La Pravda intervista il Segretario del Partito Comunista della Repubblica di Donetsk

E-mail Stampa PDF

retinsky stanislav“Pravda”, Organo del Partito Comunista della Federazione Russada kprf.ru

Traduzione dal russo di Mauro Gemma per Marx21.it

Stanislav RETINSKY, segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista della Repubblica Popolare di Donetsk (KPDRN), risponde alle domande della Pravda.

- Qual è la situazione nella Repubblica Popolare di Donetsk (RPD) oggi? Quale è lo stato dell'economia e della finanza? Chi possiede le imprese e chi le controlla effettivamente? C'è un problema di occupazione dei lavoratori, in altre parole, c'è disoccupazione ed è grande? Qual è la situazione finanziaria della popolazione?


- Sebbene diverse decine di tregue siano state concordate a Minsk come parte del lavoro del gruppo di contatto, la parte ucraina continua a sparare sul territorio delle repubbliche. Naturalmente, ciò ha un effetto negativo sull'economia locale. A causa del blocco e degli attacchi incessanti da parte di Kiev, molte imprese rimangono o inutilizzate o operano a capacità limitata. Tutto ciò influenza il tenore di vita delle persone. Nella RPD, puoi trovare un lavoro, ma di solito è poco remunerato. Le prestazioni sociali sono ugualmente basse (di molte volte inferiori rispetto alla Russia). In compenso, i prezzi dei prodotti alimentari a Donetsk sono più o meno come a Mosca. È vero anche che nella RPD vengono distribuiti aiuti umanitari a chi ne ha bisogno, le tariffe per le utenze non aumentano, il prezzo del trasporto pubblico rimane basso.

All'inizio del 2017, il blocco economico del Donbass è aumentato notevolmente. A tale riguardo, nelle imprese di proprietà di oligarchi ucraini è stata introdotta una gestione esterna, che un certo numero di mass media ha erroneamente chiamato nazionalizzazione. Formalmente, le imprese sono diventate di proprietà statale, ma appartengono tutte alla “Vneshtorgservis”, dietro cui si trova Sergei Kurchenko, un oligarca ucraino fuggito in Russia dopo il colpo di stato a Kiev. È noto che è strettamente legato alla "famiglia Janukovich".

- La RPD come entità statale è giunta al quinto anno. Tuttavia, non è riconosciuta da nessuno, compresa la Federazione Russa. Qual è l'atteggiamento dei diversi settori della popolazione della RPD al suo, diciamo, status inusuale?

- Come quattro anni e mezzo fa, la RPD si trova in condizioni di incertezza. I residenti della regione di Donetsk, che hanno votato in un referendum l'11 maggio 2014, contavano sulla ripetizione dello "scenario della Crimea", ovvero l'ingresso nella Federazione Russa, cosa che non è avvenuta. Di conseguenza, si è sviluppata la seguente situazione: nell'ambito degli accordi di Minsk, la RPD fa parte dell'Ucraina, ma con uno status speciale. Secondo l'atto e la dichiarazione di indipendenza della repubblica, è stato predisposto il percorso per la costruzione di uno stato sovrano. Donetsk e alcune figure politiche russe, al contrario, parlano della necessità di integrazione reciproca tra il Donbass e la Russia. In altre parole, la repubblica non ha ancora un preciso corso di politica estera, il che, a sua volta, è la ragione dell'emergere di un senso di incertezza tra i residenti locali. Il popolo del Donbass è spaventato non tanto dai bombardamenti dell'artiglieria ucraina, che sopportano eroicamente per il quinto anno consecutivo, quanto dalla mancanza di chiare prospettive.

- In che modo il Partito comunista valuta le cause e le motivazioni che hanno spinto il Donbass a dichiarare la sovranità delle repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk? Si è mantenuta la precedente motivazione? Quale è oggi il rapporto della RPD con la sua sovranità statale?

