Intervista al Segretario Generale del Partito Comunista dell'India (Marxista)

E-mail Stampa PDF

SitaramYechuriPartito Comunista Portoghese | avante.pt

Traduzione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

Il Segretario Generale del Partito Comunista dell'India (marxista), Sitaram Yechuri, ha recentemente visitato il Portogallo su invito del PCP. Tra le altre iniziative, ha rilasciato un'intervista a Avante!, in cui parla della difficile situazione in cui versa il suo popolo, delle lotte in corso in India e dei difficili ed entusiasmanti compiti che i comunisti indiani sono chiamati ad affrontare.


Quali sono gli obiettivi di questa visita in Portogallo?

Il PCI (M) e il PCP condividono non solo forti legami di fratellanza, ma anche molte posizioni politiche simili. Soprattutto dopo la scomparsa dell'Unione Sovietica, sui cui motivi e sulla situazione internazionale che ne deriva, le analisi dei nostri due partiti sono molto vicine. E' passato lungo tempo senza che un segretario generale del CPI (M) visitasse il Portogallo e abbiamo capito che, data la situazione attuale, è di grande importanza - non solo per i nostri due partiti ma per il movimento comunista internazionale - conoscerci meglio e condividere punti di vista, analisi ed esperienze. Questo è il motivo della mia visita in Portogallo.

Quali sono queste posizioni convergenti?

Il capitalismo sta attraversando una grave crisi, che è la crisi del neoliberalismo, cioè la fase di sviluppo capitalistico post-guerra fredda, segnato dalla "globalizzazione" e dall'estensione a tutto il mondo di ricette neoliberiste volte a massimizzare i profitti. Il punto è che questo obiettivo è possibile solo aggravando lo sfruttamento dei lavoratori, il che significa che la stragrande maggioranza della popolazione mondiale ha visto il suo reddito diminuire e non può pertanto comprare ciò che viene prodotto. È una contraddizione che crea un problema strutturale al capitalismo.

In che modo PCI (M) valuta gli output trovati dal capitalismo per questa contraddizione?

Non ci sono soluzioni all'interno del neoliberalismo per questa contraddizione. Per massimizzare i profitti, il capitalismo ha bisogno di intensificare ulteriormente lo sfruttamento e il controllo della protesta popolare limitandone la natura rivoluzionaria. Ciò avviene attraverso una svolta a destra che porta al risorgere delle forze reazionarie e fasciste. Questo è vero in molti paesi e l'India non fa eccezione. Trump ne è il classico esempio, incanalando questo aumento di malcontento nei confronti del sistema nella xenofobia, nel razzismo e nelle tendenze neofasciste. Questa tendenza è accompagnata da una crescente aggressività dell'imperialismo, che crea contraddizioni all'interno del campo imperialista stesso, particolarmente evidenti negli ultimi tempi. Ma gli Stati Uniti intendono mantenere la loro egemonia e rafforzarsi militarmente.

Ma l'unipolarismo non è così marcato come prima, non sei d'accordo?

Ci sono oggi un certo numero di paesi che lottano per il loro posto, in particolare la Cina socialista, che è già la seconda più grande economia al mondo. L'imperialismo si sente minacciato e punta a frenare la Cina. Questo è uno dei suoi obiettivi strategici, che l'ha reso più attento alla regione del Pacifico. Dobbiamo affrontare questa situazione in ciascuno dei nostri paesi perché le nostre classi dirigenti, in particolare dell'India, stanno cedendo agli interessi dell'imperialismo.

Sono stati questi temi in discussione tra i nostri due partiti, che pur avendo differenze naturali tra loro, da un punto di vista geografico e culturale, hanno una grande approssimazione di posizioni. Dobbiamo tutti contribuire all'unità dei partiti comunisti e delle forze rivoluzionarie nel mondo.

QUATTRO SFIDE DA AFFRONTARE

Il PCI (M) ha recentemente tenuto il suo 22° Congresso. Che descrizione è stata fatta della realtà indiana?

Il popolo indiano e le forze rivoluzionarie devono affrontare quattro grandi sfide. La prima (e questo non implica alcun ordine qualitativo) è l'intensificazione dello sfruttamento, che oggi si palesa pericolosamente nelle campagne e nelle città. La disoccupazione, per esempio, è aumentata, il che rende tesa la situazione sociale, dato che il 70% della popolazione indiana ha meno di 40 anni. La seconda riguarda la polarizzazione religiosa promossa dall'attuale governo di destra [del BJP, nazionalista indu], che cerca di opporre la maggioranza indù alle minoranze musulmane e cristiane.

