Associazione Politico-Culturale Marx XXI

“La costituzione disattesa”

E-mail Stampa PDF

di Franco Tomassoni, segreteria nazionale FGCI e responsabile esteri

tomassoni fgciIl testo dell'intervento al convegno svoltosi a Torino il 16 maggio 2012

Cari compagni,
credo sia molto utile riflettere oggi sui temi internazionali e sul loro stretto legame con le scelte che si compiono all’interno del nostro paese. Ci sono in corso da anni alcuni processi che sono in uno stretto rapporto dialettico: la subalternità della politica estera italiana agli interessi degli USA, iscritta dentro la questione più articolata della restrizione della sovranità nazionale, e lo stralcio della costituzione.

Dunque i temi di cui stiamo discutendo questa sera sono importantissimi e dobbiamo sforzarci tutti assieme di investire di questi temi il dibattito complessivo della sinistra in Italia.  Queste questioni sono oggi di forte attualità: la crisi economica (definita da molti come crisi atlantica) che colpisce principalmente Europa e USA sommata ad una dinamica di composizione di un quadro politico mondiale multipolare, inasprisce la contraddizione tra chi lotta contro l’imperialismo e le forze imperialiste che vedono messo in discussione il proprio ruolo. Da questa dinamica scaturiscono le guerre: abbiamo visto la brutalità e la ferocia dell’attacco alla Libia e oggi vediamo concretizzarsi la possibilità di un intervento in Siria, domani forse sarà l’Iran e dopodomani…chi lo sa? Forse la Cina…

Leggi tutto...

L’eterna giovinezza della Nato

E-mail Stampa PDF

di Manlio Dinucci | da il Manifesto del 22 maggio 2012

nato bandiereLa Nato, che si è autocelebrata col Summit di Chicago, ha 63 anni, ma non li dimostra: sulla nuova carta d’identità è una ventenne. Durante la guerra fredda, scrive nell’autobiografia ufficiale, non condusse alcuna operazione bellica, ma si limitò ad «assicurare la difesa del proprio territorio contro la minaccia del Patto di Varsavia». Non dice però che questo si formò sei anni dopo la Nato.

È con la fine della guerra fredda, in seguito al dissolvimento del Patto di Varsavia e dell’Urss nel 1991, che la Nato rinasce a nuova vita. Mantenendo però il suo imprinting: il comando Usa. Nel luglio 1992 lancia la sua prima operazione di «risposta alle crisi», la Maritime Monitor, per imporre l’embargo alla Jugoslavia. Nei Balcani, tra l‘ottobre ’92 e il marzo ’99, conduce undici operazioni dai nomi evocativi (Deny Flight, Sharp Guard, Eagle Eye e altri).

Leggi tutto...

Stati Uniti: una nuova legge autorizzerà la guerra contro l'Iran

E-mail Stampa PDF

di Dennis Kucinich*, “Huffington Post” | da www.huffingtonpost.comTraduzione a cura di Marx21.it

*Dennis Kucinich è rappresentante del 10° Distretto dell'Ohio al Congresso degli Stati Uniti

iran nowarIl Congresso sta studiando due documenti legislativi in relazione all'Iran. Il primo indebolisce la soluzione diplomatica con l'Iran e riduce gli ostacoli alla guerra. Il secondo autorizza l'opzione della guerra e dà inizio ai preparativi militari corrispondenti.

H. Res. 568: Elimina l'alternativa più percorribile alla guerra

Ci si aspetta che la Camera voti la H. Res. 568. Si legga la risoluzione. La Sezione (6) respinge qualsiasi politica USA di sforzi per contenere l'Iran con una capacità nucleare. La Sezione (7) chiede al Presidente di riaffermare l'inaccettabilità dell'Iran con capacità di armi nucleari e l'opposizione a qualsiasi politica che dipenda dal contenimento come opzione in risposta all'arricchimento iraniano.

Leggi tutto...

La svolta nella crisi: una Nato « intelligente»

E-mail Stampa PDF

di Manlio Dinucci e Tommaso Di Francesco | da il Manifesto del 20 maggio 2012

rasmussenSi tiene il 20-21 maggio a Chicago il Summit dei capi di stato e di governo della Nato. Tra le diverse questioni all’ordine del giorno, dall’Afghanistan allo «scudo anti-missili», ce n’è una nodale: la capacità dell’Alleanza di mantenere, in una fase di profonda crisi economica, una «spesa per la difesa» che continui ad assicurarle una netta superiorità militare.

Con incosciente ottimismo, il socialista del Pasok Yiannis Ragoussis, che fa le veci di ministro greco della difesa, ha scritto sulla Nato Review, alla vigilia del Summit, che la partecipazione all’Alleanza ha dato alla Grecia «la necessaria stabilità e sicurezza per lo sviluppo nel settore politico, finanziario e civile». Se ne vedono i risultati. Non nasconde invece la sua preoccupazione sull’impatto della crisi il segretario generale dell’Alleanza, Anders Rasmussen. In preparazione del Summit, ha avvertito che, se i membri europei della Nato taglieranno troppo le spese militari, «non saremo in grado di difendere la sicurezza da cui dipendono le nostre società democratiche e le nostre prospere economie».

Leggi tutto...

USA e Italia in Giordania a provare la guerra

E-mail Stampa PDF

di Antonio Mazzeo | da antoniomazzeoblog.blogspot.it

eager-lion-2011A partire dal prossimo 15 maggio, la Giordania sarà al centro di una delle più imponenti esercitazioni belliche mai realizzate nello scacchiere mediorientale. Più di 12.000 militari provenienti da 17 paesi daranno vita ad Eager Lion 2012 che - secondo il Comando USA per le operazioni speciali - “avrà come obiettivo il rafforzamento delle relazioni tra le differenti forze armate attraverso un comune approccio multinazionale ed inter-governativo per affrontare tutte le odierne e future sfide per la sicurezza”. Salvo imprevisti, i giochi di guerra in Giordania dovrebbero concludersi entro i primi giorni di giugno. In passato Eager Lion veniva svolta ogni due anni solo dai militari di Stati Uniti e Giordania. Da quest’anno invece vedrà la partecipazione dei reparti terrestri, aerei e navali dei principali paesi della regione mediorientale, Siria esclusa.

Leggi tutto...

Pagina 1027 di 1040