Associazione Politico-Culturale Marx XXI

La guerra contro la Siria è già cominciata?

E-mail Stampa PDF

dichiarazione di Fausto Sorini, della segreteria nazionale del PdCI, responsabile esteri

 

Secondo fonti militari israeliane, citate dai media del loro Paese, unità delle forze speciali del Qatar e del Regno Unito – con il sostegno logistico degli Stati Uniti - sarebbero già entrate illegalmente in Siria, violando la sovranità del Paese e senza alcun mandato delle Nazioni Unite: anzi, in aperta violazione del Consiglio di Sicurezza dell'Onu che, grazie al veto di Russia e Cina, ha bloccato il tentativo di Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna - con l'aperto e gravissimo sostegno del governo italiano - di dare una copertura legale Onu all'aggressione imperialista in corso contro il legittimo governo della Siria.

 

truppe trasporto-w300

Mentre ci chiediamo chi bombarderà il Qatar e il Regno Unito per aver così apertamente violato la carta dell'Onu (così come ieri fu fatto nei confronti delle violazioni di Saddam Hussein in Kuwait..), denunciamo apertamente il gravissimo orientamento del governo italiano e del suo ministro degli esteri che, in flagrante violazione dello Statuto delle Nazioni Unite, sta dando copertura politica ai preparativi di una nuova guerra di aggressione.

 

Mettiamo in guarda l'opinione pubblica da una escalation propagandistica in corso sui media italiani volta a preparare l'opinione pubblica alla guerra in nome – naturalmente – dell'ennesimo “intervento umanitario”.

Leggi tutto...

Partito Comunista del Cile: “Fermare l'aggressione imperialista a Siria e Iran è un impegno che riguarda tutti i popoli del mondo”

E-mail Stampa PDF

da www.solidnet.org | traduzione a cura di Marx21.it

 

iran syria_war_gr1L'offensiva imperialista degli Stati Uniti e delle potenze anch'esse imperiali dell'Unione Europea sulla Siria e l'Iran sta creando una situazione che minaccia di sfociare in un'aggressione militare contro i due paesi.

 

L'ultima guerra provocata dagli Stati Uniti e dalla NATO in Libia ha causato migliaia di morti e la brutale distruzione del paese. L'obiettivo evidente del nuovo colonialismo europeo e nordamericano è quello di impossessarsi delle risorse naturali di questo paese e di imporre il suo presunto diritto al dominio nel mondo.

 

Con simili obiettivi gli Stati Uniti e i loro collaboratori stanno dislocando truppe nel Golfo Persico e nelle vicinanze della Siria. L'aggressione nordamericana e della NATO ha già condotto all'inizio di una guerra civile in Siria che costituisce la base per un'aggressione militare come quella realizzata in Libia.

Leggi tutto...

Fermare la guerra contro la Siria

E-mail Stampa PDF

di Fausto Sorini | Segreteria nazionale PdCI, Resp. Esteri

 

siria guerraAssistiamo in queste ore ad una preoccupante precipitazione della vicenda siriana.

 

Damasco è sull'orlo di una guerra civile, dai risvolti drammatici e imprevedibili.

 

Essa è alimentata da tempo dalle maggiori potenze imperialiste (Usa, Francia, Gran Bretagna) che – come già in Libia – stanno costruendo lo scenario pretestuoso di un'aggressione, da presentare naturalmente come ennesimo “intervento umanitario in difesa della popolazione civile”. Si tratta invece di un ulteriore tassello nel disegno di penetrazione imperialista nella regione mediorientale, in sintonia con la politica aggressiva di Israele: un disegno che trova in Paesi come la Siria e l'Iran un punto di resistenza.

 

Crescono in modo esponenziale le pressioni esterne sul governo siriano e nei confronti di Russia e Cina che, fino ad ora – insieme ai governi progressisti e antimperialisti dell'America latina e delle altre regioni del mondo - si oppongono a qualsivoglia intervento militare contro la Siria. Ci auguriamo che tale posizione di fermezza, anche in sede ONU, possa e voglia essere mantenuta.

Leggi tutto...

La diplomazia armata di Monti

E-mail Stampa PDF

di Manlio Dinucci | da il Manifesto

 

terzi santagata-w300Giulio Terzi di Sant’Agata, ministro degli esteri del governo Monti, ha illustrato al Senato la partecipazione dell'Italia agli «sforzi della comunità internazionale per promuovere la pace». Di pace se ne intende, per essere stato consigliere politico alla Nato, ambasciatore in Israele e quindi negli Stati uniti, dove ha contribuito alla «straordinaria collaborazione bilaterale nei principali scenari di crisi». Mentre la crisi finanziaria alimenta a livello globale gravi tensioni politiche e sociali, afferma il ministro, è ancor più «interesse dell'Italia» partecipare alle «operazioni in scenari di crisi», dove si gioca la «credibilità internazionale» del Paese. Anche perché la nuova strategia Usa prevede la riduzione delle «forze di manovra» in Europa a favore di altri teatri di impiego, in particolare nel Pacifico. L’Italia deve quindi impegnarsi ancora di più in «missioni internazionali di pace e stabilizzazione», che siano «realmente integrate», ossia «uniscano le componenti militari e civili». Per affrontare «le sfide della stabilizzazione che provengono dalla Libia, le criticità in Afghanistan e in Libano, le crisi in Corno d'Africa».

Leggi tutto...

I comunisti spagnoli promuovono un importante appello contro i preparativi di guerra a Iran e Siria

E-mail Stampa PDF

da www.pce.es | traduzione a cura di Marx21.it

 

Di fronte all'intensificazione del bombardamento mediatico contro Siria e Iran, anche i comunisti spagnoli si mobilitano per contrastare le minacce imperialiste di guerra di aggressione, attraverso il lancio di un significativo appello, che è stato firmato, tra gli altri, da José Luis Centella, segretario generale del Partito Comunista di Spagna (PCE), dall'ex segretario del PCE e di Izquierda Unida Julio Anguita e da prestigiosi intellettuali di altri paesi come James Petras e Miguel Urbano Rodrigues

 

iran mappa_guerra-w300

L'ultima guerra promossa dalla NATO e dagli Stati Uniti, in Libia, ha causato migliaia di morti e la pratica distruzione del paese. Nell'ultimo decennio, la ferocia del nuovo colonialismo nordamericano ed europeo ha distrutto paesi (Iraq, Afghanistan, Libia) per prendere possesso delle loro risorse e per riaffermare il presunto diritto ad imporre il suo dominio nel mondo.

 

Ora, i tamburi di guerra battono contro Siria e Iran, e se i cittadini del mondo non riusciranno a farli smettere, una nuova mattanza di dimensioni terrificanti potrebbe avere inizio. Gli Stati Uniti stanno dispiegando truppe nel Golfo Persico e nelle vicinanze della Siria, con la complicità di Israele. Un programma terrorista, con assassini di scienziati iraniani e attentati all'interno del paese, viene messo in pratica dagli Stati Uniti e Israele.

Leggi tutto...

Pagina 1187 di 1195