Per una Brexit popolare

E-mail Stampa PDF

griffiths pcgranbretagnadi Robert Griffiths, Segretario generale del Partito Comunista Britannico (Communist Party of Britain)

da collectif-communiste-polex.org

Traduzione di Mauro Gemma per Marx21.it

Discorso pronunciato il 17 novembre 2018 al 55° Congresso del Partito Comunista Britannico (Communist Party of Britain)

Compagni,

Questo 55 ° Congresso del Partito Comunista si riunisce in un momento critico per la classe operaia e il popolo della Gran Bretagna e per gli sfruttati e gli oppressi del mondo capitalista.


Centosettanta anni fa, Marx ed Engels affermavano nel Manifesto comunista che la classe operaia di ogni nazione deve prima sistemare le cose con la propria borghesia, vincere la battaglia della democrazia, sostituire la classe capitalista come classe dominante nella società.

Gli eventi degli ultimi giorni sottolineano perché sia urgente farlo nei nostri tre paesi (Inghilterra, Scozia e Galles).

Secondo tutte le analisi e le definizioni, la maggioranza degli elettori della classe lavoratrice in Gran Bretagna ha votato nel giugno 2016 per lasciare l'Unione europea.

La ragione principale per averlo fatto è consistita nel desiderio popolare di ripristinare così l'autogoverno sovrano, nella pratica.

I cittadini volevano che i nostri parlamenti e i governi democraticamente eletti in Gran Bretagna fossero liberi di decidere le politiche che hanno un impatto così profondo sulla vita della maggior parte delle persone

Sì, molti elettori volevano anche la sovranità per limitare l'immigrazione dall'Europa orientale, credendo erroneamente che questo fosse il fattore principale che minava le condizioni di lavoro, che esercitasse debilitante pressione sui servizi pubblici e spingesse la struttura sociale britannica oltre i limiti della capacità finanziaria.

Ma la risposta appropriata a queste preoccupazioni non è quella di definire 17,4 milioni di persone come bigotti e razzisti ignoranti e poco istruiti, che possano essere guidati da Nigel Farage e Boris Johnson.

La risposta appropriata e progressista consiste nello spiegare in che modo i problemi sociali ed economici britannici profondi e di lunga data - povertà, disuguaglianze palesi, insicurezza cronica, servizi pubblici sottofinanziati, sotto-investimenti nell'industria produttiva e nella tecnologia moderna - derivino dal sistema di classe capitalista stesso.

Come noi, comunisti, sappiamo bene, il capitalismo si basa sullo sfruttamento da parte di pochi della forza lavoro della maggioranza. Come sistema, il capitalismo genera sessismo, razzismo, crisi, militarismo e guerra. Quando lo ha ritenuto necessario e possibile, si è rivolto al fascismo per proteggersi dalla rivoluzione.

Sin dai tempi del Manifesto Comunista, il suffragio universale e altri diritti democratici sono stati conquistati in Gran Bretagna da cartisti, suffragette, sindacalisti, liberali, socialdemocratici, socialisti e comunisti.

La classe capitalista al potere ha da tempo dovuto affrontare la sfida - e il potere potenziale - della democrazia dei lavoratori.

Lo ha fatto soprattutto a livello nazionale, là dove risiede il potere dello stato, sempre con successo fino ad ora, ma spesso al prezzo di compromessi e concessioni.

Ciò che le grandi classi capitaliste dell'Europa occidentale hanno sviluppato oggi, tuttavia, è un modello che pone le aree vitali del processo decisionale al di là della portata di parlamenti e governi democraticamente eletti.

L'autorità è stata trasferita a un apparato internazionale di istituzioni non elette e non responsabili, progettato per proteggere gli interessi capitalistici da qualsiasi minaccia democratica nei loro confronti.

Sì, la classe operaia e il popolo possono eleggere i loro consigli locali, nazionali e centrali, i loro parlamenti e i loro governi. Possono persino eleggere un falso Parlamento europeo.

Ma tutti gli organi eletti devono agire secondo regole, direttive e trattati sempre più severi dell'Unione europea, controllati dalla Commissione europea, dalla Banca centrale europea e dalla Corte di giustizia europea.

Inoltre, i trattati fondamentali dell'UE sono irriformabili a meno che i governi progressisti e di sinistra possano ottenere mandati in tutti gli Stati membri più potenti nello stesso momento e resistere all'enorme pressione che le grandi aziende potrebbero esercitare.

