Due concezioni totalmente diverse del comunismo: Problema vero o falso?

E-mail Stampa PDF

pcf parigi manifestazionedi Jean-Claude Delaunay (Economista, Vice presidente del World Association for Political Economy) per Marx21.it

Traduzione a cura di Lorenzo Battisti

Nell’attesa di poter conoscere il documento approvato dal Congresso del Pcf, e di leggerne le differenze rispetto a quello sottoposto al dibattito congressuale, Marx 21 propone questa analisi sociologica e politica delle posizioni che si scontrano in questo congresso. Sebbene l’oggetto dell’articolo sia il Pcf, queste distinzioni caratterizzano tutti i partiti comunisti europei, sebbene prendano forme e forza differente nei vari paesi.


I 3 temi più importanti per me nella preparazione del Congresso del Pcf sono:

1) Le concezioni del comunismo che si scontrano nei testi.
2) La posizione del PCF nei confronti dell'Unione europea.
3) La reinstallazione del PCF nelle aziende.

Mi limiterò a dire qualche parola sul primo punto dandomi un vincolo di brevità. Come cercherò di mostrare, dietro le differenze nella concezione del comunismo, c'è un altro argomento, di portata più immediata.

Ci sono oggi due concezioni radicalmente diverse del comunismo.

Che significato hanno?

Ecco una tabella che cerca di riassumere queste due concezioni:


Punti di distinzione

Concezione 1

Il comunismo è sotto i nostri occhi

Concezione 2

Il comunismo deve essere costruito

Ci vuole un partito comunista per arrivare al comunismo?

No, basta un'iniziativa comunista all'interno dei movimenti sociali.

Sì, un Partito Comunista è essenziale

Per quali motivi?

I comunisti non devono dire ai movimenti sociali cosa fare

I comunisti sanno che l'ideologia delle classi dirigenti è l'ideologia dominante. Devono neutralizzarla e avanzare proposte diverse.

Il marxismo non è una guida alla riflessione e all'azione?

No. Il marxismo non e' una garanzia di scientificita'. È uno strumento tra gli altri, anche se contiene importanti intuizioni. Molti errori sono stati commessi in suo nome. Dobbiamo fidarci delle masse e non del marxismo.

Il marxismo è essenziale, senza essere una chiave che apre tutte le porte. Uno scienziato è sempre attento. Questa scienza sociale, che si basa su un'osservazione esigente e costantemente rinnovata, fa tuttavia luce su alcune condizioni necessarie per costruire il comunismo. Resta da completare queste condizioni necessarie e lavorare in condizioni sufficienti. È necessario stabilire un rapporto dialettico tra il movimento delle masse e il marxismo.

Quali sono, secondo queste concezioni, le maggiori forze sociali di cambiamento sociale o rivoluzione?

Queste forze sociali sono molteplici. Essi formano il popolo, che è l'incontro poliedrico di coloro che agiscono per cambiare la società. La nozione di popolo è imprecisa. Deve essere sovradeterminata da "valori". Così possiamo distinguere tra il popolo di sinistra e il popolo di destra. Il popolo di sinistra è quello che rifiuta tutte le dominazioni. Il dato dello sfruttamento è cancellato dietro quello della dominazione. La classe operaia non è niente di speciale se non fosse che ora è permeata da un'ideologia nazionalista e xenofoba. Il comunismo è la negazione assoluta del capitalismo. La sua attuazione richiederà tempo ed energia. Il socialismo è la prima grande fase di questo processo. Le forze sociali con un interesse per il socialismo sono quelle che sono sfruttate e/o dominate nell’attuale modo di produzione capitalistico. Queste forze sociali sono classi, popoli, nazioni, stati. La classe principale è la classe operaia, un nucleo potenzialmente rivoluzionario e attivo all'interno della forza lavoro. Uno dei ruoli del PCF è quello di contribuire alla sua presa di coscienza della società così com'è e alla sua azione. Deve inoltre contribuire all'unità dei lavoratori.

Quali sono le basi principali di queste concezioni?

Ce ne sono 3 principali:

   1) Un fondamento storico: l'esperienza del socialismo sovietico, il suo crollo, i "crimini di Stalin".

   2) Una base teorica: le attuali teorie della personalità. L'individuo diventa l'unità attiva e imprevedibile delle società moderne.

