Il Partito comunista partecipa attivamente alla politica della Bielorussia

E-mail Stampa PDF

pcbielorussia corteoIntervista di Gustavo Carneiro a Andrey Krasilnikov e Ilona Bakun, capo e vice-capo del Dipartimento Internazionale del Partito Comunista della Bielorussia (PCB)

da avante.pt

Traduzione di Mauro Gemma per Marx21.it

Intervista a Andrei Krasilnikov e Ilona Bakun, capo e vice capo del Dipartimento internazionale del Partito comunista della Bielorussia, che hanno partecipato alla festa di Avante! e illustrato al giornaleaspetti rilevanti della situazione in quel paese e l'attività e l'organizzazione del loro partito. I comunisti bielorussi hanno un ruolo importante nella politica del loro paese, che continua a rifiutare qualsiasi riavvicinamento alla NATO e mantiene importanti indici di sviluppo economico e sociale in controtendenza rispetto ai paesi vicini.


Come giudica il vostro partito l'attuale situazione in Bielorussia?

Il Partito comunista della Bielorussia sostiene il percorso avviato dal capo dello stato, Alexandr Lukashenko, per costruire uno stato di orientamento sociale. A poco a poco, anno dopo anno, stiamo rafforzando il potenziale economico del paese e stiamo lavorando duramente per renderlo forte e prospero. La Bielorussia si afferma sempre più come un paese interessante e aperto e avanza per assicurare gli interessi della maggioranza dei lavoratori e della gente.

Che ruolo gioca il PCB nella società bielorussa?

Il PCB partecipa attivamente ai processi politici, economici e sociali in corso nel paese. Nel parlamento nazionale ci sono otto deputati comunisti e 309 membri del partito siedono nei consigli dei deputati locali, a tutti i livelli. Per quanto riguarda la struttura organica, il PCB è presente in tutte le unità territoriali, incluse sei organizzazioni distrettuali e della città di Minsk, 118 comuni, di cui 23 comuni delle città dei distretti e a Minsk, 25 organizzazioni cittadine e molte organizzazioni di base. Il partito ha oltre 6.000 militanti, più della metà sotto i 50 anni.

Al di là della componente geografica, qual è l'influenza del partito?

Il PCB è l'unico dei 15 partiti politici registrati che pubblica il suo giornale, “I comunisti di Belarus”. Noi e il tempo”. Dal 2016 siamo attivi nel lavoro di informazione su Internet: insieme al sito web del Partito, www.comparty.by, aggiornato nel 2014, sono stati creati account nei social network Vkontakte, Instagram e Twitter. E' stata creata la Lega della gioventù comunista e continuiamo a interagire con l'Unione dei giovani repubblicani bielorussi. Allo stesso tempo, esiste una stretta collaborazione tra il PCB e associazioni come l'Organizzazione dei Veterani Repubblicani, l'Unione Bielorussa degli ufficiali, l'Unione delle donne, l'Associazione del Paese delle famiglie numerose, tra gli altri.

E a livello internazionale, qual è la partecipazione del PCB?

Il PCB partecipa attivamente all'Unione dei partiti comunisti - Partito comunista dell'Unione Sovietica - e mantiene legami stretti e produttivi con i comunisti russi, ucraini e altri partiti comunisti nello spazio post-sovietico. Inoltre, ha guadagnato prestigio tra il movimento operaio comunista e internazionale, facilitato dalla partecipazione del PCB a incontri internazionali, seminari, forum e conferenze, così come dai contatti bilaterali con i partiti fratelli.

Quali sono le priorità attuali del PCB?

L'attuale fase di costruzione dello stato di Bielorussia ci pone il compito di rafforzare il Partito e le sue strutture organizzative regionali tra le masse. La nostra posizione sul rafforzamento e l'espansione dell'alleanza tra forze patriottiche nella lotta per la democrazia, la giustizia sociale e il socialismo è molto importante: la preparazione delle condizioni politiche, legali ed economiche necessarie per lo sviluppo della società; la spiegazione della situazione socio-economica e socio-politica emergente; e la protezione degli interessi nazionali dello Stato. Il PCB difende i valori della giustizia sociale e del lavoro, non delle attività speculative e finanziarie.

Quali sono le principali sfide per l'organizzazione del partito?

La formazione di un sistema multipartitico richiede che i comitati del PCB e le organizzazioni di base lavorino seriamente per innalzare la cultura politica generale della popolazione e per costruire organizzazioni di partito in tutte le regioni al fine di accrescere la militanza e attrarre giovani nelle nostre file. L'esistenza di organizzazioni di partito forti, unite e motivate permetterà la presentazione di candidati alle elezioni a qualsiasi livello e assicurerà la presenza del Partito in tutte le strutture delle commissioni elettorali. Solo così sarà possibile ottenere buoni risultati e partecipare attivamente a tutte le campagne elettorali, a cominciare dalle prossime elezioni per la Camera dei rappresentanti dell'Assemblea nazionale e della Presidenza della Repubblica.

Forti strutture regionali saranno anche una risorsa preziosa per servire gli interessi del popolo negli enti governativi di gestione autonoma pubblica, in aziende di vari tipi di proprietà, in istituzioni educative, della sanità, della scienza e della cultura, negli organi esecutivi e amministrativi delle unità amministrative e territoriali del paese.

E per quanto riguarda le organizzazioni di massa?

È necessario migliorare e intensificare il lavoro politico nei collettivi del lavoro, negli organismi di autogoverno e di autogestione, ma anche nei sindacati, nei movimenti dei lavoratori, tra i contadini e nelle organizzazioni patriottiche, nelle organizzazioni di artisti, donne, giovani, veterani, di sostegno sociale e altri. L'efficacia del lavoro del partito è sempre al centro della nostra attenzione per una reale crescita del ruolo di avanguardia dei comunisti in tutte le sfere della costruzione di uno stato moderno in Bielorussia.