Comunicazione

Come dare la colpa agli hacker nordcoreani

E-mail Stampa PDF

mano codicebinariodi Francesco Galofaro
Università di Torino; CUBE;

Perché è sempre colpa della Corea del Nord? O degli hacker russi? La risposta può venire, forse, dalla narratologia. Come sappiamo, non c’è giallo senza colpevole: se, giunto all’ultima pagina, il lettore viene lasciato in preda ai suoi dubbi, il romanzo cambia genere e diventa letteratura colta. Lo stesso dicasi per le inchieste giornalistiche sui crimini informatici: i colpi più efferati degli ultimi decenni devono avere un autore; dietro le maschere anonime di pseudonimi come Shadow Brokers, Lazarus, Guccifer 2.0 deve esserci un volto. Nell’impossibilità di individuare i reali responsabili, che probabilmente godono dei frutti delle proprie rapine in qualche isola tropicale, un vero e proprio sistema, composto da superpotenze, media e agenzie investigative, cerca di manipolare l’opinione pubblica e di accusare il nemico geopolitico.

Leggi tutto...

La strategia della manipolazione mentale: dall’individuo alle grandi società di massa.

E-mail Stampa PDF

escher relativitaRiceviamo e pubblichiamo

da mysterionweb.wordpress.com

Perché introdurre un’intervista che parla di manipolazione delle masse con un disegno del matematico e pittore Escher? La risposta la troverete guardando i suoi capolavori. Per usare le parole di Umberto Galimberti, non importa che Dio esista o meno, ma l’idea esiste e fa mondo! Non è difficile estendere il concetto espresso formulando una nuova frase così come segue: non importa che un’idea sia buona o cattiva, vera o falsa, ma se l’idea esiste (e c’è qualcuno che vuole insinuarla negli individui) allora farà storia e muoverà le coscienze.

Leggi tutto...

Giorni che rischiarano decenni

E-mail Stampa PDF

giornali spiraleRiceviamo da Norberto Natali e volentieri pubblichiamo

(prima parte, 16 luglio 2019)

GIORNALISTI, SCOOP O TRUPPE MEDIATICHE?

L’obiettività  e la neutralità sono due categorie molto diverse. 

La prima è possibile e necessaria, è la premessa essenziale per un approccio scientifico alla realtà, deve e può essere perseguita anche con una logica di parte: per esempio, si può difendere apertamente l’interesse di una classe ma con obiettività, in primo luogo ammettendo da che parte si sta.

Leggi tutto...

Greta Thunberg: capolavoro della manipolazione di massa.

E-mail Stampa PDF

greta thunberg 2Ringraziamo Enrico Sanna per la segnalazione

da mysterionweb.wordpress.com

Sono immensamente grato all’amico Simone Lombardini, esperto di geopolitica e di relazioni internazionali, per aver accettato il mio invito a scrivere un articolo per la nostra rubrica attraverso il quale fare chiarezza su un fenomeno che, nato, almeno ufficialmente, poco meno di un anno fa, ha assunto in pochissimo tempo proporzioni di rilevanza mondiale e ha coinvolto in primo luogo centinaia di milioni di giovani. A mio avviso l’importanza del fenomeno Greta è legata strettamente all’impatto che esso ha sull’opinione pubblica. Il terreno di scontro è sul piano delle idee.

Leggi tutto...

Le fake news sono sempre quelle degli altri

E-mail Stampa PDF

repub fakenewscoreadelnordRiceviamo da Cosimo Fiori e volentieri pubblichiamo

Giorni fa la stampa italiana ha riportato solerte la notizia secondo cui i negoziatori nordcoreani ai colloqui con gli Usa sono stati giustiziati per ordine di Kim, con la notevole eccezione di tale Kim Yong-Chol, che se la sarebbe cavata col campo di lavoro. Qualche contraddizione l’ha però creata l’articolo di Repubblica, secondo cui Kim Yong-Chol, sia pure in due paragrafi diversi, è sia morto (giustiziato), sia vivo (ai lavori forzati).

