Il piano B di Grecia e Germania dopo il referendum

Il piano B di Grecia e Germania dopo il referendum

di Demostenes Floros

La contesa tra Atene e l’ex Troika è più politica che economica e non riguarda solo il debito pubblico. Merkel prepara da tempo un progetto alternativo all’Eurozona attuale, Tsipras dovrebbe fare lo stesso

Continua...
“L'Europa destabilizzata dal potere di ricatto dei creditori”

“L'Europa destabilizzata dal potere di ricatto dei creditori”

Intervista a V.Giacché

Le ultime vicende sulla crisi greca hanno mostrato come un governo democratico, fedele al suo mandato elettorale, possa mettere in discussione la governance europea...

Continua...
Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2011 JoomlaWorks Ltd.

Associazione Politico-Culturale Marx XXI

Il piano B di Grecia e Germania dopo il referendum

E-mail Stampa PDF

Il triangolo Cina Russia Germania 820 814di Demostenes Floros | da Limes Online

La contesa tra Atene e l’ex Troika è più politica che economica e non riguarda solo il debito pubblico. Merkel prepara da tempo un progetto alternativo all’Eurozona attuale, Tsipras dovrebbe fare lo stesso.

A maggio, il prezzo del petrolio è calato di circa 2 dollari al barile ($/b). In particolare, il Brent ha chiuso poco sopra i 63$/b mentre la qualità Wti attorno ai 59$/b. L’euro si è inizialmente apprezzato verso il dollaro superando quota 1,14€/$ dopo che la Fed ha dichiarato che il rialzo dei tassi sarà più lento e meno intenso rispetto a quanto precedentemente ipotizzato, per poi deprezzarsi a 1,12€/$ in conseguenza degli effetti della crisi greca.

Nonostante l’offerta globale di petrolio sia diminuita di 155 mila barili al giorno (b/d), collocandosi attorno ai 96 milioni di b/d, essa continua a eccedere la domanda per circa 1.5 milioni b/d. Secondo lestime dell’International Energy Agency, quest’ultima crescerà nell’anno in corso di 1.4 milioni di b/d sulla scia di un incremento del pil mondiale del 3,3%.

Leggi tutto...

Comunicato congiunto del Partito Comunista Portoghese e AKEL di Cipro

E-mail Stampa PDF

encontro pcp akel chipre spg lisboada www.pcp.pt

Traduzione di Marx21.it

Nel quadro delle tradizionali relazioni di amicizia e cooperazione tra i due partiti, si è recata in Portogallo, il 25 e 26 giugno, su invito del PCP, una delegazione del Partito Progressista del Popolo Lavoratore (AKEL) di Cipro, guidata dal suo Segretario generale, Andros Kiprianou.

Durante la sua visita, la delegazione di AKEL si è incontrata con una delegazione del PCP, guidata da Jeronimo de Sousa, Segretario generale del PCP.

In questo incontro i due Partiti hanno avuto l’opportunità di scambiare informazioni sulla situazione nei rispettivi paesi, sulla situazione nell’Unione Europea e su altri aspetti della situazione internazionale e di interesse comune,  e il PCP ha ribadito il proprio appoggio alla lotta di AKEL e del popolo cipriota per la fine dell’occupazione turca e per la riunificazione di Cipro e del suo popolo, in accordo con le risoluzioni delle Nazioni Unite.

Leggi tutto...

“L'Europa destabilizzata dal potere di ricatto dei creditori”

E-mail Stampa PDF

renzi merkel 510 2 7 2015Intervista a Vladimiro Giacché di Marta Fana
da MicroMega Online

Le ultime vicende sulla crisi greca hanno mostrato come un governo democratico, fedele al suo mandato elettorale, possa mettere in discussione la governance europea, rigida su regole punitive che nulla hanno a che fare con la virtuosità dei paesi dell’eurozona. Il fallimento più grande è proprio l’architettura della UE e dei suoi Trattati, che negano la possibilità di agire su obiettivi realmente strutturali, come l’occupazione, la capacità produttiva e i redditi. In questo contesto, la moneta unica è uno strumento di potere funzionale ad interessi altri, quali la stabilità dei prezzi e delle banche. Se è vero che bisogna rimettere in discussione regole e obiettivi europei, allo stesso tempo è necessario capire in quali tempi queste modifiche possono intervenire. Più i tempi sono lunghi più è inevitabile che anche la moneta unica possa essere rimessa in discussione, in quanto strumento di potere. Ne parliamo con Vladimiro Giacché, economista e Presidente del Centro Europa Ricerche.

