Il V Congresso del Partito Comunista della Repubblica Popolare di Donetsk

E-mail Stampa PDF

pcrpd congressoda wpered.su

Traduzione dal russo di Mauro Gemma

L'8 giugno si è tenuto a Donetsk il quinto congresso del Partito Comunista della Repubblica Popolare di Donetsk.

Oltre ai delegati, hanno preso parte al congresso i rappresentanti del Partito Comunista della Federazione Russa, del Partito Comunista della Repubblica Popolare di Lugansk, del Comitato Regionale di Donetsk del Partito Comunista dell'Ucraina e del Partito del Lavoro Turco (EMEP) . Anche il Partito Comunista Tedesco, il Partito Comunista dei Popoli di Spagna, il Nuovo Partito Comunista Britannico, il Partito Socialista dei Lavoratori della Croazia hanno inviato i loro saluti.

Il membro del Comitato centrale del PCFR Vladimir Rodin ha augurato successo ai lavori del congresso e ha consegnato onorificenze ai comunisti della RPD. A sua volta, il Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista della RPD, Boris Litvinov, ha conferito diplomi ai membri dei partiti comunisti della RPD e della Federazione Russa. Nel corso di una cerimonia i delegati del congresso hanno deposto fiori al monumento dedicato a Vladimir Lenin.







Nel suo discorso Boris Litvinov ha sottolineato che il partito lavora in condizioni difficili dal 2016. I rappresentanti del Partito Comunista della RDP sono stati privati dei loro mandati parlamentari, mentre il certificato di registrazione del partito è stato invalidato ed è stato frapposto ogni tipo di ostacolo per impedire la partecipazione dei comunisti alle elezioni. Secondo Litvinov, la ragione di ciò è la posizione di principio del Partito comunista, che solo nel socialismo vede una via d'uscita dall'impasse in cui si trova la RPD.

"Il programma del Partito Comunista della RPD, le decisioni dei congressi e delle assemblee plenarie del partito, il lavoro pratico dei comunisti e dei loro sostenitori determinano un approccio sistemico alla scelta della via d'uscita della RDP dallo stato attuale – una situazione di incertezza, di confusione negli obiettivi. Mentre indirizza le sue scelte verso un rinnovato socialismo, e cerca di spiegare ai residenti della Repubblica l'inevitabilità dello sviluppo di tale percorso, il partito individua compiti intermedi ", ha detto.



Boris Litvinov ritiene che nella prima fase sia necessario attuare le trasformazioni democratico-popolari coinvolgendo le grandi masse nella vita politica della Repubblica.

Di fronte alle difficoltà momentanee che ostacolano il partito, i delegati al congresso hanno rilevato che l'unità ideologica e organizzativa del partito deve essere rafforzata. È stato sottolineato che la difficile situazione sociale nella Repubblica, causata dalla guerra e dal blocco, sta inevitabilmente influenzando l'attività del Partito Comunista. Attualmente, solo 645 membri del partito si trovano nella Repubblica, e 237 sono fuori di essa. Inoltre, 167 persone sono state allontanate dal partito.

(…)

Anna Tuv, candidata al Premio Nobel per la Pace, ha rivolto ai delegati un discorso di saluto. È originaria di Gorlovka, dove un bombardamento ha ucciso suo marito e sua figlia. Attualmente, Anna Tuv vive in Russia ed è membro del Partito Comunista della Federazione Russa. I comunisti della RPD sono stati salutati anche da Tatiana Desyatova, coordinatrice dell'Interbrigata del comitato cittadino del Partito Comunista di Mosca.







Al congresso è stato eletto il Comitato Centrale di 42 membri. Dopo la sua conclusione, si è tenuto il Plenum organizzativo che è stato aperto dal più anziano membro del Comitato Centrale, Eduard Lyubimov, il quale ha proposto la candidatura di Boris Litvinov per la carica di Primo Segretario del Comitato Centrale, che è stata approvata all'unanimità. E' stato anche eletto il Presidium del Comitato Centrale, composto da 11 persone.