- L' "Antimaydan" nel sud-est dell'Ucraina è stato la risposta al colpo di stato a Kiev. Allo stesso tempo, il proletariato ha partecipato agli eventi del Donbass non come una forza indipendente, ma come parte di un movimento democratico. La forza trainante è stata la piccola borghesia. Questa è la principale differenza tra "anti-Maidan" e "Euromaidan", che fin dall'inizio era governato dagli oligarchi. "Euromaidan" con disprezzo chiamava “bestiame” il proletariato del Donbass e ancor prima del colpo di stato aveva fatto incursioni nel sud-est, sperando di esportarvi la "rivoluzione". Poiché "Euromaidan" era sostenuto dagli oligarchi, compresi quelli di Donetsk, il proletariato è sceso in strada contro di loro. Nel Donbass risuonavano slogan anti-oligarchici, ma non erano causati da una protesta contro lo sfruttamento in quanto tale, ma contro i capitalisti che erano divenuti sostenitori e partecipanti a un colpo di stato.

Sebbene i residenti della repubblica siano stanchi di combattere, la maggior parte di loro non vuole tornare in seno all'Ucraina. La grande affluenza al voto referendario dell'11 maggio è stata in gran parte dovuta al colpo di stato a Kiev, come pure agli eventi del 2 maggio a Odessa e del 9 maggio a Mariupol, quando decine di persone sono morte per mano dei nazionalisti ucraini. Di conseguenza, la separazione dall'Ucraina è diventata una questione di sopravvivenza per il Donbass. Il governo di Kiev può pure parlare di una manifestazione dell '"aggressione russa" nel Donbass, ma i residenti della repubblica, in particolare delle regioni in prima linea, comprendono perfettamente che le forze armate dell'Ucraina stanno sparando proprio sui quartieri abitati da civili.

In tutto questo la Russia è meno coinvolta, perchè queste sono le ragioni dello scatenarsi del conflitto nel Donbass. L'Ucraina ha cominciato a cadere a pezzi sotto la pressione delle contraddizioni interne. L'emergere del paese entro i confini conservati fino al 2014, era stato possibile solo grazie al socialismo. Il rifiuto dell'attuale leadership ucraina del passato sovietico significa automaticamente l'abbandono delle frontiere stabilite durante i periodi dell'esistenza della Repubblica Socialista Sovietica Ucraina. Per un po 'di tempo, l'Ucraina borghese ha potuto mantenere il suo territorio integro, perseguendo una "politica multi-vettoriale", vale a dire di diversi centri di accumulazione del capitale. Non appena ha deciso di legarsi a uno di questi, è immediatamente sorto un conflitto interno con una significativa perdita di territorio.

Molto probabilmente, il processo di dissoluzione dell'Ucraina continuerà anche in futuro e senza che la Russia vi abbia una parte. La repubblica ne è ben consapevole, quindi i suoi abitanti, non importa quanto sia difficile oggi, non vedono il loro futuro all'interno dell'Ucraina. Basta ricordare il recente scandalo dell'emissione di passaporti ungheresi agli ungheresi ucraini che vivono in Transcarpazia. Prima ancora, molto prima del conflitto, la Romania aveva rilasciato passaporti ai residenti delle regioni di Chernivtsi e Odessa, e la Polonia ai residenti nell'Ucraina occidentale. Per quanto riguarda i residenti delle Repubbliche Popolari di Donetsk e di Lugansk che vivono nel Donbass, nessuno di loro ha ricevuto un passaporto russo.

L'atteggiamento classico nei confronti del Partito Comunista suggerisce che esso è principalmente un partito della classe operaia. Quale è l'atteggiamento del Partito Comunista della Repubblica di Donetsk (KPDRN) oggi nei confronti della classe operaia? Questo problema è tanto più importante perché alla fine degli anni '80 una parte dei minatori del Donbass aveva giocato un ruolo ostile nei confronti del governo sovietico. Quale è la dinamica del rapporto tra i minatori e il KPDNR?

- Uno dei problemi principali di tutti i partiti comunisti dello spazio post-sovietico è la mancanza di una forte connessione con il proletariato. Il Donbass non fa eccezione. L'ultima volta che la classe operaia locale si è manifestata politicamente come forza indipendente è stato a cavallo degli anni 1980-1990, quando si era opposta al potere sovietico. Allora i minatori del luogo organizzarono manifestazioni di massa, pronunciandosi essenzialmente per un cambiamento nelle pubbliche relazioni. E ancora le opinioni antisovietiche sono abbastanza comuni tra i lavoratori. Tuttavia, dall'inizio del 2014, i comunisti di Donetsk hanno svolto attività di propaganda e organizzazione nell'ambiente proletario.