Arrivano dall'India racconti di grande violenza religiosa...

Essi sono stati utilizzati pericolosamente, in modo analogo ai metodi dell'Inquisizione spagnola... Per esempio, servire un pasto con prosciutto o carne di manzo per sapere chi è indù o musulmano, attaccando poi questi ultimi. Ci sono eserciti privati che fanno questo. Anche gli Intoccabili [il livello più basso del sistema di caste] vengono attaccati. L'obiettivo del governo è dividere la società con la violenza e l'odio per consolidare il proprio sostegno politico.

La polarizzazione religiosa non è nuova in India...

Durante il movimento di liberazione, c'erano tre vie per la futura India indipendente: quella maggioritaria, guidata dal Congresso Nazionale Indiano, apprezzava l'India per la sua diversità culturale, religiosa e linguistica, che poteva essere mantenuta solo dalla repubblica democratica laica, consacrata 70 anni fa nella Costituzione. La via proposta dai comunisti valorizzava questa stessa repubblica, aggiungendo che l'indipendenza politica avrebbe dovuto essere accompagnata da una vera indipendenza economica, raggiungibile solo attraverso la marcia verso il socialismo. Abbiamo sempre detto che, senza questa condizione, la repubblica democratica laica sarebbe stata minacciata, che è esattamente quanto è successo.

E la terza via, che cos'è?

La terza, che inizialmente trovò poca espressione, ha difeso l'esistenza di una Stato islamico nell'India post-indipendenza. Gli inglesi incoraggiarono questa proposta, con la loro politica del "divide et impera". È così che è nato il Pakistan. La conseguenza di ciò era la trasformazione del resto dell'India in uno Stato indù, cosa respinta dal popolo. Ma questo obiettivo non è mai scomparso e ciò che si cerca di ottenere con gli attacchi alle minoranze è proprio di aprire la strada alla trasformazione dell'India da una repubblica democratica laica in una nazione indù. Collegata a tutto ciò c'è la terza grande sfida che dobbiamo affrontare: la difesa della Costituzione indiana

E' a rischio?

Se raggiungeranno i loro obiettivi, sono in grado di sovvertire i poteri costituzionali. Inoltre, il parlamento, la magistratura e le agenzie elettorali, di polizia e investigative vengono utilizzati contro gli oppositori politici e i diritti del popolo alla libertà e all'uguaglianza, tra gli altri, vengono messi in discussione. Questo è ciò che chiamiamo un attacco autoritario e di stampo fascista alla struttura statale del paese. La quarta grande sfida riguarda la politica estera ..

Che ha subito una svolta importante, negli ultimi anni... 

L'India è diventata un partner strategico degli Stati Uniti, il che è molto pericoloso per il paese in termini di geo-strategia regionale. L'India ha sempre cercato di stabilire buone relazioni con gli altri paesi, a cominciare dai nostri vicini, e questa alleanza con l'imperialismo le danneggia. Ora, essendo alleata con gli Stati Uniti, l'India diventa alleata della loro strategia di contenimento della Cina. L'India è impegnata da tempo in esercitazioni militari e navali in collaborazione con gli Stati Uniti, ma ora non più solo nelle acque territoriali indiane, bensì nel Mar Cinese Meridionale. Quale segnale si pretende di dare con questo?

Dove sono, con questo cambio di rotta, il Movimento dei non allineati e i BRICS? 

Per la prima volta, un primo ministro indiano non ha partecipato a un vertice del Movimento dei non allineati. È un segnale! L'India si è sempre affermata con una politica estera autonoma nel quadro del Movimento dei non allineati, e questo è stato completamente abbandonato.

In che modo il PCI (M) intende rispondere a queste quattro sfide? 

Nel nostro più recente Congresso abbiamo deciso che la priorità per affrontare queste sfide sarebbe estendere l'unità tra i comunisti e le altre forze progressiste e affermare un'alternativa all'attuale espressione del dominio di classe. Abbiamo avuto grandi lotte degli ultimi mesi: il 5 settembre 200.000 operai e contadini chiedevano a Delhi l'inversione delle politiche attuali, e il 10 c'è stato un sciopero nazionale per protestare contro il peggioramento delle condizioni di vita, durante il quale sono stato arrestato dalla polizia. Le lotte si stanno sviluppando, ma per poter raggiungere i nostri obiettivi è fondamentale rimuovere l'attuale governo dal potere. Le elezioni generali si terranno tra aprile e giugno del prossimo anno.