(Si potrebbe anche ipotizzare che un soggetto condannato ai lavori forzati in un primo paragrafo, sia stato già giustiziato al sopraggiungere del paragrafo successivo; non già però il contrario, perché Kim ha fama di una certa scaltrezza, e contraddice a tale fama pensare che abbia cercato di far lavorare un morto.

Leggi tutto...

La costruzione scientifica della fake news di governo. Il caso Finkielkraut

E-mail Stampa PDF

finkielkraut giletjaunesdi Redazione Contropiano - Jacques Pezet *

da contropiano.org

Il potere, si sa, aspira sempre al monopolio dell’informazione, oltre che a quello della violenza e dell’economia.

E viene fortemente disturbato, specie in tempi di “competizione globale”, che approssima un clima di guerra, dall’esistenza di un’informazione alternativa. Che ovviamente può essere di buona o pessima qualità, può produrre falsità e informazioni invece controllatissime.

Leggi tutto...

La libertà di espressione in rete è salva. Per ora.

E-mail Stampa PDF

copyrightdi Francesco Galofaro
Politecnico di Milano

Il 5 luglio Parlamento Europeo ha rimandato a settembre la nuova direttiva sul diritto d'autore che minaccia la libertà di informazione della rete. Così Wikipedia è tornata visibile: nei giorni precedenti era stata oscurata dalla comunità wikipediana per protestare contro la nuova direttiva europea sul diritto d'autore. Direttiva che è stata bocciata con 318 voti a favore e 278 contrari. La Commissione europea, il Consiglio d'Europa e la corte giuridica di Strasburgo dovranno presentare una nuova proposta in settembre.

Leggi tutto...

I mercati benedicono Salvini

E-mail Stampa PDF

salvini giuramentodi Francesco Galofaro per Marx21.it

I fatti sono noti: il 27 maggio il Presidente della Repubblica Mattarella ha detronizzato Conte e incaricato Cottarelli, uomo delle istituzioni, il quale, secondo alcuni commentatori, aveva già pronta una lista di ministri. Oggetto del contendere, Paolo Savona al ministero dell'economia e l'euroscetticismo complessivo che qualcuno avrebbe potuto dedurre dall'assetto della squadra di governo. Nel discorso con cui Mattarella giustificava il proprio nein, ha fatto esplicitamente riferimento ai mercati e alla tutela dei risparmi delle famiglie italiane. Ciò che di positivo ha avuto l'intera vicenda e la sua surreale conclusione, è rendere evidente a tutti che, se l'Italia uscisse dall'Euro, non sarebbero tanto gli italiani a perderci, quanto l'eurozona nel suo complesso e – con effetto domino – le economie occidentali più interconnesse.

Leggi tutto...

Con i burattini Putin è riuscito a rubare l'elezione di Hillary Clinton?

E-mail Stampa PDF

di Roque Botello
da misionverdad.com

Traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it

A proposito di fake news

Nel 2016, i democratici assieme ai media corporativi hanno cominciato ad usare in modo massiccio il termine post-verità e fake news per incolpare la Russia della sconfitta di Hillary Clinton. Secondo l'accusa Putin ha utilizzato una campagna di menzogne supportata da hacker sui social network per ottenere la vittoria di Donald Trump. In questo contesto i due termini sono stati diffusi in tutto il mondo e il Congresso USA li ha usati persino per criminalizzare i media alternativi che si opponevano alla candidatura democratica.

Leggi tutto...

70 anni di disinformazione: come la CIA ha finanziato le riviste di opinione in Europa

E-mail Stampa PDF

di Philip Giraldi

da “American Herald Tribune

Traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it

Ringraziamo per la segnalazione il compagno Vladimiro Giacché e volentieri proponiamo ai nostri lettori.

Quando un' agenzia di intelligence si occupa di diffondere fake news si parla di "disinformazione“, che è un sottoinsieme di ciò che viene definita azione occulta, fondamentalmente operazioni segrete eseguite in un paese straniero per influenzare l'opinione pubblica o per bloccare un governo o un gruppo considerato ostile.

Leggi tutto...

Pagina 1 di 4

  • «
  •  Inizio 
  •  Prec. 
  •  1 
  •  2 
  •  3 
  •  4 
  •  Succ. 
  •  Fine 
  • »