   3) Una base tecnologica: le tecnologie avanzate rafforzano questo tipo di individualità.

Ce ne sono 4 principali:

1) Il marxismo-leninismo è imperscindibile nel momento attuale, perché il capitalismo è ancora dominante. È un'illusione credere che il comunismo possa crescere sul terreno capitalista. 2) Come tutte le cose sociali, l'esperienza sovietica è una questione di analisi e di storia. Deve essere confrontato con la controrivoluzione dopo il 1917. 3) Il capitalismo è in profonda crisi. In un tale contesto, la cecità sociale è massima. Il Partito Comunista deve illuminare il cammino delle lotte, far crescere la coscienza dei lavoratori. I comunisti, sul terreno, stanno conducendo la battaglia anticapitalista e non impongono nulla a nessuno. 4) Le moderne tecnologie aprono grandi opportunità rivoluzionarie. Ma è necessario costruire i necessari rapporti sociali.

Quali sono le critiche che i fautori di queste concezioni potrebbero farsi l'uno con l'altro?

A nome di C2: Siete nell'illusione più completa sulla capacità dei movimenti sociali di costruire il comunismo. Questo vi porta a subordinare l'azione comunista ai movimenti sociali e a trascurare la classe operaia. Voi criticate l'estrema destra, ma le portate nuove truppe. Per voi, la nazione è il nemico. La vostra ideologia politica è quella del trotskismo. Ha fatto del PCF il partito di questa frazione dei salariati che, quando è isolata, corrisponde ai salariati della piccola borghesia.

A nome di C1: Le vostre concezioni sono solo formule prese dai libri. Vi credete intelligenti ma in realtà siete degli "psico-rigidi". Inoltre siete pericolosi. Volete imbarcare il popolo nelle fantasticherie della vostra mente e non nelle lotte che la realtà suggerisce. Siete degli stalinisti e dei burocrati. Vivete nell'illusione e nella fede nella nazione. Oggi la nazione francese non può trascendere dall'Europa.


Questa tabella è senza dubbio estremamente criticabile. Detto questo, per riassumere ulteriormente le differenze, direi che i fautori della concezione 1 accusano i loro oppositori ideologici di voler imporre alla società le proprie concezioni, che deriverebbero dalla loro immaginazione. Questo fatto comporta un doppio rischio. Quella del comportamento dittatoriale in caso di presa di potere e quello, più probabile poiché, dicono, non ci sarà mai una presa del potere con questa concezione, il rifiuto dell'ideale comunista da parte delle masse popolari.

Al contrario, i sostenitori della concezione 2 accusano i loro protagonisti di essere alla guida del PCF da quasi 20 anni senza aver ottenuto altro che l'annientamento quasi totale del PCF e dell'ideale comunista. Il loro appetito per il movimento sociale li avrebbe portati a confondere le questioni sociali e civili, a impegnarsi in alleanze e costruzioni politiche che sarebbero tutte sfociate in fallimenti, ad abbandonare la classe operaia, ormai espulsa dal loro sistema di pensiero, a non capire molto sia sulla natura dell'Unione Europea che sui cambiamenti in atto nel mondo. Il significato della Cina, ad esempio, gli sfugge completamente.

Come sostenitore della concezione 2, mi interrogo sulle ragioni della formazione della concezione 1 e su ciò che significa.

Motivi e significati della comparsa della concezione 1

Le ragioni addotte dai sostenitori della concezione 1 sono di natura teorica o sperimentale. La forma assunta, ad esempio, dal socialismo di tipo sovietico nella prima metà del XX secolo è certamente una delle ragioni più importanti che essi invocano. Il libro di Blottin e Maso, di cui ho parlato tempo fa, illustra il mio punto di vista. Detto questo, è forse ancora più importante comprendere la base sociale di questa concezione.

Questa base risulta, a mio avviso, dalla formazione, all'interno del capitalismo sviluppato, di nuove categorie salariali, distinte dal proletariato che Marx ed Engels potevano osservare e teorizzare. In un dato contesto di crisi del capitalismo e del livello di lotta ideologica, questa innovazione sociologica ha portato all'attuale configurazione del PCF e permette di spiegare almeno in parte l'impasse in cui si è imbarcato.

Non spiegherò il processo di nascita di queste categorie retributive. Osserverò solo alcuni elementi che le caratterizzano.