Nonostante l’intransigenza mostrata dal governo tedesco e qualche gioco strategico, pare che la fermezza di Tsipras abbia mandato in tilt l’armonia della governance europea. Come lo interpreta?

Tsipras ha fatto una cosa nuova nell’Europa di questi ultimi anni: ha cercato di tener fede al mandato elettorale ricevuto. Ha trattato, ma quando ha visto che quello che veniva richiesto dalla controparte (peraltro senza contropartite immediate in termini di debt relief) era incompatibile col mandato elettorale ricevuto, ha detto che a quel punto soltanto gli elettori del suo Paese potevano decidere se accettare le proposte europee. In questo modo ha rotto il potere di ricatto dei creditori. Questo ha mandato in tilt la governance europea, che in questi ultimi anni è stata caratterizzata da un potere esorbitante dei creditori. L’Europa oggi viene destabilizzata non da Tsipras, ma proprio da quel potere esorbitante, che ha avuto conseguenze pesantissime per molte economie tra cui la nostra.

Leggi tutto...

Nicolas Maduro: "Fratelli e sorelle della Grecia non abbiate paura a spezzare le catene del FMI"

E-mail Stampa PDF

maduro tsiprasda www.lantidiplomatico.it

"E' in corso una guerra economica per impedire che il popolo greco ritrovi la sua libertà ed indipendenza"

"Mi rivolgo al popolo greco, a Tsipras e a Syriza". Inizia così il video-messaggio del presidente della repubblica bolivariana Nicolas Maduro diretto ad Atene. "Il popolo bolivariano offre tutto l'appoggio e il suo abbraccio fraterno al popolo greco".

E ancora: "Nasce in Grecia due mila anni fa la parola democrazia e il popolo greco sta rispondnedo con democrazia. Noi abbiamo vissuto questa stessa fase: in Venezuela si privatizzò tutto, si sono portati via le pensioni, l'istruzione pubblica. Poi abbiamo rotto le catene del Fmi". E qui arriva il messaggio preciso al popolo greco: "Non abbiate paura di rompere le catene del Fmi e del neo-liberismo, fratelli e sorelle della Grecia, non permettete che facciano ancora scorrere altro sangue del popolo e depredare le ricchezze del paese"

E' questo il cammino, il cammino, prosegue Maduro. "Ammiriamo quello che sta facendo il popolo greco. Una lotta difficile di fronte al ricatto finanziario in corso. E' una guerra economica. E' in corso una guerra economica per impedire che il popolo greco ritrovi la sua libertà ed indipendenza".

Leggi tutto...

La rottamazione neoliberista della scuola della Costituzione è un attacco a tutti i lavoratori

E-mail Stampa PDF

Come specificato nel post-scriptum aggiunto appositamente dall'autore, questo intervento è stato scritto alcune settimane fa, prima dell'approvazione al Senato con un gravissimo voto di fiducia. Lo riproponiamo comunque, come contributo di analisi non schiacciato sulla cronaca, ma volto a ragionare anche sulle tendenze di fondo della lotta intrapresa dalle classi dominanti sul tema della scuola, così come sul tipo di risposta che si rende necessario da parte delle classi subalterne.

l'articolo è stato pubblicato anche su Gramsci Oggi n.2/2015


renzi buona scuola cambiodi Andrea Zirotti

Anche un cittadino mediamente distratto ha potuto avvertire che i provvedimenti sulla scuola del governo hanno suscitato nello stesso mondo della scuola un'opposizione finora vasta, visibile, multiforme. Renzi e i suoi ministri si sono prodigati a rintuzzare l'ondata di critiche, con una propaganda che tuttora alterna toni sprezzanti a false disponibilità al dialogo e non disdegna messaggi offensivi per gli insegnanti, come la sceneggiata alla lavagna del "capo" del governo. Non c'è dubbio: il governo è sempre in prima linea, anche in questo aspetto del lavoro politico; il ruolo delle forze parlamentari, in primis dello zelante PD, ma anche delle giubilanti FI e NCD, è in ciò di supporto.

