Nota informativa sulla Bielorussia e il suo partito comunista

E-mail Stampa PDF

pcbielorussia corteoa cura del Partito Comunista della Bielorussia

da solidnet.org

Traduzione dal russo di Mauro Gemma per Marx21.it

Alla fine del XIX secolo si sviluppò in Bielorussia il movimento operaio, nacquero circoli e gruppi socialdemocratici; nel marzo 1898, a Minsk, si tenne il primo congresso del Partito Operaio Socialdemocratico Russo (RSDLP), che segnò l'inizio del partito socialdemocratico della Russia.

I lavoratori bielorussi parteciparono attivamente agli eventi rivoluzionari del 1905-07, delle rivoluzioni di febbraio e a quella socialista del grande ottobre del 1917.


L'idea di creare il Partito comunista nacque alla conferenza delle sezioni bielorusse del PCR (b), che si tenne a Mosca il 21-23 dicembre 1918. La conferenza elesse un organo esecutivo - l'Ufficio centrale delle sezioni comuniste bielorusse, guidato da Dmitry Zhilunovich.

Il Partito comunista (bolscevico) della Bielorussia fu creato il 30 dicembre 1918 a Smolensk alla VI Conferenza regionale nordoccidentale dell'PCR(b), che si proclamò il primo congresso costituente del nuovo partito. Il congresso elesse l'Ufficio centrale del Partito comunista (bolscevico) della Bielorussia (presidente - A.F. Myasnikov) e decise di istituire la Repubblica Socialista Sovietica di Bielorussia.

Il 30 dicembre 2018 ha segnato il 100 ° anniversario della nascita del Partito Comunista e, il 1 ° gennaio 2019, il 100 ° anniversario dello Stato nazionale bielorusso.

Stato nazionale conquistato grazie alla volontà dei comunisti bielorussi: fu il Partito comunista della Bielorussia (CPB), e nessun altro partito a garantire al popolo bielorusso e alla patria le basi della costruzione del moderno stato bielorusso.

Le idee della Grande Rivoluzione d'Ottobre – potere popolare, giustizia, socialismo - sono sempre state e saranno l'elemento caratterizzante l'attività politica dei comunisti della Bielorussia.

I comunisti si distinsero nell'organizzazione delle masse indirizzata a trasformazioni sociali ed economiche nei primi anni successivi al mese di ottobre, nella lotta per preservare l'integrità territoriale della Bielorussia, divisa dopo il trattato di pace di Riga del 1921, che si concluse nel settembre 1939 con la riunificazione delle regioni occidentali alienate.

Durante la Grande Guerra Patriottica, il PCB divenne il principale nucleo della resistenza popolare antifascista. Nelle formazioni partigiane e clandestine nel territorio occupato, militavano più di 35 mila comunisti, c'erano 10 comitati regionali, 185 comitati inter-distrettuali e distrettuali. Quasi tutti i leader del dopoguerra della Bielorussia sovietica avevano un passato partigiano: P.K. Ponomarenko, K.T. Mazurov, P.M. Masherov, A.E. Kleschev, V.I. Kozlov, I.E. Polyakov, S.O. Pritytsky, F.A. Surganov.

Solo il PCB dimostrò un'enorme esperienza organizzativa e politica nella direzione della lotta per l'integrità territoriale, l'onore e la dignità dei bielorussi, respingendo gli aggressori fascisti e sconfiggendoli.

Dopo la liberazione, nel luglio del 1944, grazie alla grandiosa mobilitazione e al lavoro di massa del PCB, la nostra repubblica fu restaurata e ottenne enormi successi nella costruzione socialista.

Insieme al PCUS, il Partito comunista della Bielorussia ha condiviso l'amarezza della sconfitta temporanea del socialismo sovietico. Dopo il famoso divieto Eltsin del PCUS, il 25 agosto 1991, il Consiglio Supremo della Repubblica, guidato da S. Shushkevich, adottò la risoluzione "Sulla sospensione temporanea dell'attività del PCB e del PCUS sul territorio della Bielorussia".