In Gran Bretagna, la realtà del momento è che un governo conservatore in gran parte pro-UE ha negoziato una finta Brexit con la burocrazia antisocialista dell'Unione Europea a favore del mercato e della linea dura. Ha risposto ai desideri dei più potenti circoli monopolistici del capitale in Gran Bretagna - le banche, le grandi corporazioni, il CBI, l'Istituto di amministrazione - rappresentati nel comitato consultivo delle società creato dal primo ministro Theresa May e dal cancelliere Phillip Hammond.

Le grandi imprese vogliono che la Gran Bretagna si avvicini il più possibile al mercato unico dell'UE e all'unione doganale e alle loro "libertà" commerciali - la libertà di esportare capitali, di stabilirsi ovunque, di commerciare senza un minimo di regolamentazione e di superfruttare lavoratori migranti.

Per la classe capitalista, una Brexit fasullo è migliore di una vera Brexit, anche se la prima scelta non sia stato una autentica Brexit. Ecco perché, se la falsa Brexit di maggio e Michel Barnier fossero stati sconfitti alla Camera dei Comuni, le grandi compagnie avrebbero appoggiato pienamente la campagna per un secondo referendum.

“The Morning Star” (la testata storica dei comunisti britannici, NdT) ha già dimostrato come quella che viene definita la cabala del voto popolare sia regolata dalle stesse politiche e gli stessi sacchi di denaro che hanno diretto e finanziato la campagna di "Remain in Europe" nel referendum.

Il loro obiettivo da allora è sempre stato quello di denigrare, bloccare e rovesciare il voto popolare che la classe dirigente non ha gradito nel giugno 2016.

Pensano, come l'Unione Europea, che i cittadini debbano votare, votare e votare ancora fino a che si trovi l'unica risposta accettabile. Il popolo deve imparare ad amare il "Grande Fratello".

La cosa tragica è che per più di due anni il partito laburista non ha difeso la democrazia e la sovranità popolare, nonostante l'appello di Jeremy Corbyn, la mattina del referendum, perchè il voto del popolo fosse applicato senza indugio.

La sua posizione di principio quel giorno ha spinto la grande coorte di parlamentari laburisti pro-UE, NATO, armi nucleari e austerità a scatenare la corsa alla leadership sindacale.

E da allora, questi stessi elementi hanno condotto una guerra di infimo livello all'interno del gruppo parlamentare del Partito Laburista per difendere gli interessi della classe dominante nella sua lotta contro Corbyn, John McDonnell, la democrazia, la sovranità popolare e la maggioranza della classe lavoratrice.

Questi deputati laburisti antidemocratici, anti-operai e anti-socialisti capiscono fin troppo bene che le regole del mercato unico e dell'unione doganale dell'UE sono un grosso ostacolo a molte delle politiche progressiste e di un governo laburista di sinistra.

Come il Partito comunista ha sottolineato nel dettaglio, i piani per la rinazionalizzazione del partito laburista, i fondi di investimento sponsorizzati dallo stato, l'indirizzo degli investimenti di capitale, la politica di sviluppo regionale, la regolamentazione del commercio, la ristrutturazione dell'IVA e l'uguaglianza legale dei lavoratori migranti sono in contrasto con le leggi europee esistenti.

Il Consiglio consultivo aziendale del governo conservatore, il CBI e la City lo sanno e la Commissione europea lo ha ricordato loro. Ecco perché temono una vera Brexit - una Brexit del popolo - e vogliono una Brexit falso o, meglio ancora, niente Brexit del tutto.

Queste sono le politiche di classe dell'Unione Europea. L'UE rappresenta gli interessi comuni, l'"internazionalismo" reazionario – vale a dire l'imperialismo - delle classi capitaliste dell'Europa occidentale.

Gli interessi comuni - l'internazionalismo proletario - dei lavoratori e delle loro famiglie in tutto il mondo, dei loro sindacati e dei loro partiti comunisti e operai sono opposti.

Questo è il motivo per cui il Partito Comunista deve concentrare tutte le sue energie nella campagna per una Brexit del popolo, che sarà lanciata in una grande manifestazione a Londra.

Sì, vogliamo la libertà di viaggiare attraverso l'Europa, con tutti i diritti di residenza e cittadinanza per tutti coloro che vivono qui.