Qual è il nodo del conflitto? Una prima risposta, astenendosi da giudizi di valore, può essere: la ristrutturazione (o, meglio, la sua continuazione) del sistema scolastico nazionale. Nel rispondere a questa domanda, non di rado c'è chi si sofferma ora su uno, ora su un altro aspetto di questa devastante controriforma, perdendo di vista il progetto complessivo di trasformazione, per non dire del suo rapporto con il contesto attuale: un atteggiamento prevedibile in questi tempi di deboli coscienze politiche, in cui riesce a prevalere una lettura di tipo sindacale, e di sindacati in tempi di deboli coscienze politiche.

Leggi tutto...

Il portale USA “Vox” illustra lo scenario Baltico in un'ipotetica guerra tra Russia e NATO

E-mail Stampa PDF

estonia usarussiada Sputnik News

Il 30 giugno il portale americano “Vox” ha illustrato lo scenario di una guerra tra la Russia e la NATO in Estonia, dalle proteste a Narva fino alla guerra nucleare.

Quando i politici e i commentatori dei media occidentali parlano della probabilità di una guerra tra gli Stati Uniti e la Russia, la maggior parte di loro si riferisce ai Paesi Baltici, scrive il portale americano "Vox".

Secondo le teorie degli analisti di "Vox", il punto di scontro militare tra l'Alleanza Atlantica e la Russia può essere l'Estonia, Paese baltico con una popolazione di 1,3 milioni di persone, di cui "la maggioranza degli americani ignora persino l'esistenza".

"L'Estonia, la Lettonia e la Lituania sono Paesi noti come Stati Baltici, si trovano all'estremità dell'Europa orientale in prossimità delle frontiere della Russia. Facevano parte dell'Unione Sovietica. Questi Paesi sono luoghi da cui, secondo i timori di diversi analisti occidentali, potrebbe prendere il via la Terza Guerra Mondiale," — si legge nell'articolo.

Leggi tutto...

Demostenes Floros: “Geopolitica dell’energia”

E-mail Stampa PDF

La prima parte dell’intervento di Demostenes Floros sul Turkish Stream, il nuovo, strategico gasdotto proposto da Putin dopo che la Bulgaria, su pressione degli USA, ha ritirato la concessione al passaggio del precedente progetto, il South Stream. Una questione imprescindibile per capire il presente e il futuro europeo. 

Leggi tutto...

La Costituente Comunista: una prospettiva ambiziosa e necessaria

E-mail Stampa PDF

communism1 632x276di Domenico Losurdo*

Una sfida da affrontare e vincere

La Costituente comunista è una prospettiva ambiziosa e necessaria, e al tempo stesso una sfida temibile. Almeno in Europa occidentale la dura sconfitta subita dal movimento comunista tra il 1989 e il 1991 ha comportato un terribile impoverimento, oltre che sul piano teorico, anche su quello etico – politico.

Persino gli intellettuali che non si associano al coro impegnato a infangare la «forma-partito» si rivelano spesso incapaci di agire in modo associato. Sembrano aver dimenticato il significato dell’agire politico e soprattutto di un agire politico che intenda trasformare radicalmente la realtà esistente e che pertanto è costretto a scontrarsi con un apparato di manipolazione più poderoso che mai. Sappiamo dai nostri classici che la piccola produzione è il terreno sul quale attecchisce l’anarchismo. Gli odierni sviluppi della comunicazione digitale comportano di fatto un forte rilancio della piccola produzione intellettuale. Ed ecco che, nel clima venutosi a creare in seguito alla sconfitta del 1989-1991 e al connesso impoverimento etico – politico, non pochi intellettuali anche di orientamento comunista tendono a rinchiudersi ciascuno nel suo blog, nel suo sito, nella sua minuscola organizzazione.

Leggi tutto...

I comunisti di Cipro difendono il diritto sovrano dei greci a decidere il proprio destino

E-mail Stampa PDF

grecia bandiere silhouetteda www.akel.org.cy

Traduzione di Marx21.it

Dichiarazione di Stavros Evagorou, del Partito Progressista del Popolo Lavoratore di Cipro (AKEL)

E' ormai chiaro che l'obiettivo dei circoli dirigenti dell'UE non è la ricerca di una soluzione dignitosa della questione greca, ma l'umiliazione e la degradazione della Grecia e del popolo greco. Le istituzioni non sono minimamente interessate alla grave crisi umanitaria, né all'impoverimento del popolo greco.

Ciò che interessa a costoro è mettere in ginocchio il popolo greco e costringerlo a cedere di fronte al ricatto esercitato dai neocolonialisti dell'UE.

