria di fronte ai tentativi di destabilizzazione della destra alla vigilia del 10 gennaio (data di insediamento del presidente della Repubblica Bolivariana, ndt). Qui non esiste vuoto di potere, qui non c'è incertezza, né alcuna delle ipotesi ventilate dai settori antidemocratici. Qui abbiamo un popolo che ha deciso il 7 ottobre di proseguire la Rivoluzione Socialista sotto la direzione politica del Comandante Chavez.

E' nostro dovere denunciare che attraverso le reti sociali si è scatenata una vera battaglia campale contro il Governo Bolivariano. Come responsabile dell'area internazionale, ricevo numerose chiamate e messaggi da persone di tutto il mondo preoccupate per la salute di Chavez. La risposta è la stessa per tutte e per tutti: non c'è alcun vuoto informativo. Ci sono tutti i comunicati ufficiali diffusi in pratica ogni giorno. Non ci facciamo impressionare dalle voci interessate.

L'ondata di voci non è casuale. Una voce fa alzare o abbassare la borsa, il prezzo del barile di petrolio, aumenta la speculazione nei mercati. Non è dovuto al caso che la destra mediatica e oscuri interessi finanziari ricorrano a questo gioco sporco. Non permetteremo che ci manipolino. Dobbiamo mantenere la calma ma vigilando uniti.

Felice e prospero anno nuovo, pieno di benessere, salute e felicità a tutte le famiglie venezuelane, sulla strada del socialismo!

Viva Chavez!
Viva la Rivoluzione Bolivariana!
Viva il Socialismo!
Viva il Grande Polo Patriottico!
Viva il Partito Comunista del Venezuela!