Sì, vogliamo che la cooperazione sociale, educativa, scientifica, ambientale e culturale non solo continui, ma si espanda.

Ma non al prezzo della libertà dei cittadini di eleggere un governo di sinistra con politiche di sinistra; non nel contesto di una "Fortezza Europa" che discrimina l'immigrazione nera non europea; non come firmatari di una politica estera e di difesa comune che ci blocchi in nuove strutture militari europee, nella politica della NATO e nel riarmo attraverso i protocolli di un trattato irrevocabile.

Vogliamo una Brexit veramente popolare che permetta alla Gran Bretagna di rafforzare i suoi legami economici, sociali e culturali direttamente con altri paesi in tutto il mondo - non come parte di un blocco europeo in crescita, né come cagnolino della politica estera e militare degli Stati Uniti.

Vogliamo una vera Brexit popolare che riporti in patria i poteri di Bruxelles in un gran numero di ambiti politici e li deleghi al Parlamento scozzese, all'Assemblea nazionale gallese e alle assemblee regionali in Inghilterra. Questo fa parte del "federalismo progressista" sostenuto dal Partito Comunista per mantenere l'unità della classe operaia, per ridistribuire la ricchezza lungo la Gran Bretagna, per dare alle nostre nazioni e regioni i mezzi per sfidare le forze capitaliste del mercato nella loro lotta per uno sviluppo equilibrato e sostenibile.

Ma sappiamo anche che il presupposto di tutto ciò è la caduta del governo conservatore britannico.

Le campagne di massa contro l'austerità, il credito universale, la privatizzazione, le fratture, la finta Brexit, l'UE, le armi nucleari e la guerra imperialista possono creare le condizioni in cui i conservatori non avranno altra scelta che concedere le elezioni generali anticipate.

Quindi dobbiamo avanzare verso le elezioni di ciò che i disfattisti, i pessimisti e gli esperti 16 mesi fa ci dicevano essere impossibile: un governo laburista guidato dalla sinistra, socialista e antimperialista, impegnato ad attuare un programma di sinistra.

Inoltre, molte di queste stesse persone ci hanno anche detto che un voto per lasciare l'UE esporrebbe i laburisti a un'ondata di reazione, proprio come ora ci stanno dicendo che la Brexit spazzerà via tutti i nostri diritti sociali, sindacali e sindacali - come se l'Unione europea ci avesse mai difeso contro le 12 o 13 leggi antisindacali dal 1979! Come se il movimento sindacale non sia stato totalmente incapace di difendere nessuno dei diritti conquistati dalle nostre stesse lotte!

Peccato che il TUC venda queste assurdità isteriche e disfattiste per conto dell'Unione europea e delle sue istituzioni anti-lavoro, come la Corte di giustizia dell'UE.

Se riusciremo a ottenere l'elezione di un governo di sinistra, la lotta politica di classe in Gran Bretagna entrerà in una nuova fase. Tutta la forza, l'unità e la chiarezza di un movimento di massa militante, guidato dalla classe lavoratrice organizzata, saranno quindi necessarie per sconfiggere le resistenze di ogni tipo della classe dominante, per vincere la battaglia per la democrazia e il potere statale.

Ad ogni tappa del cammino della Gran Bretagna verso il socialismo, il ruolo del Partito comunista sarà cruciale. Senza un partito marxista organizzato su tutti i fronti di battaglia, capace di unificare le campagne e i movimenti, offrendo analisi e direzione, non può esserci alcuna svolta verso la rivoluzione, il potere dello stato e il socialismo.

Il rapporto di lavoro del comitato esecutivo uscente mostra ciò che anche un piccolo numero di comunisti può fare su così tanti fronti.

Indica anche tutto ciò che resta da fare e io lo propongo ufficialmente per la vostra approvazione.

Questo congresso riaffermerà il nostro impegno a combattere, a seguire la strategia tracciata nel programma britannico “Road to Socialism”, a lottare contro l'imperialismo e a occupare il nostro posto nel movimento comunista internazionale.

Siamo orgogliosi del nostro retaggio comunista. Difendiamo le conquiste storiche degli operai e dei popoli dell'Unione Sovietica e di altri paesi socialisti. Teniamo alta la bandiera rossa del socialismo e del comunismo.

Discorso pronunciato il 17 novembre 2018 al 55° Congresso del Partito Comunista Britannico (Communist Party of Britain)