ALLONTANARE IL BJP DAL GOVERNO È IL PRIMO E DECISIVO PASSO

Come si vuole ottenere la sconfitta del Bjp alle elezioni?

La nostra tattica è di ridurre al minimo la dispersione del voto anti-BJP. L'India ha un sistema elettorale non proporzionale in cui viene eletto il candidato con il maggior numero di voti. Pertanto, è stato possibile per il BJP, con solo il 31% dei voti, formare un governo. Ma dove le forze di sinistra e democratiche sono più forti, inviteremo altri a sostenerle; dove non è il caso, ci appoggeremo ad altri partiti.

Chi può essere sostenuto dal PCI (M)? 

L'India è un paese immenso e ogni regione ha i suoi partiti. L'idea è che ci si supporti dove siamo più forti e che noi si sostenga chi è più forte in una data regione. Abbiamo un programma alternativo, attorno al quale stiamo spingendo le lotte, ma il primo passo verso la sua attuazione è la caduta dell'attuale governo. È proprio il diritto di protestare ad essere stato messo in discussione, quindi sono stato detenuto. Naturalmente non spaventeranno i comunisti, ma questo ha influenza tra le masse. Quindi porre fine a questo governo è un primo e decisivo passo.

In molti luoghi non si tratta solo di intimidazioni, ma di violenza... 

Se questa unità che cerchiamo di costruire continua, l'estrema destra lascerà il potere, e sa che la sinistra, e soprattutto il PCI (M), è il polo principale dell'unità e per questo ci attacca. Noi siamo l'obiettivo principale. Nel Bengala Occidentale, 179 compagni sono stati assassinati negli ultimi tre anni, di cui 36 nelle recenti elezioni locali. Volevano impedire loro di candidarsi, spingerli ad abbandonare le loro candidature o, dopo essere stati eletti, a lasciare il PCI (M) e unirsi a loro. Altrimenti, li avrebbero uccisi. Un paio di compagni, dopo essere stati eletti, sono stati bruciati vivi in casa. In alcuni casi, vanno a casa dei nostri eletti per offrire alle mogli un sari bianco [il vestito delle vedove ], affinché vedano ciò che le aspetta.

E in Kerala dove il PCI (M) è nel governo? 

Lì, al di là della violenza, cercano di indebolire il governo. Di recente hanno cercato di bloccare gli aiuti alle vittime delle alluvioni. Cercano anche di ostacolare gli aiuti umanitari internazionali ... Fronteggiamo questi attacchi e cerchiamo di mobilitare altre forze democratiche e laiche e promuovere la lotta, da un lato, e garantire la sconfitta elettorale del BJP, dall'altro. E' una grande battaglia e se riusciremo a vincerla, l'India continuerà ad essere una repubblica laica democratica sancita nella Costituzione.

L'UNITÀ SI COSTRUISCE NELLA LOTTA 

Dalla realtà indiana, risalta un dato: le potenti mobilitazioni popolari. Quali lotte il PCI (M) sta promuovendo e sostenendo?

Fondamentalmente, sono lotte della classe operaia urbana e rurale: contadini, lavoratori industriali e proletariato agricolo. Negli ultimi quattro anni, con l'attuale governo, il numero di lavoratori con un'occupazione stabile è sceso dal 6 al 7%. Questa è una questione che mobilita molte lotte. Per quanto riguarda i contadini, la situazione è tale il ricavato dalla vendita dei raccolti è inferiore a quanto è stato speso per produrli. Molti agricoltori sono indebitati, due terzi non hanno alcun sostegno bancario e sono costretti a ricorrere agli usurai. Negli ultimi quattro anni, la media annuale dei suicidi di agricoltori è stata di circa 20 mila. È facile vedere che il proletariato rurale soffre anche della bancarotta degli agricoltori. C'è una grande migrazione verso le città e oggi le baraccopoli indiane sono le più grandi del mondo.

Come si inverte una situazione così drammatica? 