I comunisti della RPD hanno partecipato all'organizzazione della più grande manifestazione di minatori, che si è svolta a Donetsk il 28 maggio 2014. Circa un migliaio di minatori hanno marciato per protestare contro l'operazione "anti-terrorismo" nel Donbass. Questo è successo due giorni dopo l'attacco contro la città scatenato dall'aviazione di Kiev. I combattimenti hanno aumentato significativamente il rischio di emergenza nelle imprese. I proiettili hanno colpito gli impianti seminando morte tra i minatori, che sono scesi subito in piazza per protesta. Nel novembre 2015, a Khartsyzsk, con la partecipazione del comitato cittadino locale del Partito Comunista, si è tenuta una riunione dei lavoratori della fabbrica di tubi, per opporsi alla chiusura dell'impresa, che all'epoca apparteneva all'oligarca ucraino Rinat Akhmetov. Faccio notare che il presidente del sindacato dei lavoratori dei trasporti della RPD è il secondo segretario del Comitato Centrale del partito, Anatoly Khmelevoy. Sotto la sua guida, il sindacato è stato in grado di difendere ripetutamente gli interessi dei lavoratori del settore.

- Le relazioni della RPD con la Russia non sono certamente semplici per molti aspetti. Puoi spiegare come interagiscono la repubblica non riconosciuta e la repubblica russa, i popoli del Donbass e della Russia, il Partito Comunista della Repubblica di Donetsk e il Partito Comunista della Federazione Russa?

- In effetti, le relazioni con la Russia non sono semplici su diversi piani. Faccio un esempio. Il carbone estratto nella repubblica è fornito non tanto al mercato russo, quanto attraverso i porti marittimi nella regione di Rostov al mercato mondiale. Il fatto è che il rafforzamento dei legami con la Federazione Russa consente di risolvere solo alcuni dei problemi economici del Donbass, ma non tutti. I problemi nell'industria carbonifera della Russia stessa, inclusi i problemi relativi alla vendita, non sono inferiori a quelli delle repubbliche popolari. Basti ricordare che recentemente i minatori di Rostov hanno protestato chiedendo il pagamento degli arretrati salariali.

Per quanto riguarda il Partito Comunista della Federazione Russa, ci fornisce grande sostegno. I membri del KPDNR hanno l'opportunità di ricevere formazione presso il Centro per gli studi politici del Comitato Centrale del Partito Comunista della Federazione Russa e negli strumenti di comunicazione comunisti, di partecipare a eventi di partito: riunioni plenarie, congressi, riunioni. I contatti sono stati stabiliti non solo tra la leadership dei partiti, ma anche tra i loro comitati regionali. La collaborazione è stata stabilita anche tra organizzazioni di giovani, donne e veterani. Grazie al PCRF, il nostro partito è diventato un osservatore dell'Unione dei Partiti Comunisti-PCUS http://skpkpss.ru/. Inoltre, i comunisti russi hanno riconosciuto i risultati del referendum dell'11 maggio 2014 e forniscono regolarmente assistenza umanitaria al Donbass.

- La Pravda ha recentemente pubblicato un articolo dello storico Georgy Ruban, segretario di uno dei comitati distrettuali del Partito Comunista della Repubblica Popolare di Donetsk, nel quale si riferisce che la Commissione elettorale centrale della Repubblica ha impedito la registrazione del Partito Comunista della RPD. Cosa significa questo, oltre al fatto che il partito non ha potuto partecipare alle elezioni? Quale è lo stato attuale del Partito Comunista della Repubblica Popolare di Donetsk?

- Sin dal momento della sua formazione, il Partito comunista ha lavorato in condizioni difficili, ma oggi la sua posizione è notevolmente peggiorata. La revoca del certificato di registrazione rilasciato dalla CEC nel 2014, ha messo fuori legge il Partito Comunista nella RPD. Pertanto, la sua posizione legale è persino peggiore di quella del Partito Comunista di Ucraina (PCU). Là sono vietati i simboli comunisti, ma non il partito. Il processo contro il PCU stesso è ancora in corso.

Anche i comunisti della Repubblica Popolare di Donetsk hanno intentato una causa in tribunale e intendono chiedere l'abrogazione della decisione della Commissione elettorale centrale.

- Nella situazione attuale, quale posizione ha assunto il KPDNR in relazione alle recenti elezioni?

