L'impegno dei comunisti russi a sostegno delle popolazioni del Donbass

E-mail Stampa PDF

da kprf.ru | Traduzione dal russo di Mauro Gemma

Il 10 settembre, i comunisti di Mosca si sono dati appuntamento, nei pressi della capitale, nel sovkhos che prende il nome di Lenin, in occasione della partenza del quattordicesimo convoglio umanitario allestito dal Partito Comunista della Federazione Russa (PCFR) per soccorrere le popolazioni delle repubbliche popolari dell'est dell'Ucraina. Nell'occasione, il vicepresidente del PCFR Vladimir Kashin ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“Il nostro compito principale è spedire prontamente il carico nella Novorossiya. Questo è il quattordicesimo convoglio umanitario in soccorso degli abitanti delle Repubbliche Popolari e dei combattenti, che armi alla mano difendono la pace e l'indipendenza del sud est dell'Ucraina dal fascismo e dalla “banderovschina”.

I difensori della Novorossiya devono sentire non solo il nostro sostegno morale, ma anche ricevere pronta assistenza. Il nostro contributo assolve a questo compito.


Nonostante gli impegni sottoscritti a Minsk sulla cessazione del fuoco nel sud est dell'Ucraina, i combattenti della guardia nazionale stanno cercando di far fallire il trattato di pace, continuando i bombardamenti su Lugansk e Donetsk e spacciandoli per azioni di difesa.

Tutti comprendono che la tregua raggiunta è ancora molto fragile, ma noi siamo convinti che la vittoria sarà della Novorossiya. Poiché non è possibile spezzare la volontà dei suoi abitanti, che non intendono venire a patti con le azioni dell'attuale governo, che attraverso un sanguinoso colpo di stato ha sequestrato le leve del potere e si comporta come una divisione delle SS, bersagliando bambini e vecchi, con l'utilizzo di armi mortali.

Le Repubbliche Popolari di Donetsk e Lugansk devono essere ripulite dai “banderovcy”, ottenere la libertà e stabilire legami economici e politici, anche con l'Ucraina.

La comunità mondiale deve fare tutto il possibile per mettere fine al caos che oggi si è scatenato nel territorio dell'Ucraina, e coloro che propagandano apertamente l'ideologia fascista devono essere condotti davanti a un tribunale internazionale.

Desidero ringraziare tutti i nostri attivisti, candidati e deputati, impegnati a Mosca e nei dintorni della capitale e che stanno offrendo un contributo significativo alla formazione dei carichi, gli autisti e gli accompagnatori, che gestiscono operativamente questo convoglio, i lavoratori del sovkhos Lenin e il suo direttore Pavel Nikolaevich Grudinin per avere fornito servizi e assistenza al momento del carico.

Il contributo dei comunisti alla lotta per la pace e l'indipendenza delle Repubbliche Popolari è significativo e tangibile. Ma in previsione dell'inverno, è necessario intensificare il nostro lavoro per la raccolta e l'invio di convogli umanitari agli abitanti della Novorossiya. La vittoria sarà nostra!”.