Associazione Politico-Culturale Marx XXI

Comunicato della FSM sulla Giornata internazionale della Donna, 8 marzo 2017

E-mail Stampa PDF

donne scioperoFederazione Sindacale Mondiale (FSM)

wftucentral.org

Traduzione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

Sotto il tema "Donna lavoratrice sempre in prima linea nelle lotte sociali, nella vita e nelle azioni della FSM", la Federazione Sindacale Mondiale anche quest'anno onora l'anniversario dell'8 marzo 2017, 160 anni dopo la sollevazione delle operaie a New York, chiedendo migliori condizioni di lavoro, uguaglianza e una vita con diritti.

Inviamo i nostri più calorosi saluti a tutte le donne sindacaliste che continuano la lotta di queste donne pioniere, all'interno del movimento sindacale con orientamento di classe e della FSM, e ci congratuliamo per la loro audacia e azione militante. Salutiamo le donne lavoratrici in tutto il mondo, le donne degli strati popolari poveri, che ogni giorno si sforzano per sopravvivere e sostenere le loro famiglie. Salutiamo le donne immigranti e rifugiate, che lasciano i loro paesi a causa delle guerre imperialiste.

Dalla sua fondazione ad oggi, la FSM ha fermamente appoggiato la donna lavoratrice attraverso varie attività e iniziative. Ha sempre evidenziato i problemi specifici che affrontano le donne, come gruppo sociale più colpito dall'aggressione del sistema capitalista, dallo sfruttamento, dagli interventi imperialisti.

Leggi tutto...

Ucraina. Kiev, capitale mondiale dell’odierno neonazismo in Europa

E-mail Stampa PDF

ucraina nazi bracciotesoa cura di Enrico Vigna, 15 gennaio 2019

In queste foto e nella cronaca seguente avvenimenti e realtà che dovrebbero far riflettere nel nostro paese, chi continua stoltamente a schierarsi o a non “voler” vedere la posta in gioco in Ucraina e nel Donbass. Altro che quattro gruppetti di imbecilli, ininfluenti nel nostro paese. In quella regione esiste il rischio dell’esplosione di un conflitto che destabilizzerebbe il mondo intero, stante le parti in campo. E queste forze neonaziste ucraine, presenti nel parlamento ucraino e anche in quello europeo, sono certamente una massa di fanatici ed esaltati, ma influenti e decisivi nei giochi e processi politici nell’Ucraina golpista del dopo Maidan; sono inoltre un arma importante per i burattinai NATO e occidentali, oltrechè essere la solita carne da cannone storicamente data.

Leggi tutto...

Il giorno della vittoria di Cuito Cuanavale è il giorno della liberazione dell'Africa australe

E-mail Stampa PDF

HageGeingob namibiada "Avante!”, Settimanale del Partito Comunista Portoghese

Traduzione di Mauro Gemma per Marx21.it

Il presidente della Namibia e presidente della Comunità per lo Sviluppo dell'Africa Australe (SADC), Hage Geingob, ha celebrato il 23 marzo il significato storico della vittoria della battaglia di Cuito Cuanavale.

Il leader namibiano ha parlato in quella località, nel sud-est dell'Angola, in occasione di una cerimonia che ha celebrato per la prima volta il Giorno della Liberazione del Sud Africa nell'anniversario della fine della battaglia, il 23 marzo 1988.

Leggi tutto...

In Georgia si reprimono gli antifascisti, ma da noi nessuno se ne accorge (video)

E-mail Stampa PDF

georgia comunisti repressioneda kprf.ru051.html

Mentre, nell'intero Occidente, la gran parte delle forze politiche e dell'apparato mediatico di ogni tendenza è impegnata a sostenere vergognosamente i fascisti che hanno organizzato un golpe in Venezuela e che invocano quotidianamente l'intervento armato di potenze straniere contro il proprio paese, nella Georgia che si appresta ad aprire basi militari USA, nell'indifferenza completa dell'opinione pubblica statunitense ed europea, in base a una famigerata legge che vieta l'ideologia e i simboli comunisti (esattamente come in Ucraina), si aggrediscono e si arrestano militanti antifascisti colpevoli unicamente di difendere le bandiere della vittoria contro la peste hitleriana e di celebrare gli eroi e i martiri che hanno combattuto nelle file dell'Armata Rossa e della Resistenza contro l'aggressione nazista.

Leggi tutto...

I comunisti armeni dicono no a Soros e si schierano a difesa delle relazioni armeno-russe

E-mail Stampa PDF

pc armeniaDichiarazione di Yerdzhanik Kazaryan, Primo Segretario del Partito Comunista dell'Armenia

da skpkpss.ru

Traduzione dal russo di Mauro Gemma

I comunisti armeni hanno aderito all'azione del movimento sociale e politico "VETO" per chiedere la chiusura dell'ufficio della Fondazione Soros nel centro di Erevan.

Sebbene le autorità armene abbiano collocato un cordone di polizia contro i partecipanti al meeting, in difesa della rappresentanza locale di questa struttura occidentale, si sono verificati diversi scontri.

Leggi tutto...

Pagina 17 di 1039