Il congresso del Partito Comunista Tedesco (DKP)

E-mail Stampa PDF

dkp logoPartito Comunista Tedesco (DKP)
solidnet.org

Traduzione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

04/03/2018

Lo scorso fine settimana, i delegati al congresso nazionale del DKP hanno deciso che il Partito farà una campagna a sostegno dell'appello "Disarmarsi, senza ulteriori armamenti" durante il prossimo semestre. Hanno rieletto Patrik Köbele come presidente. La proiezione dei comunisti verso una svolta per il progresso democratico e sociale descrive l'obiettivo di scolpire la fine dell'offensiva dei monopoli.-


Con l'85% dei voti, i delegati hanno rieletto Patrik Köbele, 56 anni, consulente informatico di Essen, come presidente. Wera Richter e Hans-Peter Brenner sono stati votati quali vicepresidenti con rispettivamente l'87% e il  71% dei voti. Il congresso si è tenuto dal 2 al 4 marzo a Francoforte sul Meno. 166 delegati con una età media di 54 anni vi hanno partecipato. Il 36% dei delegati erano donne. Con 14 no e 16 astensioni, i delegati hanno approvato la mozione principale della commissione.

Durante i prossimi sei mesi, il Partito pianifica di raccogliere 30.000 firme per l'appello "Disarmarsi, senza ulteriori armamenti". Lo scorso novembre, su questo appello, una vasta cerchia di personaggi ha preso posizione contro l'obiettivo NATO di aumentare del 2% l'armamento dei suoi stati membri. I membri del DKP stanno pianificando di raccogliere le firme per questo appello insieme alle attività del movimento per la pace, nei loro quartieri e nei loro luoghi di lavoro. Lavorare per l'appello sarà al centro delle attività del Partito fino al festival UZ del giornale DKP, che si terrà dal 7 al 9 settembre a Dortmund. "Chi vuole la pace deve combattere l'armamento della NATO. Come comunisti, discuteremo di questo con decine di migliaia di amici e colleghi nei prossimi mesi e chiederemo loro la loro firma. "Rainer Braun, che ha rivolto un saluto in nome della campagna disarmarsi senza ulteriori armamenti, ha ricordato il contributo decisivo dei comunisti al movimento per la pace degli anni '80. Braun spera che con la partecipazione del DKP vengano raccolte 100.000 firme, fino al festival UZ di settembre.

Per quanto riguarda le controversie interne in corso nel Partito, i delegati non vogliono più accettare che i membri si organizzino assieme a una "Rete Comunista" separata dal Partito. E' passata con maggioranza la contestata mozione che appartenere a questa rete non è più compatibile con il tesseramento nel DKP contro 42 no e 8 astenuti.

I delegati hanno confermato che queste decisioni non mettono fine al dibattito aperto sulla strategia del partito. Quale prospettiva politica, il DKP identifica la lotta per un ritorno al progresso democratico e sociale. Combinerà tutte le forze i cui interessi sono contrari alle corporazioni monopolistiche. Questo è scritto nel documento principale. Hans-Peter Brenner ha commentato: "Abbiamo formulato una strategia su come cambiare la società verso un percorso rivoluzionario - chi altri hanno ciò? Ma non buttiamo via tutto. Ci colleghiamo alle precedenti politiche e al programma del nostro partito ".

Un certo numero di partecipanti ha riferito sulle lotte dei lavoratori ospedalieri per il miglioramento nel rapporto di lavoro e nella rappresentanza. Per rafforzare queste e altre lotte unioniste, i delegati decisero di rafforzare il lavoro nelle commissioni industriali. Oltre alla commissione industriale già esistente nel campo della sanità, il congresso ha deciso di crearne un altra nel settore dell'istruzione. Wera Richter: "Le nostre decisioni sono piccoli, ma importanti passi verso il rafforzamento del DKP nelle aziende e nei sindacati." Il 90% dei delegati sono membri del sindacato, quasi la metà di loro assume responsabilità in un sindacato o in un comitato del personale.

L'ambasciatore cubano Rámon Ripoll ha portato i saluti del Partito Comunista di Cuba ai delegati. Come portavoce federale del VVN-BdA (Lega dei perseguitati e degli Antifascisti), Ulrich Schneider ha sottolineato i legami tra la sua organizzazione e il DKP. Per il partito laburista belga (PTB-PVDA), Alice Bernard ha informato che il loro partito era cresciuto in maniera massiccia negli ultimi anni e ora viene chiesto di entrare a far parte di un governo dopo le elezioni parlamentari del prossimo anno. Ma per loro il punto non è raccogliere voti o sedie da ministro. "Il nostro obiettivo è distruggere il capitalismo e costruire il socialismo. Raggiungeremo questo, perché siamo ottimisti e comunisti! ". Come ospiti, rappresentanti diplomatici di Cina e Vietnam, nonché rappresentanti del Nuovo Partito Comunista dei Paesi Bassi e del Partito comunista di Lussemburgo hanno partecipato come osservatori al congresso. Il presidente della Socialist German Workers Youth (SDAJ), Jan Maier, e il presidente dell'associazione dei sostenitori della rivista mensile Rotfuchs hanno portato i loro saluti.