Soldi per gli aerei da combattimento o per combattere la povertà: una scelta politica

E-mail Stampa PDF

belgio nobombdi Isabelle Vanbrabant, Partito del Lavoro del Belgio (PTB)

da ptb.be

Traduzione di Lorenzo Battisti per Marx21.it

Il Ministero della Difesa sperava di poter sfilare quest'estate con il perfezionamento di uno dei dossier più pesanti di questa legislatura: l'acquisto di 34 nuovi aerei da caccia. Tuttavia, nel giro di una settimana, sia il fascicolo di gara che la posizione degli alti funzionari militari e del ministro Vandeput sono stati oggetto di critiche.

Lo scandalo dell'F-16 è al centro dell'attenzione dei media e delle strade (legge). Le ultime rivelazioni sono semplicemente sorprendenti.


La divulgazione di un documento interno della società dimostra inoltre che l'intera procedura di selezione è stata una farsa. La scelta dell'F-35, l'aereo tecnologicamente più sofisticato, era già stata decisa nel 2015 (!). Chi aveva interessi in questo? Quante decisioni sulle scelte sociali vengono ancora prese in questo modo senza un dibattito pubblico preventivo?

Il contribuente è stato doppiamente truffato

Il "contratto militare del secolo" costa la bazzecola di 15 miliardi di euro. Eppure ci viene detto più e più volte che "tutti devono fare uno sforzo". Il governo taglia le nostre pensioni, i nostri stipendi, la sicurezza sociale... Ovunque possibile, si vuole risparmiare denaro a spese dei lavoratori. Come si concilia tutto questo con una spesa di 15 miliardi?

L'opinione pubblica non è mai stata realmente coinvolta in questa scelta sociale. Fino a poco tempo fa, non c'era stato alcun dibattito pubblico sulla necessità di acquistare nuovi caccia tecnologicamente più sofisticati. E ora che finalmente si sta svolgendo il dibattito pubblico, diversi sondaggi recenti dimostrano che la maggioranza dei belgi si oppone a tale acquisto.

Inizialmente, anche la possibilità di modernizzare la flotta esistente era sul tavolo, come di recente ha dovuto riconoscere il ministro della Difesa Steven Vandeput (N-VA). Tale opzione è stata da subito esclusa, il che solleva una serie di interrogativi. Non sorprende quindi che il contribuente belga si senta vittima di una doppia frode. Questa enorme somma di denaro sarebbe stata spesa meglio, ad esempio, per l'assistenza sanitaria. Inoltre, si è scoperto che questo dossier era totalmente viziato da influenze e manipolazioni.

Cosa abbiamo imparato la settimana scorsa

I nostri F-16 possono funzionare ancora a lungo. Questo è ciò che emerge da uno studio condotto dalla Lockheed Martin, il produttore di questi apparecchi. Sicuramente non saranno più gli ultimi "topgun", ma potranno comunque sorvegliare perfettamente il nostro spazio aereo. Inoltre, non sono assolutamente così vecchi come ha detto il Ministro Vandeput. Egli ha dichiarato che l'anno di costruzione di questi aerei era il 1979. Sembra ora che la maggior parte di essi siano stati costruiti tra il 1988 e il 1991 ...

Tutti questi elementi sono stati rivelati solo la scorsa settimana. Perché queste importanti informazioni, che possono influenzare il processo decisionale, non sono mai state divulgate? Perché si è deciso fin dall'inizio che era assolutamente necessario sostituire i nostri F-16? E che si doveva farlo con degli F-35?

E, per coronare il tutto, le nostre alte autorità militari e il ministero della Difesa hanno in realtà altri piani per questi nuovi caccia. Questi dovranno essere utilizzati per trasportare la prossima generazione di missili nucleari. In altre parole, l'F-35 sarà utilizzato per sganciare bombe.

Quando la NATO fa la guerra giocando con i nostri soldi

Il Belgio è membro della NATO. Ciò significa che siamo parte di un trattato militare che sancisce la difesa reciproca e la cooperazione tra gli eserciti occidentali. Questo trattato include la "condivisione del nucleare". I missili nucleari nordamericani sono immagazzinati in alcuni paesi europei, tra cui il Belgio. Questi paesi possono quindi essere responsabili del trasporto di tali missili, nel caso essi vengano utilizzati.

Secondo la NATO, ciò costituisce la garanzia ultima per l'Europa di essere "protetta" dagli Stati Uniti se la nostra sicurezza nazionale fosse minacciata. In realtà, la NATO vuole soprattutto la possibilità di intervenire rapidamente se il potere delle multinazionali è in pericolo. E' quanto abbiamo visto con la guerra in Iraq. Gli interessi della popolazione, sia irachena che americana, non contavano affatto, l'obiettivo primario era il petrolio... La conseguenza è stata un milione di morti e la totale dislocazione e il crollo di una regione in cui il movimento terroristico Daech si è rapidamente radicato. Questi velivoli non sono progettati per garantire la nostra sicurezza. Saranno utilizzati per difendere gli interessi economici dell'Occidente.

Partecipando a questo processo, partecipiamo anche alla corsa nucleare del Presidente americano Trump. È il capo della più grande potenza nucleare del mondo e niente gli farebbe più piacere di una piccola guerra (nucleare). Vogliamo davvero partecipare a una corsa agli armamenti nucleari che ci conduca alla guerra e alla distruzione?

