Le pericolose conseguenze del ritiro degli USA dall'accordo JCPoA per la pace mondiale

E-mail Stampa PDF

trump irandealDichiarazione dei Partiti Comunisti e Operai

solidnet.org

Traduzione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

Noi, Partiti Comunisti e Operai firmatari, condanniamo la decisione dell'amministrazione Trump – che contraddice in pieno l'opinione pubblica mondiale – di portare gli Stati Uniti fuori dall'accordo 2015 Joint Comprehensive Plan of Action (JCPoA) con l'Iran e le pericolose conseguenze che questo comporta.

Il ritiro degli Stati Uniti l'8 maggio 2018 dall'accordo JCPoA – firmato tra i cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza più la Germania (P5 + 1) e l'Iran – ha aumentato significativamente la tensione nella regione e ha sollevato la minaccia di una nuova devastante guerra in Medio Oriente.


Condanniamo anche la reimposizione di sanzioni economiche e bancarie/monetarie all'Iran, che costituisce una violazione illegale di un accordo internazionale ratificato dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Sia l'ONU che l'AIEA hanno criticato il ritiro degli Stati Uniti e hanno confermato che la parte iraniana ha adempiuto a tutti i suoi obblighi ai sensi del JCPoA.

Le azioni e le politiche dell'amministrazione statunitense in relazione all'Iran sono state – e continuano ad essere – coordinate con quelle dei governi di Israele e dell'Arabia Saudita. La recente aggressione militare contro la Siria, compresi i bombardamenti aerei effettuati dalla forze israeliane, hanno accresciuto la possibilità di una guerra a tutto campo.

Noi, partiti sottoscrittori, siamo preoccupati che se l'attuale intensificazione dell'aggressione da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati in Medio Oriente non viene ridimensionata e invertita immediatamente, il pericolo di una nuova guerra disastrosa, con conseguenze imprevedibili per la pace e la stabilità nella regione, è reale ed enorme. 

I nostri partiti condannano fermamente qualsiasi attacco militare all'Iran e/o l'uso di sanzioni economiche come mezzo per affamare la popolazione di quel paese e piegarlo alla sottomissione. Crediamo inoltre che queste azioni avranno un impatto disastroso sulla continua lotta del popolo iraniano per la pace, la sovranità, la giustizia sociale, nonché i diritti umani e democratici.

Il futuro dell'Iran e del suo sistema politico è una questione che riguarda solo il popolo iraniano, che respinge qualsiasi intervento straniero nel proprio paese sotto qualsiasi pretesto.

I partiti firmatari di questa dichiarazione chiamano tutte le forze a condurre campagne per la pace e il disarmo a livello mondiale per condannare le politiche di scontro dell'amministrazione statunitense e dei suoi alleati israeliani che sono contrari alla Carta delle Nazioni Unite. Bisogna fare una campagna per garantire che nessun governo al mondo sostenga alcuna sanzione contro l'Iran e non soccomba alle pressioni statunitensi.

Partiti firmatari

 

  1. Communist Party of Albania
  2. PADS (Algeria)
  3. Communist Party of Azerbaijan
  4. Austrian Party of Labour
  5. Communist Party of Australia
  6. Communist Party of Bangladesh
  7. Workers Party of Belgium
  8. Communist Party of Brazil 
  9. Communist Party of Bohemia and Moravia (Czech Republic)
  10. Communist Party ofBritain
  11. Socialist Workers’ Party of Croatia
  12. AKEL of Cyprus
  13. Communist Party in Denmark
  14. Egyptian Communist Party
  15. Communist Party of Estonia
  16. Communist Party of France
  17. Communist Party of Finland
  18. Communist Party of Germany
  19. Communist Party of Greece
  20. Hungarian Workers Party
  21. Communist Party of India
  22. Communist Party of India (Marxist)
  23. Tudeh Party of Iran
  24. Communist Party of Iraq
  25. Communist Party of Ireland
  26. Workers Party of Ireland 
  27. Communist Party of Israel
  28. Communist Party, Italy
  29. Jordanian Communist Party
  30. Social Movement of Kazakhestan 
  31. New Communist Party of Netherland
  32. Communist Party of Lebanon
  33. Peoples’ Party of Palestine
  34. Communist Party of Palestine
  35. Communist Party of Philippine (1930)
  36. Communist Party of Portugal
  37. Communist Party of Mexico
  38. Communist Party of Norway
  39. Communist Party of Russian Federation
  40. Russian Communist workers party
  41. Communist Party of South Africa
  42. Communist Party of Spain
  43. Communist Party of peoples of Spain
  44. Communist Party of Sweden
  45. SyrianCommunist Party
  46. Communist Party of Sudan
  47. Communist Party of Turkey
  48. Communist Party of Ukraine
  49. Communist Party of the USA 
  50. Communist Party of Venezuela