1) Il loro tempo di formazione prima di entrare nel mercato del lavoro è sempre più lungo

2) L'acquisizione di questa conoscenza richiede uno sforzo personale e non esiste per altra persona diversa da quella che la porta. Scompare con lei.

3) La loro formazione si traduce generalmente in un reddito superiore a quello del proletariato tradizionale, che è soggetto, al contrario, a rapidi movimenti di dequalificazione.

4) L'accumulo individualizzato di conoscenze ha certamente contribuito all'individualizzazione delle società sviluppate.

5) Le classi dirigenti, grazie al mercato, hanno orientato verso il consumo questo processo di individualizzazione nato nella produzione. Sono poi riusciti a creare individui iperindividualizzanti, fenomeno studiato in particolare dal marxista M. Clouscard.

6) Queste nuove popolazioni salariali sono quindi diventate sempre più diverse dal salariato tradizionale della produzione, sia in termini di reddito medio che di conoscenze, di capacità di acquisire beni, di ruolo nella produzione e nel consumo, di essere sociale.

7) Tuttavia, queste nuove popolazioni hanno avuto un'esperienza molto contraddittoria. Da un lato, sono stati risucchiati dalle classi detentrici. Ma d'altra parte, ne hanno sofferto, ne soffrono la sua dominazione implacabile e le sue costrizioni.

8) Per mettere questo in prospettiva, agli inizi degli anni '60, gli economisti americani cominciarono a teorizzare quello che oggi viene chiamato capitale umano (Schultz, 1961; Becker, 1964). Bourdieu, da parte sua, teorizzò il concetto di capitale culturale, distinguendolo da quello che egli chiamava capitale sociale (1972).

La conclusione è che questo nuovo salariato ha potuto percepire, nel tempo, di trovarsi sia nel sistema capitalistico, sia al di fuori di esso. Come la piccola borghesia con beni materiali, questi lavoratori dipendenti hanno beni immateriali. Ma è ancora "una classe di troppo". Si trova nella stessa duplice posizione della piccola borghesia del XIX secolo. Da un lato, la borghesia globalizzata ha bisogno di questa manodopera salariale per gestire sistemi sempre più complessi e produrre valore aggiunto. Ma non gli importa se trova una forza lavoro equivalente e meno costosa nel mondo, o se il progresso tecnologico può assumerne le funzioni.

I problemi che stiamo vivendo oggi all'interno del partito comunista francese mi sembra che riflettano in parte gli effetti di questa nuova configurazione del lavoro salariato, nel contesto concreto, economico, politico, ideologico e storico del nostro tempo. Ecco la mia tesi in tre punti.

1) La classe operaia classica è totalmente soggetta al Capitale. Nel contesto della globalizzazione capitalistica, i suoi membri vogliono riprendere il controllo del processo decisionale che li riguarda. Questo è il quadro che conoscono. È quello della loro vita. Ascoltano quindi ogni proposta politica che apra loro una prospettiva, vera o falsa, di sopravvivenza nazionale. A loro non interessa la globalizzazione, che li sta uccidendo. Non s ne fanno nulla a fortiori della globalizzazione capitalista.

2) D'altra parte, il nuovo salariato, anch'esso totalmente soggetto al Capitale per definizione di salariato, è il detentore di un patrimonio che tende a differenziarlo dal proletariato classico e lo porta a pensare che la sua condizione non sia così lontana da quella dei capitalisti dominanti. Inoltre, il socialismo sovietico è stato vissuto da esso come la negazione radicale della libertà di pensare e di esistere come individuo. Infine, la fase della destalinizzazione, mal gestita dall' ex dirigenza comunista, non lo ha affatto rassicurato e, al contrario, "lo ha spaventato a morte".

3) Ora devo collegare questi fenomeni alle posizioni assunte dall'attuale leadership del PCF e all'impasse in cui è entrata.