Anche queste missioni nucleari dei nuovi aerei da caccia sono state escluse per quanto possibile dal dibattito. Tuttavia, sembra che queste siano molto più importanti di quanto pensassimo. Questo è ciò che mostra la fuga del file trattato in "kern" (il consiglio ristretto dei ministri). Dietro le quinte, si continua a pensare strategicamente al lancio di bombe nucleari. E non importa cosa pensi la popolazione…

Aerei da combattimento, guerre e rifugiati

"Se vogliamo affrontare le sfide della sicurezza di oggi, abbiamo bisogno di aerei da combattimento moderni", dice Vandeput, aggiungendo finemente: "O vogliamo che Daech arrivi fin qui?"

Colpire Daech sul suo terreno e quindi porre fine ad esso. Sembra una buona idea, ma in realtà sono stati gli interventi occidentali in Medio Oriente a rendere questa regione un crogiolo per il terrorismo. Dire che questi interventi sono stati realizzati nell'interesse delle popolazioni locali è solo un pretesto. Ci sono centinaia di migliaia di vittime tra i civili. Per non parlare dei milioni di rifugiati conseguenza di questa guerra.

Questi nuovi aerei da combattimento saranno utilizzati anche per le missioni richieste nel quadro delle coalizioni internazionali. Una di queste missioni - che incombe su di noi e sui Paesi Bassi - è la partecipazione alla guerra in Siria, nel quadro della Coalizione dei Volenterosi. I nostri bombardieri opereranno in guerre che, ancora una volta, daranno luogo a massicci flussi di rifugiati verso i nostri paesi. Ma non ci saranno soldi per una politica di accoglienza umana. Saranno stati completamente inghiottiti dalle macchine da guerra.

Vandeput dimentica altrettanto finezza di dire che l'EI è già arrivato più volte da noi. E non è certo con gli F-35 che avremmo potuto prevenire gli attentati di Bruxelles. Non quelli di Parigi, non quelli di Nizza, non tutti gli altri. Ciò che sarebbe utile, tuttavia, sarebbe di evitare di creare crogioli di terrorismo. Ciò significa, tra l'altro, che intere regioni non vengano gettate nel caos con la guerra.

Armi, denaro e conflitti di interesse

La difesa probabilmente riteneva di avere diritto, dopo vari tagli al bilancio, a un pezzo di torta molto grande. Tutti i partiti al governo (senza dimenticare la Sp.a., che nella precedente legislatura era in maggioranza) avevano già dichiarato di accettare la richiesta degli Stati Uniti di aumentare la spesa per la difesa del 2%. Su questo punto, il Belgio si trovava in fondo alla classifica europea. Un importante acquisto militare avrebbe posto rimedio a questa situazione.

Così si dovevano sostituire gli F-16. Il ministro della Difesa Vandeput sostiene contro ogni evidenza che questo dossier di acquisto era assolutamente trasparente e che esistevano muri ermetici tra l'esercito e il ministero della Difesa. Una breve nota: il suo attuale gabinetto è composto per lo più da persone che in precedenza erano attive nell'esercito. Il suo ex vice capo di stato maggiore, Simon Put, ora lavora come consulente per... Lockheed Martin. Alla fine dello scorso anno, Put ha annunciato il suo cambio di carriera. Ma si è astenuto dall'affidare al registro per la trasparenza molte informazioni sui suoi contatti con Lockheed Martin.

Anche la maggior parte degli alti funzionari delle forze aeree belghe e il ministro della Difesa sono al servizio della Lockheed Martin. Uno dei quattro alti funzionari che avrebbero gestito il dossier è il colonnello Letten. È altresì il rappresentante nominato dell'esercito belga negli incontri internazionali organizzati da Lockheed Martin. Alcune fonti ne fanno l'anello mancante che collega tutti gli elementi dello scandalo dell'F-16.

Poi, già nel 2016, un altro alto ufficiale dell'aviazione avrebbe fatto preoccupanti telefonate a Lockheed Martin: il risultato dello studio sul prolungamento della vita dell'F-16 non sarebbe stato di suo gradimento.

Per quanto riguarda lo stesso ministro Vandeput, era così concentrato sugli F-35 che non voleva sentire alcuna informazione a loro sfavore. A meno che non fosse a conoscenza delle informazioni e abbia deciso di ignorarle. Nell' interesse di chi? Sicuramente non nel nostro... Nelle sfere in cui si incontrano la politica e gli affari di alto livello, e certamente nell' industria militare, accadono cose particolarmente dannose per la democrazia. Gli importi con cui si giocherella sono così colossali che le macchine di lobbying dell'industria militare vanno a pieno regime.

Le alternative

Una cosa è certa: questo acquisto multimiliardario sarà molto, molto difficile per il contribuente da inghiottire. Tanto più che sappiamo di essere stati raggirati dalle alte autorità dell'esercito, dal ministero della Difesa e dal complesso militare-industriale americano.

Quello che il nuovo dossier sull' acquisto di aerei da caccia ci insegna è che i soldi si possono trovare. Dove spenderli, è una questione di scelte politiche. In una democrazia, spetta ai cittadini compiere tale scelta, non alle forze armate o all'establishment americano.

Un sindacalista aveva una piccola proposta per il ministro Vandeput: poteva diventare subito l'eroe del governo riassegnando questi 15 miliardi di euro per pagare a tutti per vent'anni una pensione di 1500 euro al mese...

E' su questo che deve concentrarsi il dibattito: sul tipo di società che scegliamo. Denaro per gli aerei da caccia o per combattere la povertà? Questa è una scelta politica, signor De Wever e colleghi.