Per i contadini chiediamo nuove leggi che garantiscano prezzi equi per la produzione. Se i prezzi aumentano, lo stato dovrebbe sovvenzionare, per evitare che i poveri della città abbiano ancora più difficoltà ad accedere al cibo. Con decine di miliardi di rupie che i grandi capitalisti hanno preso al paese - uno di loro, Lahli Modi, era ancora in Portogallo sotto il "vistos gold" - non ci sarebbe alcun problema a soddisfare le richieste dei contadini, operai, giovani. E ci sarebbero soldi per le infrastrutture, che sono molto brutte in India. Tutto questo è possibile in questo sistema, o ha dovuto attendere il socialismo.

Nel vostro recente Congresso, dite che l'India è diventata una "società più disuguali al mondo." Puoi essere più preciso?

La polarizzazione della ricchezza è solo una misura della disuguaglianza. Nel 2017, della ricchezza totale creata nel paese, l'1% della popolazione deteneva il 73%. Prima di questo governo, era il 49 percento. Ma anche in altri indicatori - come ad esempio la sicurezza delle donne, la salute, l'educazione, la violenza religiosa - l'India si classifica ai posti peggiori a livello mundiale.

Il PCI (M) si batte per la creazione di un fronte democratico di sinistra nel paese. Cos'è questo fronte? Quali sono i suoi obiettivi? 

Questo fronte non esiste ancora a livello nazionale, ma piuttosto in alcuni stati e regioni. Sta emergendo nel Bengala Occidentale, nel Kerala e nel Tripura, dove abbiamo una grande influenza, ma anche nel Tamil Nadu, per esempio. Non ha nemmeno un programma politico concreto, soprattutto a causa delle prossime elezioni e dell'atteggiamento dei partiti borghesi e dei settori democratici, che vogliono guadagni elettorali immediati.

Chi dovrà riunire questo fronte? 

In primo luogo, i vari partiti e organizzazioni comuniste e gli altri partiti di sinistra, nazionali o regionali. Per quanto riguarda la componente democratica, è più fluida. Ma cerchiamo anche di aggiungere forze progressiste non di partito, movimenti popolari per difendere i diritti dei bambini, delle donne, degli intoccabili, i netturbini. E, naturalmente, i sindacati, ad eccezione di quelli dominati dal BJP. Anche quelli legati al Congresso Nazionale Indiano si sono uniti alla sinistra nel fare appello agli scioperi nazionali. In India non abbiamo un centro sindacale unitario, per il quale combattiamo. Questa unità si fa attorno alle lotte, cioè sarà diversa da quella che costruiremo per le elezioni.

"UN PARTITO RIVOLUZIONARIO CON UNA LINEA DI MASSA" 

Qual è la dimensione e l'influenza sociale del PCI (M)? 

In termini di membri del partito, stiamo parlando di 1,1 milioni di militanti. Ma se a questi aggiungiamo i membri delle organizzazioni di massa che il partito influenza - sindacati, organizzazioni studentesche, le donne, i contadini - la cifra sale a qualcosa come 30-40 milioni di persone.

Quali sono le priorità del PCI (M) per il suo intervento? 

Per raggiungere gli obiettivi di cui abbiamo parlato, la priorità è rafforzare l'organizzazione del Partito e i suoi legami con il popolo. Senza questo, nulla sarà realizzato. Nel 2015, abbiamo organizzato un incontro nazionale sull'organizzazione, che aveva come parola d'ordine «Un partito rivoluzionario con una linea di massa», in cui sono state prese importanti decisioni. Come comunisti, sappiamo bene che una linea politica può essere corretta al 100 percento, ma senza organizzazione non serve a nulla.

Qual è il percorso definito dal PCI (M) per raggiungere i suoi obiettivi strategici? 

Per avanzare verso il socialismo è necessario completare la rivoluzione democratica e rompere con il feudalesimo rurale. L'indipendenza economica dell'India dall'imperialismo non solo non è riuscita a materializzarsi, ma è più lontana. E è così perché chi ha guidato il paese dopo l'indipendenza è stata la grande borghesia in alleanza con i proprietari terrieri. In India, il capitalismo non si è sviluppato rompendo con il feudalesimo, ma alleandosi con esso. Il PCI (M) si sforza di rompere questo dominio di classe attraverso quella che noi chiamiamo la Rivoluzione Democratica Popolare, antimperialista, anti-monopolistica e anti-feudale, con l'uguaglianza tra culture e religioni, e un'economia dominata dal settore pubblico.