Anche il popolo cipriota, la cui struttura socio-economica è stata distrutta in una sola notte con la cooperazione del governo diretto dal partito DISY, ha sofferto per tali comportamenti estremi e disumani.

Leggi tutto...

Dalle Acciaierie di Terni un'altra adesione operaia alla Costituente Comunista

E-mail Stampa PDF

da www.ricostruirepc.it

Se mai ve ne fosse stato bisogno, la difficile condizione e le lotte degli operai delle Acciaierie di Terni di quest’ultima fase l’hanno ribadito: la classe operaia, i lavoratori hanno bisogno come il pane di una loro rappresentanza politica. Hanno bisogno che la sinistra di classe finalmente si unisca e di questa unità sia parte integrante un nuovo e più forte partito comunista. È a partire anche da ciò che ho – e abbiamo – apprezzato il documento pubblicato domenica 21 giugno su “ il Manifesto”, per la Costituente Comunista. Dico anche da ciò perché l’esigenza di una nuova forza comunista organizzata, radicata e di lotta non è utile solo per la costruzione dell’unità della sinistra di classe. È anche necessaria per ricostruire un movimento di massa contro la guerra imperialista e per riaprire un orizzonte di trasformazione sociale, rilanciando la questione del socialismo.

Romano Barbarossa – operaio – RSU FIOM – CGIL Acciaierie Terni

Leggi tutto...

La lunga mano della Nato

E-mail Stampa PDF

USA ISIS01di Manlio Dinucci
da il manifesto, 30 giugno 2015

«Ripugnante violenza»: così il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg definisce l’attacco terroristico in Tunisia. Cancella con un colpo di spugna il fatto che la reazione a catena, di cui la strage in Tunisia è uno degli effetti, è stata messa in moto dalla strategia Usa/Nato.

Un documento desecretato del Pentagono, datato 2012, conferma che l’Isis, i cui primi nuclei vengono usati dalla Nato per demolire con la guerra lo Stato libico, si forma in Siria reclutando soprattutto militanti salafiti sunniti. Finanziati da Arabia Saudita e altre monarchie, essi vengono rifor­niti di armi attra­verso una rete della Cia. Obiettivo: «stabilire un principato salafita nella Siria orientale», in funzione anti-sciita, e da qui scatenare l’offensiva in Iraq quando il governo dello sciita al-Maliki si allontana da Washington, avvicinandosi a Pechino e Mosca.

Ulteriore conferma viene da documenti sauditi, appena rivelati da Wikileaks: essi dimostrano che, almeno dal 2012, l’Arabia Saudita alimenta la guerra segreta in Siria, di concerto con la Turchia. Quindi con la Nato, che loda la propria partnership con l’Arabia Saudita e le altre monarchie del Golfo perché «forniscono in modo sempre più efficiente sicurezza, anche al di là della loro regione».

Leggi tutto...

L'Alleanza Bolivariana sulla situazione in Grecia

E-mail Stampa PDF

grecia donna bandierada www.portalalba.org

"L'Alleanza bolivariana dei popoli di Nuestra America-Trattato di commercio per i popoli (Alba-Tcp) esprime il suo più fermo sostegno e solidarietà al popolo e al governo greco di fronte al vorace assedio del capitalismo finanziario mondiale e dei suoi rappresentanti europei, coloro che senza scrupoli e con eccessiva ambizione pretendono di piegare la scelta di questo paese per una vita degna e giusta; il cui centro sia la salvaguardia della vera democrazia e dei diritti umani, non dei vergognosi privilegi e le conseguenze distruttive del capitale neo-liberista transnazionale.

Noi popoli e governi dell'Alba-TCP, convinti dal Comandante Hugo Chávez che la "storia ci chiama all'unione e alla lotta", inviamo un messaggio di sostegno per il coraggioso popolo e governo greco, convinti che la battaglia storica che sta portando avanti è una lotta per la salvezza dell'intera specie umana, per la vita, per la libertà e per l'autodeterminazione di tutti i popoli.

Leggi tutto...