Nell'euforia della "parata della sovranità", il Soviet supremo della Repubblica, il 10 dicembre 1991, con la sua risoluzione "Sulla proprietà del PCB-PCUS", dichiarò illegali tutti i beni mobili e immobili di proprietà del PCB, i fondi collocati in istituzioni finanziarie e altre organizzazioni sul territorio della Repubblica di Bielorussia, così come le proprietà del PCB in altre repubbliche e all'estero. Così, da un giorno all'altro, una decisione criminale extragiudiziale venne assunta contro il partito politico, sotto la cui leadership erano stati creati lo Stato bielorusso, una produzione industriale e agricola avanzata, l'istruzione pubblica e sanitaria, la cultura nazionale e la scienza, il sistema statale di sostegno sociale e protezione della popolazione - tutto ciò di cui erano e sono orgogliosi i bielorussi.

Ma a differenza di altri "nuovi stati", in passato repubbliche dell'Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche, in Bielorussia questo oltraggio e questa illegalità furono rapidamente superati. Non riscontrando azioni illegali nel corso politico e nella pratica del PCB e della sua leadership, il Consiglio Supremo della Repubblica, sotto la pressione dell'opinione pubblica progressista, con la sua decisione del 3 febbraio 1993, dichiarò invalidata la sua precedente decisione di sospendere le attività della PCB-PCUS Pertanto, tutte le iniziative legali degli oscurantisti, che si definiscono "democratici", contro il nostro partito furono accantonate. Tuttavia, la precedente decisione "Sulla proprietà della PCB-PCUS” rimase in vigore.

Rimanendo fedele alle idee della Grande Rivoluzione Socialista d'Ottobre, facendo affidamento sulla scienza marxista-leninista dello sviluppo sociale, il 2 novembre 1996 i comunisti della Bielorussia hanno tenuto il XXXIII Congresso (I della Ricostruzione) del PCB, che ha creato la rinnovata organizzazione politica sotto il nome storico "Partito comunista della Bielorussia", dichiarandolo legittimo erede ideologico e politico della PCB-PCUS. VV Chikin è stato eletto primo segretario e E.E. Sokolov presidente del Consiglio.

L'attuale Partito Comunista della Bielorussia (Primo Segretario Sokol A.N., Presidente del Consiglio di Partito Kamai A.S.) ha un approccio equilibrato e scientificamente fondato sull'organizzazione e sulla costruzione di una società socialmente orientata e giusta, boicottata da traditori e voltagabbana all'inizio degli anni novanta del secolo scorso.

Nell'attuale situazione socio-politica, è il Partito comunista della Bielorussia a difendere coerentemente e su posizioni di principio l'ideologia del partito proletario, fedele agli ideali della lotta per gli interessi vitali dei lavoratori nelle difficili condizioni create dall'isteria anti-comunista dei cosiddetti “democratici”. Il PCB opera sulla base dell'esperienza unica della rivoluzione proletaria e della costruzione socialista accumulata dai comunisti non solo della nostra repubblica, ma dell'intera Unione Sovietica. Continua a lavorare in modo costruttivo per creare condizioni appropriate per lo sviluppo progressista del paese, svolge un ruolo costruttivo nel difendere gli interessi di coloro che, attraverso il loro lavoro e il loro talento, creano le fondamenta materiali e spirituali della costruzione di una Bielorussia forte e prospera.

Questo è molto importante nelle condizioni moderne dello sviluppo della repubblica, quando nei suoi confronti viene scatenata la guerra informativa e delle risorse, si esercitano costantemente pressioni politiche sulla direzione dello Stato bielorusso, ricatti e minacce. Ai confini della Bielorussia, negli Stati baltici e in Ucraina, il nazionalismo rialza la testa, viene avviata qualsiasi azione volta a scuotere le fondamenta e l'unità della civiltà slava, a liquidare le tradizioni comunitarie del nostro popolo.