A mio avviso, il punto di partenza teorico del cambiamento avvenuto alla fine del XX secolo è che i leader comunisti non hanno capito che cosa fosse la globalizzazione contemporanea. Hanno interpretato questo processo come l'espressione necessaria, quasi tecnica del movimento delle forze produttive e non come l'espressione dettagliata e sociale della crisi della struttura capitalistica. Come risultato, il fatto nazionale è scomparso dal loro pensiero. Non capivano che gli Stati e le nazioni erano realtà essenziali per il funzionamento del mondo moderno, anche se le forze produttive implicavano la necessità di stabilire nuove relazioni tra loro. Sono stati fatti prigionieri dall'ideologia dominante. Se il proletariato classico era incline a soluzioni nazionali, poteva esserlo solo a causa del ritardo mentale di questi strati. La leadership del PCF ha messo radici nella globalizzazione. È diventata europea nel senso dell'UE.

Da parte loro, i nuovi ceti salariali hanno seguito il movimento guidato dalla grande borghesia globalizzata. Hanno intravisto i benefici. La morte del socialismo storico non li ha rattristati. Qualcuno potrebbe anche aver pensato che sostituire le idee di Marx con quelle di Proudhon avrebbe permesso un nuovo respiro intellettuale. Detto questo, hanno percepito che il sistema capitalista era pronto a sacrificarli in qualsiasi momento. Alcuni di loro hanno cercato di contestarlo.

Questo, mi sembra, è il modo di interpretare l'evoluzione seguita dalla gestione del PCF. Quest'ultimo era il partito dei lavoratori. Ha cercato di farne parte questa nuova frazione della forza lavoro, perché la forza lavoro tradizionale era decisamente troppo ignorante. Con lo scopo principale di sostenere i movimenti sociali, ha trasformato il PCF in un partito elettorale. Poi, trovandosi in concorrenza con altri partiti politici, ha ritenuto opportuno dotare questa organizzazione di un logo speciale, quello del comunismo, di cui ho descritto le caratteristiche principali (concezione 1), un comunismo rassicurante, un comunismo che non avrebbe messo in discussione la libertà di tutti, un comunismo che difficilmente avrebbe messo in discussione il capitalismo, un comunismo che sarebbe stato lì, appena fuori dalla porta o nei prati vicini, un comunismo quasi gioioso verso cui correre velocemente per calpestare fin da ora quelle distese verdi.

Il problema trattato da queste due concezioni del comunismo non sarebbe quindi tanto quello della definizione del comunismo quanto quello dell'alleanza, percepibile da oggi, o al contrario della rottura, tra i proletari nel senso classico del termine e i nuovi salariati. La concezione difesa da Pierre Laurent e dai suoi amici copre in realtà il fatto che queste due grandi componenti del lavoro salariato contemporaneo si sono allontanate l'una dall'altra. La ragione politica richiede che si ponga fine a questa dannosa frattura.

Conclusione

Il segreto dell'attuale forza della grande borghesia, nonostante la crisi essenziale a cui è sottoposta, sta nella divisione esistente all'interno della forza lavoro. Naturalmente, risiede anche nel contenuto. Perché, per superare ciò che attualmente separa i segmenti della forza lavoro e riduce la loro capacità complessiva di cambiare la società, sarà ancora necessario sviluppare i contenuti appropriati. Credo che l'obiettivo a cui il PCF deve dedicarsi sia quello di costruire il socialismo su base nazionale. Il comunismo nello stile di Pierre Laurent o Lucien Sève è fatto di vento. Aymeric Monville ne ha recentemente fatto un'analisi che trovo molto rilevante, anche se penso che non sia sufficientemente attento al suo significato sociologico.

Allo stesso tempo, dobbiamo prendere molto seriamente i timori espressi o vissuti da questi nuovi lavoratori per preservare la loro individualità e la loro capacità di pensare e vivere liberamente. La dittatura del popolo, che è la rigorosa affermazione della volontà generale, nel senso rousseauista del termine, è una condizione necessaria per rompere con il capitalismo. Ma deve anche essere uno stato di diritto, un diritto nuovo, attuato e difeso da giudici integri, a differenza di quanto si può osservare oggi in Francia. Perché quello che vediamo oggi in questo paese non è solo la crisi economica del sistema capitalista. È la sua crisi politica, la crisi della democrazia borghese. Deve essere sostituita dalla democrazia popolare, che è una democrazia di persone veramente uguali. Tuttavia, riunire individui uguali non significa necessariamente riunire individui identici. L'unità profonda della forza lavoro è, a mio avviso, uno dei temi principali sulla base dei quali dovrà essere effettuata la prossima ricostruzione del PCF.