I comunisti portoghesi per il rispetto delle scelte sovrane del popolo greco

E-mail Stampa PDF

grecia europa bandierada www.pcp.pt

Traduzione di Marx21.it

Dalla risoluzione del Comitato Centrale del Partito Comunista Portoghese (PCP) del 28 giugno 2015

“Mentre si annuncia lo svolgimento di un referendum in Grecia il giorno 5 luglio, il Partito Comunista Portoghese riafferma la sua ferma condanna delle manovre dell’Unione Europea e del FMI contro la Grecia e la richiesta che sia rispettato il diritto del popolo greco a decidere del suo presente e futuro, libero da qualsiasi ingerenza e ricatto.

Questo processo conferma che l’ “Unione Europea della coesione e della solidarietà” non esiste. Nei cosiddetti “negoziati”, l’UE e il FMI non sono mai stati interessati alla soluzione dei gravi problemi del popolo e dell’economia, ma ad imporre politiche di maggiore e brutale sfruttamento un nuovo  salasso delle risorse di quel paese.

Leggi tutto...

Sorini (resp. Esteri PCdI): “Solidarietà piena con lotta del popolo greco in difesa dei propri diritti e della propria sovranità”

E-mail Stampa PDF

folla greciadi Fausto Sorini, segreteria nazionale PCdI, responsabile esteri

da www.comunisti-italiani.it

La scelta dell’eurogruppo UE di respingere ogni volontà di compromesso ragionevole col governo greco rappresenta la tomba di ogni sia pur residua e illusoria credibiltà e riformabilità dell’Unione europea in senso progressivo.

Siamo pienamente solidali con la lotta del popolo greco in difesa dei propri diritti legittimi e della propria sovranità e ci auguriamo che essi si affermino in modo inequivocabile nel referendum del 5 luglio.

Leggi tutto...

Segnali di guerra: che fare?

E-mail Stampa PDF

war silhouettedi Fausto Sorini, segreteria nazionale PCdI, responsabile esteri

Siamo in presenza di una escalation terroristica a livello internazionale che in queste ore ha visto un pericoloso innalzamento.

Essa è volta a creare nell'opinione pubblica europea e occidentale una atmosfera di paura e di insicurezza, che giustifichi poi atti di guerra da parte degli USA e della NATO, presentati come interventi "necessari" per proteggere la sicurezza dei popoli europei.

Gli incendiari appiccano il fuoco: poi si presentano come pompieri.

I settori più oltranzisti del capitalismo USA non si rassegnano al fatto che viviamo ormai in un mondo in cui gli Stati Uniti devono convivere con pari dignità con altri Paesi e regioni emergenti del mondo (Russia, Cina, India, Brasile, Sudafrica..) e non possono più farla da padroni.

Questi ambienti USA, insieme all'Arabia Saudita, hanno creato l'ISIS e finanziato il suo esercito di 50.000 uomini. 

Leggi tutto...

Lotta alla fame: le ricadute globali dell'esempio cinese

E-mail Stampa PDF

cina folla stradadi Diego Angelo Bertozzi per Marx21.it

Per la Cina popolare arriva un altro “prestigioso” riconoscimento sulla via del rispetto e della tutela di fondamentali diritti umani: quello alla vita e la libertà dal bisogno. Un diritto e una libertà che nel 1949, anno della fondazione della Repubblica popolare, erano per larghe fasce della popolazione, soprattutto rurale, semplicemente fantascienza.

Ad esprimersi con chiarezza è stato Piero Conforti, economista della Fao, a margine della cerimonia, avvenuta a inizio giugno nella sede di Roma dell’organizzazione dell’Onu, che ha premiato Pechino per avere dimezzato con puntualità il numero assoluto di persone che soffrono la fame, raggiungendo uno degli obiettivi più stringenti fissati nel 1996 al Vertice mondiale sull’alimentazione: "Avere un grande paese che ha raggiunto l’ambizioso obiettivo è qualcosa che ha un grande impatto. I progressi in Cina sono una buona notizia non solo per il popolo cinese, ma per il resto del mondo." I numeri citati nel rapporto Fao ”The State of Food Insecurity in the World 2015" parlano chiaro: il numero di persone che soffrono la fame in Cina è sceso a 133,8 milioni nel 2015 dai circa 289 milioni nei primi anni 1990, con una riduzione di circa il 54%.

Leggi tutto...

Pensioni: il PCdI si mobilita per far rispettare il verdetto della Corte costituzionale

E-mail Stampa PDF

pensionidi Mauro Alboresi
da www.comunisti-italiani.it

Care compagne e cari compagni, nelle scorse settimane, come noto, da parte dei diversi organi di stampa e di informazione, è stato sottolineato con molta enfasi il pronunciamento della Corte Costituzionale che ha giudicato illegittimo il blocco della rivalutazione di gran parte delle rendite da pensione operato nel 2011 dal Governo Monti con il pieno consenso delle forze politiche che lo sostenevano.