- Sebbene il partito non sia stato ammesso alle elezioni, non ha invitato al loro boicottaggio. In ogni caso, il fatto che si siano svolte parla della continuazione del corso scelto nel 2014. Allo stesso tempo, il KPDNR non ha appoggiato nessun candidato e movimento, perché comprende perfettamente che nessuno di questi difende gli interessi della classe lavoratrice. Al congresso del partito è stato deciso che ciascun membro avrebbe preso una propria decisione in merito alla sua partecipazione o meno alle elezioni.

- Nell'agosto 2018, il primo ministro della RPD, Alexandr Zakharchenko, è stato ucciso in un attentato terroristico. In che modo la sua morte ha influito sulla situazione all'interno della repubblica?

- Per valutare la situazione attuale nella repubblica, è necessario innanzitutto dare una valutazione della personalità di Alexandr Zakharchenko. Come accennato in precedenza, la forza trainante dello scontro nel Donbass è stata la piccola borghesia, che ha cercava di impossessarsi del mercato e dei grandi affari. Alexandr Zakharchenko, anch'egli provenientedagli strati piccolo-borghesi, ha guidatp questo movimento. Ma per riconquistare il mercato dagli oligarchi ucraini, è stato necessario sfidare il gruppo imperialista che vi sta dietro. Di conseguenza, il primo ministro della RPD, che lo volesse o meno, è stato obbligato a guidare la lotta antimperialista.

Nella RPD, per qualche tempo è stato possibile realizzare l'idea piccolo-borghese di preservare le relazioni di mercato, ma senza oligarchia. Tuttavia, senza andare avanti, cioè senza muoversi verso il socialismo, un ritorno allo sfruttamento da parte del grande capitale è inevitabile. Ora Sergey Kurchenko sta cercando di conquistare il controllo del mercato in mano a Rinat Akhmetov. Ha tentato ripetutamente di assumere il controllo dell'esportazione del carbone e dei metalli dalla RPD. Alexandr Zakharchenko aveva almeno cercato di limitare queste aspirazioni. Oggi, a quanto pare, la posizione di Sergey Kurchenko nel Donbass è significativamente rafforzata.

- Quale ruolo nella vita della RPD e nel prestigio del locale Partito Comunista tra la popolazione è svolto dagli aiuti umanitari, che regolarmente vengono inviati nel Donbass dal Partito Comunista della Federazione Russa?

- L'importanza dei convogli umanitari per i residenti della RPD è molto difficile da valutare. In ogni caso, il Partito Comunista della Federazione Russa è l'unica forza politica russa che ha fornito assistenza sistematica al Donbass durante il conflitto. Per quanto lo riguarda, il KPDNR non partecipa alla distribuzione delle merci da più di due anni, dal momento che, da ottobre 2016, se ne occupa esclusivamente il Ministero delle situazioni di emergenza. A nostro avviso, oggi i comunisti russi dovrebbero concentrare i loro sforzi nel fornire assistenza mirata: per il ripristino di strutture distrutte, il trasferimento di merci verso istituzioni sociali, la creazione e lo sviluppo di imprese popolari, ecc. I comunisti della RPD sono pronti ad aiutarli in ogni modo.

- Quali sono le prospettive per il KPDNR dal momento che non esiste una legge sui partiti nella repubblica e non ci sono altri partiti oltre a quello comunista? Il vostro Comitato centrale considera la questione della registrazione del movimento comunista nella RPD come condizione per l'esercizio delle attività legali delle forze comuniste della repubblica?

- Non abbiamo ancora preso in considerazione una simile questione. Il Partito Comunista della RPD auspica l'adozione di una legge sui partiti politici. I comunisti sanno bene che per portare a compimento la lotta antimperialista nel Donbass, cioè per portarla alla rivoluzione socialista, solo il proletariato guidato dal suo partito può farlo. Pertanto, oggi il KPDNR si propone di lavorare per il rafforzamento delle organizzazioni di base, per l'aumento della disciplina di partito e per l'ingresso nei suoi ranghi di sostenitori del percorso di sviluppo socialista del Donbass. In uno dei paragrafi della Dichiarazione di sovranità della Repubblica Popolare di Donetsk, il cui autore è il primo segretario del Comitato centrale del KPDNR Boris Litvinov, si parla, in realtà, dell'abolizione della proprietà privata dei mezzi di produzione nella RPD. E il Partito Comunista si impegnerà a raggiungere questo obiettivo, indipendentemente dal fatto che piaccia o meno a qualcuno.