Ecco perché il PCB ritiene che sia necessario unire gli sforzi di tutti i cittadini onesti del nostro paese per sostenere il capo dello Stato e la politica che sta perseguendo nell'interesse della maggioranza dei nostri compatrioti. Lavoratori dell'industria, lavoratori del complesso agro-industriale, impiegati delle istituzioni educative, sanitarie e sociali, scienziati bielorussi e figure culturali nazionali, studenti e imprenditori, tutti quelli che condividono l'idea di uno sviluppo sociale pacifico ed equo, al centro del quale si trova la persona con i suoi problemi, la libertà e l'uguaglianza davanti alla legge. Quelli che consideriamo la base sociale del nostro partito.

Il Partito Comunista della Bielorussia, che esprime gli interessi dei lavoratori, cerca di unirli nella lotta per la protezione dei loro diritti e delle loro libertà previsti dalle leggi in un unico movimento di classe sociale di massa, conferendogli un carattere consapevole e propositivo. Il partito sostiene l'unità, l'integrità e l'indipendenza della Repubblica di Bielorussia, la dignità nazionale, il benessere e la sicurezza dei suoi cittadini, la salute fisica e morale del popolo bielorusso, la libertà e l'uguaglianza sociale, la giustizia e l'umanesimo, il patriottismo e l'internazionalismo, il percorso socialista di sviluppo del paese.

* * *

La moderna Repubblica di Bielorussia in conformità con la Costituzione (Legge Fondamentale) è uno stato di diritto unitario, democratico sociale, esercita la piena autorità nel suo territorio e implementa una politica interna ed estera indipendente.

La Bielorussia intrattiene relazioni diplomatiche con 177 paesi del mondo ed è rappresentata da rappresentanze all’estero in 58 stati.Gli Stati esteri sono rappresentati in Bielorussia da 48 ambasciate, 4 filiali di ambasciate, 3 missioni commerciali, 40 uffici consolari; le organizzazioni internazionali da 17 uffici. Contemporaneamente sono accreditate 91 missioni diplomatiche straniere da Mosca, Vilnius, Varsavia e Kiev. La Bielorussia è membro delle Nazioni Unite (dal 1945), di un certo numero di organizzazioni specializzate, quali UNESCO, UNIDO, OMS, IAEA, ILO, UPU, OMPI e FMI (dal 1992), Movimento dei non allineati (dal 1998), CSI (dal 1991), Comunità economica eurasiatica (EurAsEC) (dal 2000).

La democrazia, il pluralismo politico (diversità di opinioni e partiti politici) sono assicurati nella repubblica, è rispettato il principio della separazione dei poteri tra esecutivo, legislativo e giudiziario (interagiscono tra loro, si frenano e si equilibrano a vicenda), esistono l'autogoverno locale e la diversità delle forme di proprietà.

Avendo preservato il potenziale sovietico, l'industria della repubblica si sviluppa: il 17% di tutte le mietitrebbiatrici del mondo, il 6% dei trattori e il 30% delle autocarri con cassone ribaltabile sono prodotti in Bielorussia ed esportati in Europa, America e Asia. Il settore industriale occupa una parte significativa dell'economia del paese, il 40%, e garantisce alla popolazione locale il 29% del totale dei posti di lavoro nel paese.

I rami più sviluppati del settore industriale della Bielorussia sono l'ingegneria meccanica (industria automobilistica, MAZ, BelAZ, produzione di unità di refrigerazione, televisori ATLANT, Horizont, Vityaz), lavorazione dei metalli, industria chimica e petrolchimica, industria mineraria (potassio e salgemma), industria elettrica, alimentare, lavorazione del legno e industria forestale.

L'agricoltura occupa un posto molto importante nell'economia del paese e fornisce quasi l'8% del PIL, impiega circa il 10% della popolazione attiva totale del paese. La maggior parte dei prodotti agricoli è fornita da grandi complessi agro-industriali, ex fattorie collettive e statali, che ricevono sovvenzioni e sostegno dallo Stato: sia la produzione agricola sia l'allevamento sono entrambi ben sviluppati in Bielorussia.