Da più parti è stato evidenziato che la restituzione agli aventi diritto di quanto loro indebitamente non corrisposto comporterebbe per le casse dello Stato un esborso di circa 13 miliardi di euro per l’intero periodo considerato.

Il governo Renzi, costretto ad intervenire, ha deciso di corrispondere, con decorrenza 1 Agosto, una quota una tantum, a titolo di rimborso, ad una parte soltanto degli interessati, corrispondente ad una cifra complessiva assai inferiore a quella paventata.

Leggi tutto...

Ricostruzione del Partito Comunista: un'adesione operaia dalla Indesit

E-mail Stampa PDF

da www.ricostruirepc.it

Ho letto con molto interesse l’appello per la ricostruzione del Partito Comunista. Credo che sia urgente impegnarsi perché anche nel nostro Paese esista un soggetto politico organizzato che ricomponga la sinistra di classe, il movimento operaio e dia la direzione, su basi marxiste, per superare la crisi economica strutturale che è insita nel sistema capitalista.

Da troppo tempo è assente una rappresentanza politica per i più deboli, gli emarginati, i precari cosicchè le disuguaglianze si accentuano all’interno di una globalizzazione che azzera diritti, welfare e giustizia sociale. Il mondo del lavoro è sempre più ai margini della discussione politica e i lavoratori sono ancor più impotenti di fronte all’arretramento delle proprie condizioni di vita e di lavoro; la minaccia imperialista è alle porte dell’Ue con l’avanzamento dello stato islamico e la guerra portata dagli USA e dalla NATO in Ucraina, che mette una ipoteca pesante sul nostro futuro. Per tutto questo e per molto altro ancora c’è bisogno di una forza comunista che tracci una rotta alternativa a questa deriva neo-liberista, per rimettere al centro della politica il lavoro, la redistribuzione delle ricchezze, la pace e la solidarietà tra i popoli.

Alessandro Belardinelli – operaio, RSU FIOM – CGIL Indesit-Whirlpool Fabriano

Leggi tutto...

NATO ai confini con la Russia: rischio terza guerra mondiale

E-mail Stampa PDF

obama whitehouseda Sputnik News

Riteniamo di particolare significato questa presa di posizione di Manlio Di Stefano, deputato del Movimento 5 Stelle, che testimonia la presenza, anche nel parlamento italiano, di voci che si oppongono con determinazione alle provocazioni in corso ai confini della Russia, ad opera della NATO, che potrebbero preludere allo scatenamento di una guerra dalle spaventose dimensioni globali, con il coinvolgimento diretto dell'Italia. 

Esprimiamo l'augurio che a questo importante pronunciamento faccia seguito anche quello di un ampio schieramento di forze di sinistra, pacifiste e democratiche in grado di far finalmente valere le ragioni della pace e della distensione nelle aule della Camera e del Senato.

Silenzi e reticenze in merito alle minacce imperialiste di guerra nel nostro continente non sono più accettabili.

Leggi tutto...

Perché?

E-mail Stampa PDF

di Evdokiya Sheremeteva

Traduzione dal russo di Alena Afanasyeva per Marx21.it

Continuiamo a condividere le testimonianze di Evdokiya Sheremeteva (littlehirosima.livejournal.com) sulla situazione umanitaria nel Donbass. Chi vuole contribuire alla raccolta dei fondi o aiutare Evdokiya la può contattare direttamente tramite il suo blog, la pagina Facebook o per l'email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. (si può scrivere in inglese).

(post del 26 maggio – http://littlehirosima.livejournal.com/65916.html, abbreviato)

In ogni villaggio, in ogni città del Donbass dove abbiamo portato gli aiuti – e noi li distribuiamo in maniera mirata, per case, appartamenti, rifugi, mense sociali – sentiamo tantissime storie. Prima la gente si sente imbarazzata, quando entriamo, ma poi la barriera si rompe. Iniziano a raccontare e raccontare. I racconti si ripetono. Non mi sorprendono più. Solo che per molte persone tutti questi racconti sono come prima "non veri", sono delle "distorsioni", sono la propaganda della TV russa. 

Leggi tutto...

Pagina 1 di 114