Associazione Politico-Culturale Marx XXI

Reportage dalla Siria. 1 – Una delegazione internazionale contro l’ingerenza e per la pace

E-mail Stampa PDF

di Marinella Correggia | da www.sibialiria.org

syria-map-flag11Cuba, Venezuela, India, Mozambico, Sudafrica, Turchia e altri: una delegazione internazionale in Siria contro l’ingerenza e per la pace

Sono convinti che in Siria ci sia una cospirazione internazionale e non credono ai media, ai governi di mezzo mondo e all’opposizione siriana cHe parlano di oltre diecimila persone uccise dall’esercito e da milizie filogovernative. Sono 29 organizzazioni, provenienti da 24 paesi soprattutto non occidentali (fra cui Turchia, Venezuela, Cuba, Mozambico, Sud Africa, India, Nepal, Giordania, Libano, Brasile, Russia, e anche alcuni paesi europei) e aderenti alle due organizzazioni internazionali World Peace Council (Wpc) e World Federation of Democratic Youth (Wfdy) che si trovano attualmente in delegazione in Siria (che il 7 maggio va a votare per il nuovo Parlamento). Una “missione di solidarietà e accertamento dei fatti”

Leggi tutto...

La Nato si prepara alle guerre del 2020

E-mail Stampa PDF

di Manlio Dinucci e Tommaso Di Francesco | da il Manifesto

French Marines AfghanistanUna notizia incoraggiante per i disoccupati, i precari, le famiglie colpite in Italia dai tagli alle spese sociali: «Il contributo dell'Italia al fondo per sostenere le forze di sicurezza afghane al termine della transizione, a fine 2014, sarà di sostanza e in linea con la quantità e la qualità della sua presenza in questo decennio in Afghanistan». Lo ha assicurato il ministro Giulio Terzi a Bruxelles durante il Ministeriale Esteri e Difesa della Nato.

L’ammontare complessivo del fondo sarà deciso al Summit Nato, che si svolgerà a Chicago il 20-21 maggio, ma il segretario generale Anders Rasmussen lo ha già quantificato in almeno 4 miliardi di dollari annui. Il grosso della spesa per mantenere le «forze di sicurezza» afghane, circa 350mila uomini, graverà sui maggiori paesi dell’Alleanza, Italia compresa. Rasmussen, lo presenta come un affare, sottolineando che è molto meno costoso finanziare le forze locali piuttosto che dispiegare truppe internazionali in Afghanistan.

Leggi tutto...

La Siria tra le iene travestite da amici e i Brics espunti dalla comunità internazionale

E-mail Stampa PDF

di Diego Angelo Bertozzi per Marx21.it
 

clinton amicidellasiriaLa divisione del mondo tra buoni e cattivi è una operazione da film d’azione hollywoodiano che miete successi nella formazione del consenso ma che, al contempo, non aiuta a capire nulla: da una parte i democratici – cui al massimo si imputa qualche piccola contraddizione – dall’altra i cattivi dittatori, sempre lordi di sangue innocente (sangue trasparente se appoggiati dai primi). Meglio sarebbe, come ci accingiamo a fare ora, operare una distinzione tra chi alimenta costantemente i venti di guerra e chi, invece, cerca di spegnere pericolosi focolai di crisi attraverso le armi della diplomazia: rispetto, dialogo, coinvolgimento delle parti e multilateralismo. Divisione semplicistica pure questa? Di certo non garantiamo la sua validità assoluta ma, proprio per questo, può mostrarsi utile. Soprattutto se, con alle spalle l’aggressione della Libia e la sua devastazione, ci riferiamo alla Siria.

Leggi tutto...

«I ribelli ci uccidono. L’esercito deve restare»

E-mail Stampa PDF

da http://www.avvenire.it

syrian-free-army-armed.nViviamo in Siria da più di sette anni, amiamo questo Paese e il suo popolo. Ci sentiamo indignati e impotenti di fronte al tipo di informazioni che circolano in Europa e fanno opinione, sostenendo le sanzioni internazionali, una delle armi più inique che l’Occidente usa per tenersi le mani pulite e dirigere comunque la storia di altri popoli. Pulite fino a un certo punto: si moltiplicano le segnalazioni della presenza di personale militare inglese, francese (e di altri Paesi) a fianco degli insorti per organizzare le azioni di guerriglia, grave violazione internazionale che passa sotto silenzio. Sono state raccolte firme e fondi per aiutare la “primavera” del popolo siriano.
 

Ma chi ha dato – in perfetta buona fede – offerte e sostegno della “liberazione” della Siria deve sapere che ha finanziato assassini inumani, procurando loro armi, contribuito alla manipolazione dell’informazione, fomentato una instabilità civile che richiederà anni per essere risolta. Sconvolgendo l’equilibrio in un Paese dove la convivenza era pane quotidiano. Perché intervenendo senza conoscere la realtà non siamo più liberi, ma funzionali ad altri interessi che ci manipolano.

Leggi tutto...

Siria: la politica del terrore dell'aggressione imperialista

E-mail Stampa PDF

da "Avante”, settimanale del Partito Comunista Portoghese | Traduzione a cura di Marx21.it
 

terrorista siriaDopo essere stati obbligati a battere in ritirata dall'esercito siriano, i gruppi armati responsabili della violenza nel paese scommettono sugli attentati terroristici. Parallelamente, emergono nuovi elementi sull'ingerenza imperialista in Siria e sulla campagna di intossicazione pubblica messa in atto dai mezzi di comunicazione arabi e degli USA con l'obiettivo di manipolare gli avvenimenti degli ultimi mesi.
 

Secondo le informazioni diffuse dalle agenzie di notizie, le autorità siriane hanno registrato, solo tra il 21 e il 27 marzo, vari atti terroristici consumati o in preparazione. Tra le azioni attribuite ai gruppi armati c'è il sabotaggio di un condotto petrolifero nella provincia di Homs e di una infrastruttura simile di trasporto del gas nei dintorni della città di Deir Ezzor, a cui si aggiunge l'attentato contro un autocarro, sempre nella provincia di Homs, e l'esplosione di una auto-bomba vicino all'ospedale militare nella capitale, Damasco.

Leggi tutto...

Pagina 753 di 765