Associazione Politico-Culturale Marx XXI

Rivoluzioni, golpe o cambiamenti “reazionari”?

E-mail Stampa PDF

ucraina guerriglia ceneredi Federico La Mattina per Marx21.it

E’ impossibile sottrarsi alla valutazione dei cambiamenti politici del presente, al flusso della storia mentre faticosamente prende forma. I paladini dell’imparzialità spesso sono i più accaniti sostenitori delle uniche “verità”. Certamente è doveroso, per chi fa informazione o si occupa di storia contemporanea, attenersi alla correttezza metodologica nel presentare gli avvenimenti: ovvero citare rigorosamente le fonti e muoversi con cautela senza pretendere di possedere la sfera di cristallo. E’ però inevitabile che si prenda posizione di fronte a ciò che accade attorno a noi e la prospettiva da cui si considerano gli eventi (quelli che si ritengono maggiormente rilevanti) sarà inevitabilmente destinata a dividere. Si discute ancora oggi polemicamente di rivoluzione francese e rivoluzione russa: evidentemente le risposte politiche alle domande che tali rivoluzioni posero sono ancora attuali, seppur in un mondo enormemente diverso. Allo stesso modo ci sarà sempre chi parlerà di “golpe del ‘17” (si pensi allo storico Richard Pipes) e chi di “grande rivoluzione d’Ottobre”.

Leggi tutto...

I comunisti tedeschi bloccano l'accesso alla base nucleare di Büchel

E-mail Stampa PDF

dkp buchel bloccoComunicato del Partito Comunista Tedesco (DKP) | da solidnet.org

Traduzione di Marx21.it

Nella mattinata del 22 giugno, militanti del Partito Comunista Tedesco (DKP) hanno bloccato le strade di accesso alla base aerea di Büchel, paralizzandone in tal modo in gran parte le attività.

L'iniziativa è parte di una campagna di lungo termine del movimento della pace contro la conservazione nella base di una ventina di bombe nucleari pronte per l'uso.

Il presidente del DKP Patrik Köbele, presente sul posto, ha dichiarato: “Chiediamo che questa installazione infernale sia immediatamente rimossa. Il governo federale deve immediatamente impegnarsi nei negoziati nell'ambito delle Nazioni Unite sul divieto globale delle armi nucleari invece di continuare a possedere queste armi di distruzione di massa, insieme agli Stati Uniti e agli altri membri della NATO”.

Leggi tutto...

Mar Cinese Meridionale: libertà di navigazione? Per chi e per cosa?

E-mail Stampa PDF

mar cinese meridionale esercitazione usa giapponedi Fabio Massimo Parenti
da opinione-pubblica.com

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Mentre la Cina lavora insieme all'ASEAN per fare del Mar Cinese Meridionale un mare di tutti, gli Stati Uniti interferiscono reclamando una pretestuosa "libertà di navigazione".

Oggi è di nuovo il turno delle isole Xisha (Paracels), oggetto domenica scorsa delle provocazioni della marina statunitense, come già accaduto a giugno e in altre occasioni negli anni passati. Il portavoce della Difesa cinese, Wu Qian, ha denunciato “l’entrata illegale di un cacciatorpediniere Usa nelle acque territoriali della Cina di fronte alle isole Xisha”. “E’ un’offesa seria”, ha continuato Wu, e la Cina è stata costretta ad inviare navi militari ed aerei da combattimento per avvertire la USS Stethem.

Questa situazione si protrarrà secondo le necessità della teatralizzazione mediatica di questioni sensibili. Lo statunitense Jim Dean, caporedattore di Veteran today, ha affermato a Russia Today che “gli USA stanno invischiandosi in dispute in cui non sono stati chiamati”, in cui non sono parte in causa. Si tratta, secondo Dean di un “gioco” di pubbliche relazioni contro la Cina. E’ una campagna che va avanti da un po’ di tempo e l’ultimo incidente, che “avviene a seguito di un ordine di vendita di armi a Taiwan”, è parte di un giro di vite.

Leggi tutto...

A Napoli Hub di guerra per il Sud di Manlio Dinucci

E-mail Stampa PDF

20est1 taranto natodi Manlio Dinucci
il manifesto, 13 luglio 2017

Annunciato dalla ministra Pinotti nell’incontro col capo del Pantagono l’11 luglio a Washington

Chi dice che scarseggiano gli investimenti nel Mezzogiorno? La ministra Pinotti ha annunciato la realizzazione di una grande opera a Napoli: l’Hub per il Sud. Dopo l’incontro con il capo del Pentagono James Mattis, martedì a Washington, ha dichiarato: «Siamo soddisfatti che sia stata accolta la nostra richiesta di trasformare il Comando Nato di Napoli in Hub per il Sud».

Il comando di cui parla è il Jfc Naples, il Comando della Forza congiunta alleata con quartier generale a Lago Patria (Napoli), agli ordini dell’ammiraglia statunitense Michelle Howard che, oltre ad essere a capo del Comando Nato, è comandante delle Forze navali Usa per l’Europa e delle Forze navali Usa per l’Africa.

Leggi tutto...

Il futuro del Brasile dipende sempre da Lula

E-mail Stampa PDF

lulaindignado 0di Emir Sader* | da alainet.org

Traduzione di Marx21.it

La destra brasiliana ha architettato il colpo di Stato contro i governi guidati dal Partito dei Lavoratori-PT, ma ora non sa che fare con il proprio governo. La sinistra ha prodotto Lula e la destra non sa che fare con Lula.

La destra non sa se intende proseguire con Temer come presidente o avviare la delicata operazione della sua sostituzione. Molti settori della destra brasiliana ormai considerano Temer un cadavere politico, ma il suo cattivo odore non è ancora sufficiente perché si generi una nuova unità tra i golpisti brasiliani allo scopo di sostituirlo.

Anche con Lula la destra non sa che cosa fare. Ha provato a farlo condannare, ma il rischio è quello di renderlo ancora più popolare e oggetto di un sostegno ancora più diffuso nel paese, in quanto vittima di un processo senza fondamento, senza prove. E con il rischio di non riuscire a mantenere la condanna e che l'attacco si tramuti in un fiasco, con le conseguenze peggiori per la destra brasiliana. O dovere affrontare Lula come candidato, con tutte le possibilità di perdere nuovamente.

Leggi tutto...

Pagina 5 di 765