Grazie alla presenza di un enorme numero di capi di bestiame e di raccolti elevati, il paese non solo soddisfa pienamente le esigenze dei suoi abitanti per il cibo, ma è anche uno dei maggiori esportatori di prodotti agricoli nei paesi della CSI, nell'Unione Europea e in numerosi altri paesi del mondo.

* * *

La superficie della Bielorussia è di 207.600 chilometri quadrati. La lunghezza totale del confine di Stato è 3.617 chilometri, di cui 1.250 chilometri con l'Unione Europea. La popolazione ammonta a 9.491.800 abitanti (1 gennaio 2018).

Lo stato è costituito da 6 regioni - Brest, Vitebsk, Gomel, Grodno, Minsk e Mogilev, 118 zone rurali e 24 distretti urbani, 31 città, 77 villaggi, 1.440 consigli di villaggio.

Nella città-eroe di Minsk, essendo la capitale dello Stato, vive un quinto della popolazione del paese– 1.982.400 persone.

La Costituzione della Repubblica di Bielorussia sancisce il diritto di tutti a un tenore di vita dignitoso, sufficiente alimentazione, vestiario, alloggio e miglioramenti continui di tale condizione: con le sue risoluzioni, il governo approva il budget minimo di sussistenza e determina le misure per la protezione sociale dei cittadini a basso reddito.

In Bielorussia, viene prestata particolare attenzione ai più importanti diritti sociali ed economici come il diritto al lavoro, all'istruzione, alla protezione della salute e ad altro.

Il lavoro è dichiarato il modo più degno di autoaffermazione di una persona. Il diritto costituzionale al lavoro garantisce la scelta di una professione, di un lavoro in conformità con la vocazione, la capacità, l'istruzione, la formazione professionale e in considerazione delle esigenze sociali.

La politica statale nel campo dell'istruzione si basa sul rafforzamento dei principi guida dello sviluppo della scuola bielorussa, tra cui: la natura pubblico-statale della gestione, che garantisce il principio di giustizia, la parità di accesso all'istruzione, il miglioramento della sua qualità per tutti in ogni sua componente - prescolare, primaria, secondaria, supplementare superiore e post-laurea.Nel paese è stato creato un sistema sanitario accessibile e sviluppato che fornisce assistenza medica a tutta la popolazione, protezione speciale della salute di bambini, madri e anziani, prevenzione dell'inquinamento ambientale, ecc.

Molta attenzione viene posta al problema della garanzia dei diritti culturali.

Lo Stato bielorusso è caratterizzato da una politica, indirizzata ad assicurare l'uguaglianza sociale. A tal fine, vengono utilizzati vari mezzi: legali, economici, organizzativi e altri. Si realizza l'uguaglianza di tutti davanti alla legge e il diritto, senza alcuna discriminazione, a un'eguale protezione dei diritti e degli interessi legittimi; definizione delle partnership e interazioni tra governo, imprese e sindacati; l'assistenza è fornita a veterani, giovani, famiglie con bambini...

Le questioni relative all'ulteriore sviluppo dell'orientamento sociale dello stato sono incarnate nei messaggi annuali del Capo della Repubblica di Bielorussia al Parlamento bielorusso, dai materiali delle assemblee del popolo bielorusso, dalle leggi e da altri atti giuridici del potere statale.

Lo sviluppo sicuro della persona è possibile nelle condizioni di concordia nazionale, di assenza della violenza di carattere religioso, razziale, sociale o di altro genere. La preservazione della pace nella società, la risoluzione delle contraddizioni solo attraverso mezzi legali dipende dalla ragionevolezza delle autorità e di coloro che vi si oppongono.

In Bielorussia sono registrati 15 partiti politici (9 di questi sono all'opposizione nei confronti dell'attuale guida del paese), 37 sindacati, 7 organizzazioni pubbliche statali repubblicane, circa 150 fondazioni e oltre duemilasettecento organizzazioni pubbliche a livello locale, repubblicano e internazionale.

Servizio Stampa del Partito Comunista della Bielorussia