Un Seminario internazionale a Pechino sulla crisi mondiale del capitalismo e le prospettive dei comunisti, della sinistra e del socialismo nel mondo

E-mail Stampa PDF

Tra i relatori anche un italiano, il compagno Fausto Sorini, sulla situazione del movimento comunista in Europa.

soriniIl 7-8 novembre 2013 scorsi si è svolto a Pechino un importante seminario internazionale “a porte chiuse”, come momento interno di discussione e di approfondimento, promosso dal Centro studi del Dipartimento esteri del Partito comunista cinese (CCCWS) e dalla sezione cinese della Fondazione Rosa Luxemburg, legata alla Linke tedesca. 

Il tema: “La sinistra mondiale di fronte alla crisi del capitalismo e alle prospettive del socialismo nel mondo”.

Al seminario erano invitati come relatori su una serie di temi specifici di approfondimento una trentina di esponenti politici e intellettuali, di cui una ventina di parte cinese (dirigenti del settore esteri del partito, della scuola di partito, ricercatori dell'Accademia della Scienze sociali, docenti universitari), ed una decina da altre parti del mondo.

E precisamente, due esponenti politici e intellettuali dall'America Latina (Ecuador e Cuba), due dagli Stati Uniti (un docente universitario e un ricercatore), uno dal Giappone (membro della segreteria del PC giapponese e responsabile del settore esteri) e uno dall'India (membro dell'Ufficio politico del PC indiano-marxista), e 5 dall'Europa: di cui tre esponenti tedeschi (uno della Fondazione Rosa Luxemburg, un esponente della rivista berlinese Das Argument e un dirigente della Linke), uno francese (parlamentare del PS francese, già segretario generale del Partito Socialista Europeo), e un italiano (Fausto Sorini, della segreteria nazionale del PdCI, responsabile del settore esteri e membro del direttivo dell'Associazione Marx21), a cui è stata chiesta una relazione su: “Situazione e sviluppi dei partiti comunisti in Europa”.

Prossimamente tutte le relazioni e gli atti del seminario saranno pubblicati in inglese e in cinese, dopo essere stati rivisti e completati dagli autori, e verranno messi in circolazione internazionalmente.

Di seguito anticipiamo, per gentile concessione degli organizzatori del seminario, il testo pressoché integrale in lingua italiana (non ancora rivisto) della relazione del compagno Fausto Sorini.



“Situazione e nuovi svilupppi dei partiti comunisti in Europa”
relazione di Fausto Sorini

1. Due questioni preliminari vanno chiarite.

-Che cosa intendiamo per “Europa”?
-Che cosa intendiamo per “partiti comunisti” europei?

2. L'Europa non è solo l'Unione europea (Ue). Si estende dall'Atlantico agli Urali, con una superficie di 10.832.312 kmq ed una popolazione di poco più di 800 milioni, di cui 500 milioni in area Ue.

Comprende 49 Stati indipendenti internazionalmente riconosciuti, di cui 5 (Russia, Turchia, Georgia, Armenia, Azerbaigian) hanno parte del loro territorio in Asia, ma per ragioni storiche e culturali sono considerati in parte buona Paesi “europei”. 1 

Di questi 49 Stati, 28 fanno parte dell'Ue, 17 dell'Eurozona. 2

CONTINUA A LEGGERE