Aggressione alla sede del Comitato Centrale del Partito Comunista del Cile

E-mail Stampa PDF
Traduzione di l'Ernesto online

Un gruppo di provocatori ha attaccato con inaudita violenza la sede del Comitato Centrale del Partito Comunista, provocando il serio ferimento di quattro militanti, danni considerevoli al locale e il furto di cellulari e attrezzature audiovisive.

Di fronte a questa provocazione, di dubbia origine, i militanti comunisti, che si trovavano nel locale, hanno opposto resistenza.

Il gruppo che ha attaccato la sede e le persone che vi si trovavano all'interno, usando bastoni e gridando slogan contro il Partito Comunista. Dopo avere distrutto vetrate con pietre, il gruppo ha tentato di irrompere con violenza nei locali. Un gruppo più numeroso che aspettava nelle vicinanze ha cercato di abbattere la porta di accesso e i vetri della porta interna oltre a scagliare pietre contro altri vetri del locale.

Dobbiamo far presente che, trovandoci di fronte alla violenza degli aggressori, abbiamo fin dall'inizio comunicato quanto stava accadendo alla centrale dei Carabinieri e al Ministro dell'Interno. Cerchiamo sempre di evitare situazioni che attentino all'integrità delle persone. Una nostra militante ha dovuto essere ingessata e un altro compagno ha subito la rottura del naso.

Malgrado ciò, nel corso dell'aggressione che è durata più di un'ora, la forza pubblica non si è fatta vedere.

Questo attacco non è isolato. Due giorni fa è stata attaccata con estrema violenza la sede del Partito Comunista a Iquique, e alcune settimane fa un episodio simile si è verificato a Temuco.

Gli attacchi sono manovre per dividere il movimento sociale che lotta per un'Educazione degna, e per intimidire il Partito Comunista nella sua iniziativa a sostegno delle rivendicazioni popolari.

E' chiaro che il nostro Partito e la nostra Gioventù Comunista non si faranno intimidire da queste aggressioni e continueranno ad assolvere al loro ruolo di forze politiche che, insieme a milioni di cileni, apriranno la strada ai cambiamenti di fondo che il popolo esige.

Comitato Centrale del
Partito Comunista del Cile

Santiago de Chile, 12 settembre 2011